DAVIS: LORENZI AL TOP, ARGENTINA-ITALIA 0-1

Gli azzurri partono col piede giusto, Lorenzi rifila un triplo 6-3 a Pella e mette la freccia a Parque Sarmiento. Attesa per Berlocq-Fognini

TENNIS – La partenza è di quelle con il piede giusto, anche se la giornata non può ancora dirsi conclusa. Paolo Lorenzi batte in tre set Guido Pella e regala all’Italia il punto dell’1-0 sull’Argentina. Il turno di Coppa Davis in programma a Buenos Aires, però, chiuderà il day-one con il match tra Carlos Berlocq e Fabio Fognini, in programma tra pochi minuti.

Nel frattempo, gli azzurri si godono il piccolo vantaggio sui campioni in carica, padroni di casa a Parque Sarmiento. Il cemento sudamericano regala subito una gioia: Lorenzi si impone con un triplo 6-3 sull’avversario Albiceleste, mostrando qualche segno di affanno soltanto nel terzo parziale. Il primo è una battaglia psicologica, i due si studiano finchè Paolo decide di affondare il colpo sul turno di battuta del rivale. È il sesto game, dopo che aveva sprecato una palla break al terzo. Qui il 35enne di adozione senese vola 4-2 e servizio, salvando tre palle break nel pesante arrembaggio di Pella del gioco successivo. L’argentino viene arginato e, al contrario, rischia di perdere il set già nel servizio seguente, salvo rinviare un esito già scritto al nono game. Il primo di due set-point è già quello buono per proiettarsi al meglio verso il secondo set.

La sostanza non cambia, anzi. Lorenzi va subito avanti di un break nel primo gioco, rincarando la dose al settimo: 5-2 e servizio, ma accusa un passaggio a vuoto che rischia di condizionarne la tenuta mentale nel corso dei minuti successivi. Pella recupera un break alla seconda di tre palle per il 3-5, ma perde battuta e parziale nel frangente successivo: la miglior difesa è l’attacco, Paolo fa suo questo motivo e chiude in risposta, ancora al primo di due set-point.

Un vantaggio pesante, sia dal punto di vista psico-fisico che puramente statistico. Nel terzo set, il servizio dell’azzurro rimane solido per i primi due turni di battuta, durante i quali non avvengono particolari scossoni. L’affondo che vale il 3-1 e servizio lancia l’Italia verso il primo punto di giornata, ma l’argentino attua il contro-break e riporta il set in equilibrio. Ancora una volta, la reazione di Lorenzi è quella giusta, accentuata dal coefficiente di difficoltà dovuto al fattore campo di Parque Sarmiento. Due palle break per il 4-2 e servizio, concretizzata la seconda e difeso il turno di battuta. C’è solo da attendere e gestire il vantaggio, senza l’urgenza di dover forzare la giocata al cambio campo, pur non riuscendo a sfruttare un match point. La chiusura con un altro 6-3 conferma l’ottima partenza dell’Italia e il solito, prezioso contributo di Lorenzi alla causa azzurra.

Con questo successo, dunque, l’attenzione si sposta tutta su Berlocq-Fognini. Il ligure può lanciare il team di Barazzutti verso un weekend decisamente più tranquillo, con l’obiettivo di vendicare la sconfitta di Pesaro. L’argentino, invece, dovrà evitare di mettere la sua Nazionale con le spalle al muro, in modo da affrontare il sabato in maniera più tranquilla. In serata si tireranno le somme.


Nessun Commento per “DAVIS: LORENZI AL TOP, ARGENTINA-ITALIA 0-1”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Marzo 2017

  • Roger guarda sepre più avanti. Dopo l’incredibile traguardo raggiunto a Melbourne, il favoloso Federer non si pone più limiti e guarda al suo 2017 con occhi nuovi. È tornato a pensare che Wimbledon sia un suo terreno di conquista e spera di riuscire a riprendere le chiavi di quel “giardino incantato”.
  • Rafa vuole il Real Madrid. Un giorno vorrebbe diventare il Presidente del famoso club calcistico madrileno, ha ammesso Nadal, che da sempre ha una grande passione per il pallone. Che stia già pensando al ritiro dal circuito della racchetta.
  • Gli azzurri di Davis sognano. Dalla vittoria di primo turno, fatta registrare in Argentina sulla squadra detentrice dell’insalatiera d’argento, riprende la corsa di una nazionale italiana motivata e generosa, capace di riaccendere l’entusiasmo dei suoi tifosi.