BETHANIE MATTEK-SANDS NUOVA N. 1 DI DOPPIO. BEFFATA SANIA MIRZA

La vittoria ottenuta a Brisbane ha il dolce sapore del primato per la tennista americana, che guadagna quattro posizioni nel ranking di doppio e scalza dal numero 1 proprio la compagna Sania Mirza.

Tennis – La vittoria di un Wta Premier come il Brisbane International ha e dovrebbe sempre avere una dolce sapore. È sicuramente così per Bethanie Mattek- Sands. La tennista statunitense, in coppia con Sania Mirza, ha alzato al cielo il trofeo del torneo di doppio femminile, battendo la coppia composta dalle russe Elena Vesnina ed Ekaterina Makarova (6-2, 6-3). Questo è il fatto, anche se si non si può dire che questo fatto corrisponda esattamente alla notizia. Perché la notizia è un’altra: Bethanie Mattek- Sands è la nuova numero 1 del mondo delle classifiche di doppio. E ha scalzato dalla poltrona proprio la sua compagna di avventura Sania Mirza: “Diventare numero 1 del mondo è qualcosa che sogni sin da quando prendi la racchetta in mano – ha detto la tennista di origini ceche dopo aver appreso del traguardo raggiunto – nulla ti viene regalato ed è qualcosa che devi guadagnarti. Sono davvero orgogliosa di esserci riuscita”. Bethanie Mattek- Sands è la 34esima atleta a raggiungere questo obiettivo dal 1984, stagione in cui fu istituita la classifica mondiale di specialità. Sono 23 i titoli Wta conquistati dalla 31enne nata a Rochester. Nella sua ricca bacheca ci sono anche gli Australian Open e il Roland Garros 2015 e gli Us Open 2016, tutti conquistati al fianco della ceca Lucie Safarova. Tra l’altro, le ultime tenniste americane in grado di issarsi al vertice del ranking furono Serena e Venus Williams, non certo due tenniste qualsiasi.

Ma c’è un paradosso in tutto questo, anzi due. Curioso il fatto che Bethanie Mattek- Sands conquisti la vetta della classifica Wta vincendo un torneo al fianco di Sania Mirza e non insieme alla sua storica compagna Lucie Safarova. Ricordiamo che le due, nell’ultima fase della stagione 2016, furono in grado di inanellare una serie di 18 vittorie consecutive tra Us Open, Wuhan e Pechino, spingendosi fino alla finalissima del Wta Championship di Singapore e perdendo soltanto dalla coppia Makarova-Vesnina.

Curioso anche il fatto che a cedere il posto alla Mattek- Sands sia proprio la sua attuale compagna di doppio, Sania Mirza. La tennista indiana deteneva il primato in classifica da ben 91 settimane (aprile 2015), ha confermato la vittoria ottenuta a Brisbane lo scorso anno e si prepara a difendere gli allori di Sydney e Melbourne. Insomma, ha fatto la sua parte. Ma il sistema di assegnazione dei punti della Wta, si sa, non premia chi si conferma. Premia chi migliora i propri risultati rispetto alle 52 settimane precedenti. Servono a poco, dunque, i risultati ottenuti dalla tennista originaria di Mumbai. Perché rispetto allo scorso anno sono i risultati di Bethanie Mattek-Sands ad avere maggior peso specifico e ad averla proiettata in cima al ranking di doppio della Wta. Siamo sicuri che la vittoria di un Wta Premier abbia lo stesso sapore per tutti?

Foto: Bethanie Mattek-Sands (www.nbcolympics.com)


Nessun Commento per “BETHANIE MATTEK-SANDS NUOVA N. 1 DI DOPPIO. BEFFATA SANIA MIRZA”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora