BOGOTA’: IL FORTE RUGGITO DI FRANCESCA SCHIAVONE

Una vittoria tinta di azzurro. Francesca Schiavone ha infatti conquistato il Claro Open Colsanitas di Bogotà a discapito della spagnola Lara Arruabarrena...

Tennis – Grande vittoria per Francesca Schiavone che ha conquistato il torneo di Bogotà grazie alla vittoria, in finale, sulla spagnola Arruabarrena 6-4 7-5, dopo un match emozionante.

L’azzurra, a quasi 37 anni (il 23 giugno), ha ottenuto il suo ottavo titolo WTA: Bad Gatstein 2007, Mosca 2009, Barcellona 2010, Roland Garros 2010, Strasburgo 2012, Marrakech 2013 e Rio de Janeiro 2016.

La leonessa di Milano ha infatti conquistato una vittoria importante per la sua carriera (diciannovesima finale e 600esima vittoria in carriera) ed il suo spirito, in un periodo in cui tutti la davano per “spacciata”. 

Dalla posizione numero 168, la Schiavone è risalita come numero 118 assicurandosi un posto al tabellone del French Open senza passare per le qualificazioni. 

Non penso al ritiro, penso solo a giocare e divertirmi ancora per un po’ – ha dichiarato Francesca nel post match. In questo momento, mi viene in mente la vittoria nel 2010 del Roland Garros. È passato molto, troppo tempo dal mio ultimo trionfo in terra rossa e sono felicissima di aver vinto di nuovo.


Nessun Commento per “BOGOTA': IL FORTE RUGGITO DI FRANCESCA SCHIAVONE”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora