AZARENKA SALTA GLI US OPEN, ARRIVA L’UFFICIALITA’

Ancora non risolta la questione della custodia del figlio Leo per la tennista bielorussa.

Victoria Azarenka continua il “trend” dei forfait. Dopo Stanford, Toronto, Cincinnati la tennista bielorussa rinuncia ufficialmente anche agli US Open, in programma dal 28 agosto al 10 settembre, per i noti problemi riguardanti la custodia di suo figlio. “Sono triste per non poter essere in grado di competere quest’anno a causa dei miei continui problemi familiari su cui sto lavorando. Mi mancherà non giocare in uno dei tornei che più amo, ma non vedo l’ora di tornare il prossimo anno“, ha assicurato attraverso un comunicato la ex numero uno al mondo, che nel 2012 e 2013 a New York ha raggiunto due finali di fila perdendo sempre da Serena Williams (anche lei assente in questa edizione perché prossima alla maternità) e ha vinto anche nel 2007 il titolo di doppio misto.

Come detto Azarenka si trova impegnata in un caso legale contro il suo ex fidanzato Billy McKeague dal quale si è separata lo scorso luglio. Un’udienza dovrebbe tenersi il prossimo mese, e secondo indiscrezioni trapelate nelle scorse settimane Vika potrebbe chiedere un risarcimento pari a 10 milioni di dollari perché impossibilitata a competere e quindi a guadagnare montepremi (chi si aggiudica il titolo agli US Open si porta a casa 3.7 milioni). In un lungo post sulla sua pagina Facebook la scorsa settimana, Azarenka aveva già anticipato che sarebbe stato complicato per lei giocare gli US Open perché avrebbe dovuto lasciare in California il piccolo Leo.

Al momento la tennista bielorussa non ha in programma di giocare tornei da qui a fine anno per il semplice fatto che per farlo deve ricevere wild card dagli organizzatori. Potrebbe tornare nello swing asiatico (Wuhan, Tokyo, Pechino) o nelle ultime settimane di stagione in Europa sul cemento indoor (Mosca, Lussemburgo, Linz). Su Facebook aveva scritto: “Spero che la situazione si risolva presto in modo da poter tornare a competere. Rimango ottimista sul fatto che nei prossimi giorni io e il padre di Leo possiamo fare dei passi nella giusta direzione per lavorare effettivamente come squadra e arrivare a trovare un accordo che permetta a tutti noi tre di viaggiare e a me di competere, ma – cosa più importante – assicurare a Leo una presenza costante da parte dei suoi genitori”.


Nessun Commento per “AZARENKA SALTA GLI US OPEN, ARRIVA L'UFFICIALITA'”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Ottobre 2017

  • Il clone di Serena Anche il suo nome inizia con la "S", anche lei ha la pelle nera, anche lei è americana, anche lei ha vinto gli US Open. Sloane Stephens potrà veramente prendere il posto della Willliams sul Tour e nel cuore degli appassionati?
  • "Next Gen" Shapovalov Diciotto anni, israeliano di sangue russo, Denis ha vissuto un'estate da leone sul circuito collezionando due vittorie da incorniciare su del Potro e Nadal. Tutto lascia pensare che non si tratti di un fuoco di paglia.
  • La Rod Laver Cup svecchia la Davis Ci voleva la formula innovativa del nuovo torneo a squadre, nato sotto la sapiente guida del grande Federer, per convincere la Federazione Internazionale a rivoluzionare l'ormai obsoleta Coppa Davis.