FELIX AUGER-ALIASSIME, CARRIERA A RISCHIO

Il primo tennista nato negli anni duemila a ottenere un punto Atp soffre di un problema cardiaco che potrebbe compromettere la sua brevissima carriera.

Tennis – È stato il primo tennista nato negli anni 2000 a mettere in cascina un punto Atp. A 14 anni ha raggiunto i quarti di finale in un torneo Challenger dopo aver sconfitto tre avversari rispettivamente numero 570, 493 e 205 della classifica Atp. Nello stesso torneo ha vinto un parziale contro Nishioka, numero 145 del mondo. La carriera di Felix Auger-Aliassime sembrava già ben indirizzata verso ottimi risultati. Qualche giorno fa, tuttavia, un meteorite si è abbattuto sul pianeta Auger-Aliassime. Il ragazzo sarebbe affetto da un problema cardiaco congenito che potrebbe costringerlo a dire basta con il tennis.

Lui, al momento, sta continuando a competere in tornei via via più importanti. Ma la sua vita è in qualche modo cambiata. Il monitoraggio del suo cuore è continuo e i medici che lo seguono sono impegnati nella costante ricerca della causa e della soluzione al suo problema: “Ho crisi di questo tipo da quando ero piccolo, ci ho sempre convissuto e non mi ha impedito di essere competitivo”. Ma al Challenger di Le Gosier (Guadalupa), che si è giocato a inizio aprile, le tachicardie si sono fatte insistenti e il giovane canadese si è dovuto ritirare dalla competizione.

Felix Auger-Aliassime è tornato in campo dopo circa due settimane di riposo, giocando il Future di Lleida e raggiungendo la finale. Le sue ambizioni si sono scontrate con Ramkumar Ramanathan, che lo ha battuto in due set. Il suo caso ricorda parecchio quello di Mardy Fish. Il tennista americano, prima di ritirarsi definitivamente, si era dovuto allontanare dai campi a causa di violente palpitazioni che lo colpivano sia mentre giocava sia mentre era a riposo: “È come se il mio cuore saltasse fuori dal petto, come se avesse sostenuto uno sprint per strada” raccontava Fish parlando di questo suo problema. Il tennista originario del Minnesota si era sottoposto a una serie interminabile di esami medici e diverse cure prima di sconfiggere definitivamente questa sindrome. E il suo rientro in campo, tra l’altro con ottimi risultati, non può che essere un buon auspicio per Felix Auger-Aliassime.

Tuttavia, al momento il ragazzo nato a Montreal nel giorno del 19esimo compleanno di Roger Federer resta sotto stretta osservazione. Il suo staff, prima di tutti il suo allenatore, si è mostrato molto preoccupato dalla situazione e non ha voluto giungere a conclusioni affrettate: “Dobbiamo vedere i risultati dei test cui Felix si sta sottoponendo. Bisogna capire se si tratta di un disturbo che possa garantirgli comunque una vita normale e uno stato di buona salute”.

Foto: Felix Auger-Aliassime è nato l’8 agosto come Roger Federer (www.atpworldtour.com)


Nessun Commento per “FELIX AUGER-ALIASSIME, CARRIERA A RISCHIO”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora