“Anche in epoca non sospetta sono sempre stato un grande tifoso di Nadal. D’altro canto Federer non ha neanche mai vinto qua. Credo non abbia un grande ricordo di Roma, visto che avrebbe dovuto vincere almeno due volte (ed una volta ha sprecato due MP contro Nadal). Ma io credo che, come successe a Wimbledon […]

“Anche in epoca non sospetta sono sempre stato un grande tifoso di Nadal. D’altro canto Federer non ha neanche mai vinto qua. Credo non abbia un grande ricordo di Roma, visto che avrebbe dovuto vincere almeno due volte (ed una volta ha sprecato due MP contro Nadal). Ma io credo che, come successe a Wimbledon quando ci fu lo sciopero dei giocatori, una manifestazione come questa sia più forte di un grande campione e che quindi anche quest’anno batteremo tutti i record di incasso e di biglietti.”

Ci sarà, però, Maria Sharapova cui è stata concessa una wild card che molto ha fatto e farà discutere. Uno straordinario evento porterà domenica 14 maggio per la prima volta le stelle del tennis al Colosseo, simbolo della Capitale nel mondo. Due giorni prima, venerdì 12 maggio, il sorteggio dei tabelloni principali maschile e femminile sarà effettuato sotto l’Arco di Costantino. I protagonisti del torneo si concederanno a veri e proprio bagni di folla anche sia in Piazza del Popolo sia, ed è una novità assoluta, a Ponte di Nona, per coinvolgere uno dei quartieri periferici di Roma. Gli Internazionali BNL d’Italia grazie a un nuovo rapporto con il Comune valicano dunque i confini del Foro Italico per estendere l’entusiasmo a tutta la città.

“Abbiamo finalmente la presenza del Sindaco, che dovrebbe essere una cosa normale alla presentazione di una manifestazione di questo livello, ma così non è stato e noi sappiamo quanto distacco sia stato creato negli anni tra gli Internazionali e il Campidoglio e quanto sia lo spazio che deve essere ancora recuperato. Ma siamo sulla strada buona, la conquista del Colosseo, per la quale debbo ringraziare il Soprintendente e il Ministero dei Beni Culturali, non è solo un punto di arrivo per chi, come me, ha sempre creduto che tra le eccellenze dei vari settori della nostra vita civile ci debbano essere delle sinergie che consentano, come ad esempio in questo caso, allo sport di veicolare nel mondo le bellezze storiche e artistiche della nostra civiltà. La conquista del Colosseo è anche un punto di partenza, perché significa che tra noi e la città di Roma non ci sono finalmente più barriere e preconcetti e possiamo finalmente avviare la fase delle sinergie a tutto campo”.

In crescita i dati sulla prevendita che alla fine della scorsa settimana ha già fruttato 7.202.261 euro (+13% rispetto allo stesso momento del 2016, anno in cui per la prima volta si sono superate le 200 mila presenze al Foro) anche per i prezzi leggermente aumentati. I tagliandi giornalieri sinora venduti sono 71.246 con un incremento percentuale del 15%, mentre gli abbonamenti già venduti sono 1.205, il 3% in più. E il presidente del Coni Malagò annuncia, a sorpresa, l’invito per Mattarella che, Q”salvo impegni dell’ultimo momento, verrà il giorno della finale, sia maschile che femminile. Devo dire che è un atto di grande sensibilità da parte sua, perché voi sapete che normalmente lui presenzia alla finale di Coppa Italia che da qualche anno si svolge qui all’Olimpico proprio perché è diventata la Coppa del Presidente, però ha voluto dare già un segnale di una testimonianza significativa quando è venuto al Sei Nazioni a vedere la partita di rugby e adesso ci auguriamo che venga confermata, come sembra, la sua presenza qui agli Internazionali d’Italia di tennis, che arricchisce ancora di più il prestigio del torneo”.

Prestigio che conferma anche il sindaco Virginia Raggi. “Per noi è estremamente importante poterli ospitare, e continuare a farlo, qui a Roma. Anche perché ci sono i migliori atleti e le migliori atlete che si sfidano sul campo e ciò rappresenta una bellissima opportunità per la città di mostrarsi al mondo. Ed è proprio su questo che stiamo lavorando come Amministrazione, su due fronti. Da un lato, in stretta collaborazione con gli organizzatori, la Federtennis, il Coni e Coni Servizi, per garantire tutto ciò che è necessario dal punto di vista sportivo, e dall’altro lato abbiamo già avviato delle conferenze di servizi per garantire che la città sia accogliente non solo per gli atleti, ma anche per i loro famigliari, gli spettatori e tutti gli appassionati perché Roma può offrire tanto. Con questo spirito di accoglienza ci stiamo preparando ad ospitare questo bellissimo evento”.

I tifosi potranno beneficiare anche del servizio navetta da Termini al Foro Italico e ritorno, grazie all’accordo con Trenitalia. Per gli altri c’è la tv. Il torneo femminile sarà integralmente trasmesso da SuperTennis: gratuitamente sul canale 64 del digitale terrestre, in HD sulla piattaforma satellitare SKY canale 224 e sul numero 30 di Tivùsat, oltre che in simulcast streaming su www.supertennis.tv attraverso l’applicazione ufficiale gratuita per i-phonc e i-pad. Sarà inoltre visibile in mobilità su smartphone e tablet. Il Masters 1000 sarà integralmente trasmesso in HD da SKY sui propri canali satellitari SKY Sport2 e SKY Sport3. Saranno visibili per i clienti SKY anche in mobilità su smartphone, tablet e pc grazie a Sky Go. Due quarti di finale, le due semifinali e la finale maschile saranno trasmessi in chiaro su TV8 del digitale terrestre.

Durante il torneo appuntamento quotidiano con le dirette Facebook di SuperTennis degli incontri e curiosità da seguire sugli account social degli Internazionali BNL d’Italia (Facebook, Twitter, Instagram, Instagram Stories e Snapchat). L’hashtag per commentare insieme, condividere foto, video ed emozioni è #ibi17.


Nessun Commento per “INTERNAZIONALI BNL D'ITALIA: IL CUORE BATTE NEL CUORE DI ROMA”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Ottobre 2017

  • Il clone di Serena Anche il suo nome inizia con la "S", anche lei ha la pelle nera, anche lei è americana, anche lei ha vinto gli US Open. Sloane Stephens potrà veramente prendere il posto della Willliams sul Tour e nel cuore degli appassionati?
  • "Next Gen" Shapovalov Diciotto anni, israeliano di sangue russo, Denis ha vissuto un'estate da leone sul circuito collezionando due vittorie da incorniciare su del Potro e Nadal. Tutto lascia pensare che non si tratti di un fuoco di paglia.
  • La Rod Laver Cup svecchia la Davis Ci voleva la formula innovativa del nuovo torneo a squadre, nato sotto la sapiente guida del grande Federer, per convincere la Federazione Internazionale a rivoluzionare l'ormai obsoleta Coppa Davis.