2014 IN CIFRE: FEDERER VINCE, COME NESSUNO

Il nostro viaggio statistico all’interno del 2014 ci svela che è lo svizzero il giocatore che ha vinto più partite e che ha giocato più finali nel corso della stagione. Mentre Bolelli è quarto nella classifica degli “scalatori”

Tennis. Nell’ultimo giorno dell’anno, vi proponiamo il terzo capitolo della nostra analisi statistica della stagione conclusa ormai da un mese. Dopo avervi fatto scoprire chi sono stati i migliori giocatori a gestire i momenti di massima pressione, chi sono stati i tennisti, che nel 2014 hanno brindato al primo titolo in carriera e quanti sono stati i match point salvati nel corso dell’anno è ora di tirare le somme e scoprire chi ha vinto più partite nel corso della stagione e quali giocatori hanno invece azzannato il ranking Atp, migliorando sensibilmente la propria classifica rispetto alla fine del 2013.

Roger, l’età è solo un numero. Sarà anche il più vecchio della top ten, non sarà più quella macchina perfetta incapace di perdere che è stato nei suoi anni giovanili, sarà anche, giustamente, il numero due del mondo, ma Roger Federer, quest’anno, è stato anche il giocatore che ha vinto di più nel circuito, e per distacco. Lo svizzero infatti ha raccolto la bellezza di 73 successi in 85 partite giocate (nessuno ne ha disputate così tante), aggiungendo cinque titoli al suo sfavillante palmares. Secondo, per distacco, il primo giocatore del mondo Novak Djokovic, vincitore di 61 partite su 69, ma con ben 7 titoli in bacheca. Sul gradino più basso del podio sale Andy Murray con le sue 59 vittorie, alimentate però per un terzo dai successi in serie raccolti nella forsennata corsa al Masters del finale di stagione. Il 17 volte campione di Slam è stato anche il giocatore che ha disputato più finali negli undici mesi di quest’anno, ben 11, anche se alla fine in 6 occasioni è uscito battuto dall’ultimo atto di un torneo (compreso il ritiro alle Atp Finals di Londra).

Vincitori per superficie. Federer è stato anche il più vincente sul cemento, con 56 affermazioni in 63 partite, che gli hanno fruttati 4 titoli, ancora uno in meno rispetto a Djokovic, il quale, con 40 successi (come Tomas Berdych) e 6 sconfitte, si è assicurato cinque coppe sul duro. Murray, su hard, ha fatto meglio di Nole, con 43 vittorie, ma 14 sconfitte, che hanno fruttato 3 allori.  Per quanto riguarda la terra battuta, il migliore è stato, ovviamente, Rafael Nadal, con 25 vittorie, tre titoli e tre sconfitte, un numero piuttosto alto per un cannibale del rosso come il maiorchino. Rafa però non è solo in vetta alla classifica delle vittorie sulla terra, visto che 25 successi come lui li hanno raccolti anche David Ferrer (8 sconfitte e un solo titolo) e soprattutto Fabio Fognini, il quale ha perso undici partite sul mattone tritato, trionfando in quel di Vina Del Mar a Febbraio. Con i sette successi a Wimbledon, Djokovic è l’unico giocatore che ha chiuso la stagione senza perdere nemmeno un partita su una singola superficie (l’erba), ma sui verdi manti il record di vittorie lo ha fatto registrare Feliciano Lopez, con i suoi dodici successi in quattordici partite. Meglio del serbo, almeno in termini puramente quantitativi, hanno fatto anche Federer e Dimitrov, entrambi vincenti in nove dei 10 incontri disputati sull’erba nel 2014. Il discorso superfici si chiude con l’ennesimo primato di Federer, tennista più vincente del 2014 sui tappeti indoor, con 17 successi su 19 partite. Alle sue spalle Marin Cilic (16-4) e la coppia composta da Kei Nishikori e Berdych (15 vittorie).

