MUGURUZA: ‘ORA SONO PIU’ PROFESSIONALE’

La tennista spagnola raggiunge la sua prima finale fuori da uno Slam da Pechino 2015 e in conferenza stampa parla del suo momento positivo

In una recente intervista Garbine Muguruza ha parlato delle differenze che ci sono nel suo tennis e nella sua testa ora rispetto al passato: “Quando ho vinto l’Open di Francia, sentivo che questo mi avrebbe aiutato a vincere partite nei tornei seguenti. Stavolta non mi aspetto di giocare ogni torneo come fatto al Roland Garros. Non prendo nulla per scontato e mi sento molto più professionale. Vedo le cose da una prospettiva diversa. Prima piangevo e mi arrabbiavo, ora dico ‘va bene, non è successo nulla di che’. Penso che tutti si siano sentiti in questo modo nella vita”.

Le chiedono inoltre se la vittoria a Wimbledon la faccia sentire più libera. “Non penso che stia giocando più sciolta. Sono d’accordo che aiuta la mia fiducia, ma non sto giocando sciolta perché si ha sempre pressione. Se non vinci, hai pressione perché vuoi vincere e se vinci, hai pressione perché non vuoi perdere. È sempre difficile. Ma sicuramente la vittoria a Wimbledon mi aiuta in queste partite dure e nelle situazioni complicate”.

Qual è il suo miglior consiglio che può dare a un giovane nel gestire la tensione? “La pressione provoca dolore (sorride, ndr). Ma se hai pressione significa che c’è gente che pensa tu sia forte. Quindi penso sia una buona cosa anche se a volte dolorosa”.


Nessun Commento per “MUGURUZA: 'ORA SONO PIU' PROFESSIONALE'”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Maggio 2018

  • Nadal senza limiti. Continua a primeggiare il n.1 del mondo, in barba agli infortuni, al nuovo che avanza e anche ai suoi quasi 32 anni. Un fenomeno che si nutre di "mattone tritato".
  • Gli Internazionali di un tennista romano. Nascere ad un passo dal centrale del Foro Italico, scrutarlo, sognarlo e riusicire a calcarlo da beniamino del pubblico. "Core de Roma" Pistolesi racconta il suo sogno diventato realtà.
  • In America qualcosa si muove. I tornei d'oltreoceano giocati a Indian Wells e Miami hanno mostrato un panorama tennistico in movimento, in cui le certezze dei campionissimi traballanno e cominciano a intravedersi sprazzi di futuro.