ROGER FEDERER COME RE MIDA

Vestire i panni di Roger Federer, quelli veri, è possibile. Per la modica cifra di 45mila dollari il sito Tennis Warehouse mette in vendita l’outfit indossato dallo svizzero nella finale degli Australian Open. Con tanto di autografo e certificazione di garanzia.

Tennis – Quanto può valere l’autografo di un tennista? Tanto, non ci sono dubbi, soprattutto se si tratta di uno dei primi del mondo. Quanto può valere l’autografo “del” tennista per eccellenza? Probabilmente ancora di più.

Si dice spesso che certe cose non hanno prezzo. L’emozione di vedere Roger Federer dal vivo non può avere prezzo. Chiunque abbia visto lo svizzero muoversi su un campo, chiunque lo abbia visto colpire la palla con quella grazia e con quell’innata eleganza potrà confermarlo. Lo stesso vale per qualsiasi cimelio che in qualche modo lo rappresenta. Una racchetta firmata in un negozio di articoli sportivi. Un polsino lanciato tra la folla al termine di una partita. Una pallina autografata. Un puro e semplice autografo. Ma è davvero così?

Può esistere un modo per calcolare il valore dell’autografo di Roger Federer? O di una qualsiasi cosa “toccata” dallo svizzero recente vincitore del Master 1000 di Indian Wells? Forse sì. La possibilità, anche se non certo confermata da studi matematici, la concede uno dei siti di vendita online di abbigliamento, racchette e accessori di tennis, Tennis Warehouse.

Il completino bianco e nero indossato da Roger Federer nella leggendaria finale degli Australian Open 2017 può essere acquistato. E anche indossato. Il prezzo si aggira intorno ai 45mila dollari. Ci sono le scarpe, 25mila dollari, i pantaloncini, 5mila, la maglia, 7.500 dollari, e persino il cappello, 2.500, il polsino, 350 dollari e l’asciugamano, 5mila dollari. Sono tutti griffati Nike e hanno anche il logo della linea di abbigliamento dedicata a Roger Federer. C’è anche l’autografo del campione svizzero. Insomma, un’occasione imperdibile. Scherzi a parte, l’acquisto è davvero possibile nella sezione “Memorabilia” del sito, esplicitamente dedicata ai cimeli della storia del tennis e recentemente inaugurata.

Ma visto che stiamo parlando di un sito di commercio online, allora è possibile fare un confronto con i prezzi della stessa linea di abbigliamento senza l’autografo del campione dei campioni. La maglietta RF Premier Advantage Henley è acquistabile a 100 dollari. Non sono pochi, ma non sono nemmeno 7.500. I pantaloncini costano 85 dollari, mentre il cappello soltanto 28. Le scarpe modello Zoom Vapor 9,5 Flyknit sono addirittura in saldo, 135 dollari e non 180.

Dunque, la differenza tra l’outfit autografato e quello commerciale è qualcosa di stupefacente. L’autografo di Roger Federer sulle scarpe indossate durante la finale di Melbourne, tra l’altro legittimamente vendute senza sottopiede, ha fatto lievitare il loro costo da 135 dollari a 25mila. E il totale della spesa per l’acquisto del completo, 348 dollari, con la firma del campione di Basilea arriva a 45.090 dollari. Una differenza di 44mila 742 dollari. Una differenza che può rappresentare materialmente il valore dell’autografo di sua maestà Roger Federer. Ma che, al di là della facile ironia, non deve far perdere i corretti riferimenti. Il ricavato della vendita dell’outfit di Roger Federer sarà interamente devoluto in favore della Roger Federer Foundation, la no-profit di casa Federer che promuove iniziative volte a sconfiggere la povertà nel mondo e a favorire la crescita dei bambini africani. Un chiaro intento nobile, in puro stile Roger Federer.

Foto: Roger Federer durante la finale degli Australian Open (www.zimbio.com)


Nessun Commento per “ROGER FEDERER COME RE MIDA”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora