DAVIS: BEFFA NEL DOPPIO, ARGENTINA-ITALIA 1-2

Davis a Baires: Bolelli e Fognini vanno sotto di due set contro Berlocq e Mayer, risalgono fino a sprecare un match point e cedono al tie-break del quinto

TENNIS – Una rimonta accarezzata, bramata e quasi raggiunta, distante un solo punto dopo tanta sofferenza. L’Italia non chiude il discorso qualificazione in casa dell’Argentina, che a Buenos Aires vince il doppio del sabato e dimezza lo svantaggio. Berlocq e Mayer battono Bolelli e Fognini, portandosi sull’1-2 in attesa di domani: finisce 6-3 6-3 4-6 2-6 7-6[7].

I padroni di casa arrivano al match di Parque Sarmiento con un solo risultato a disposizione e con tutta la pressione sulle loro spalle. La lettura iniziale, però, è quella giusta e gli azzurri vengono colti di sorpresa dopo un venerdì trionfale. Berlocq e Mayer non concretizzano due palle break e ne salvano tre, poi riescono a piazzare l’affondo che vale il primo set: break decisivo all’ottavo game, 5-3 e servizio per chiudere il parziale al primo di due set-point. Il buon momento dell’Argentina, poi, si prolunga anche nel secondo set, con Bolelli e Fognini che continuano ad avere difficoltà nell’arginare le risposte degli avversari: il punteggio non cambia, è un altro 6-3, ma pesano due turni di battuta persi al quinto e al nono gioco, proprio quando si va al servizio per rimanere in corsa.

È qui, però, che si accende la lampadina dell’Italia, in un match con pochi sussulti e tanta sofferenza. Fabio e Simone sondano il terreno per una potenziale rimonta, cercano la stoccata al quinto game del terzo set, quando conquistano una palla break ma non riescono a concretizzarla. L’occasione migliore è dietro l’angolo e arriva sul 4-4 e servizio argentino: tre palle per andare a servire per il set, l’ultima è quella buona. Al cambio campo, gli azzurri rientrano in partita chiudendo 6-4. L’ago della bilancia si sposta dalla parte ospite, Parque Sarmiento comincia a vedere gli spettri del day-one: il quarto set è uno schiaffo ai padroni di casa, break nel game d’apertura e al quinto gioco, senza concedere nemmeno una palla break e pareggiando i conti con un impeccabile 6-2 che rimanda ogni discorso al quinto set.

Nonostante l’entusiasmo e l’inerzia a favore, Bolelli e Fognini si complicano la vita nei primi due games del set decisivo. Sotto 2-0 dopo aver perso il servizio, però, la coppia azzurra piazza il contro-break e risale immediatamente fino al 2-2, evitando il contraccolpo psicologico. L’equilibrio, a questo punto, non si schioda più fino al momento più delicato dell’intero pomeriggio. Si va al tie-break, dove gli italiani accusano un pesantissimo passaggio a vuoto e vanno sotto 6-2: la rimonta, però, è ancor più clamorosa e vale non solo quattro match point annullati, ma anche uno conquistato sul proprio servizio. Qui arriva la beffa: l’Argentina lo annulla e va a vincere 9-7, chiudendo al quinto set e riaprendo la sfida dopo i due ko del venerdì.

Con questa sconfitta, l’Italia riapre il discorso qualificazione che sembrava fosse ormai chiuso dopo le vittorie di Seppi e Lorenzi nei due singolari di ieri. Adesso il verdetto viene rinviato a domani, quando andranno in scena gli altri due match che decreteranno la Nazionale che passerà il turno.


Nessun Commento per “DAVIS: BEFFA NEL DOPPIO, ARGENTINA-ITALIA 1-2”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Marzo 2017

  • Roger guarda sepre più avanti. Dopo l’incredibile traguardo raggiunto a Melbourne, il favoloso Federer non si pone più limiti e guarda al suo 2017 con occhi nuovi. È tornato a pensare che Wimbledon sia un suo terreno di conquista e spera di riuscire a riprendere le chiavi di quel “giardino incantato”.
  • Rafa vuole il Real Madrid. Un giorno vorrebbe diventare il Presidente del famoso club calcistico madrileno, ha ammesso Nadal, che da sempre ha una grande passione per il pallone. Che stia già pensando al ritiro dal circuito della racchetta.
  • Gli azzurri di Davis sognano. Dalla vittoria di primo turno, fatta registrare in Argentina sulla squadra detentrice dell’insalatiera d’argento, riprende la corsa di una nazionale italiana motivata e generosa, capace di riaccendere l’entusiasmo dei suoi tifosi.