Gli scalatori dell’anno. Se fino ad ora abbiamo parlato dei grandi vincitori del 2014, l’ultimo paragrafo di questa parte della nostra analisi statistica dell’annata Atp, la dedichiamo ai giocatori che hanno scalato più posizioni nel ranking mondiale. Il migliore è stato il lussemburghese Gilles Muller, che, grazie a cinque successi a livello challenger, si è portato dal numero 366 di inizio stagione al numero 47 attuale, pur non raggiungendo il suo best ranking in carriera (numero 42). Molto buona anche la scalata del 18enne Borna Coric, salito dal gradino 367 fino al numero 91 e dell’uruguagliano Pablo Cuevas, giunto al suo best ranking di numero 30, vincendo i primi due tornei della sua carriera e migliorando di 191 posizioni la sua classifica. Appena fuori dal podio, arriva il nostro Simone Bolelli, che grazie ai quattro challenger conquistati nel corso della stagione è prepotentemente ritornato in top 100, stabilendosi al numero 55, dopo aver iniziato l’anno sul 244° gradino. Una scalata vertiginosa, prologo ad un 2015, che potrebbe ricondurre il 29 nativo di Budrio a quei livelli toccati nel 2008, quando si fermò ad un passo dai primi trenta giocatori del mondo.

 


Nessun Commento per “2014 IN CIFRE: FEDERER VINCE, COME NESSUNO”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

  • IL PAGELLONE ATP DEL 2014 Dopo una stagione lunga e combattuta tra i campi di tutto il mondo, ecco le pagelle di Tennis.it per il circuito ATP
  • IW UOMINI: DJOKOVIC CON MURRAY, FEDERER CON NADAL Sorteggiato il tabellone del primo master 1000 della stagione. Nella parte alta, possibile rivincita della finale australiana in semifinale, nella metà inferiore potremmo invece ritrovare […]
  • DJOKOVIC CONTRO FEDERER, LA RIVINCITA Finale maschile al Bnp Paribas Open di Indian Wells in programma alle ore 21.00 italiane. Djokovic cerca di confermarsi campione e il poker nel deserto, Federer vuole vendicare la […]
  • RACE TO LONDON. MURRAY RISCHIA Lo scozzese potrebbe restare fuori dalla corsa verso le Atp World Tour Finals. Ma le prestazioni di Cilic e Nishikori minano anche le certezze di Dimitrov e Raonic e non lasciano […]
  • SUBITO IN CAMPO I BIG THREE Il 2015 del circuito Atp inizia col botto e con tutti i magnifici tre in campo. Nadal difenderà il titolo a Doha dall’assalto di Djokovic, mentre Federer torna Brisbane dopo la finale […]
  • ROGERS CUP: ATTESA PER RAONIC, SENZA NADAL OCCHIO A FEDERER-DJOKOVIC Inizia la stagione sul cemento americano: tra i più attesi alla Rogers Cup, dopo il forfait di Rafael Nadal, ci sono Milos Raonic, finalista 2013, Novak Djokovic e Roger Federer.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Dicembre 2017

  • Dimitrov e Wozniacki "Maestri". Due veterani del tour ancora in parte inespressi, che a fine stagione hanno saputo cogliere il momento propizio. Nel 2018 sono comunque attesi alla prova del nove, magari un trionfo Slam...
  • Chi è Hyeon? Di cognome fa Chung, è coreano ed è più che coriaceo in campo. Qualità, quest'ultima, che gli è valsa la vittoria alla prima edizione delle "Next Gen" meneghine. Adesso lo aspettano i "grandi".
  • Giochi di squadra. Dopo oltre tre lustri, Francia e Stati Uniti riconquistano rispettivamente la Coppa Davis e la Fed Cup. Onore al merito dei due capitani ex giocatori, Yannick Noah e Kathy Rinaldi, che hanno saputo ricompattare e motivare le loro gloriose compagini.