DANIEL NESTOR METTE FINE ALLA SUA CARRIERA

Il veterano doppista canadese dirà basta il prossimo agosto dopo una carriera durata 25 anni. I motivi del ritiro gli scarsi risultati stagionali e la necessità di stare con la sua famiglia

In una lunga intervista a Sportsnet, il 45enne doppista Daniel Nestor ha rivelato che questa stagione tennistica in corso è la sua ultima in carriera. Dopo quasi 30 anni nel circuito ATP, il canadese ha deciso di porre fine al suo lunghissimo percorso nel professionismo. I suoi programmi prevedono giocare la trentesima edizione della Rogers Cup ad agosto, nella sua città natale Toronto, e forse gli US Open, prima di ritirarsi ufficialmente. Tiana e la sorella più piccola di 4 anni, Bianca, potranno essere portate a scuola dal papà ogni giorno. “Sarà bello stare a casa full time e aiutarle, e non doverle salutare tutto il tempo – ha affermato Nestor -. Aiuterò i miei figli a crescere e spero a diventare delle persone mature“.

La carriera di Nestor è da tutto rispetto. Ha vinto 12 Slam di cui 8 in doppio maschile e 4 nel misto, la medaglia d’oro per il Canada alle Olimpiadi di Sydney e nel 2009 è diventato il primo giocatore nella storia, tra singolo e doppio, a vincere almeno una volta tutti gli Slam e i Masters 1000. “Ha avuto tanto successo, ha realizzato tutto quello che voleva e anche di più”, ha detto Roger Federer nel 2014.

Nestor ha ammesso che la questione ritiro è stata nella sua mente per diverso tempo, voleva giocare il più possibile ma questo desiderio si è in parte spezzato dopo una stagione 2017 che lo vede in posizione numero 43 nella classifica di doppio, avendo vinto soltanto 16 partite su 41. “Non ottenere i risultati a cui sono abituato non è divertente. Sono ancora molto professionale e farò del mio meglio fino alla prossima estate, ma dopo di che, probabilmente ha più senso chiuderla lì”. 


Nessun Commento per “DANIEL NESTOR METTE FINE ALLA SUA CARRIERA”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

  • LA FAVOLA LONDINESE DI MARRAY/NIELSEN Dopo lo straordinario successo a Wimbledon la coppia anglo-danese ha giocato insieme solo in poche occasioni e senza brillare, ma appena i due hanno rimesso piede a Londra sono tornati a […]
  • BATTERE IL CANADA PER TORNARE GRANDI TENNIS – Manchiamo dalle semifinali di Coppa Davis addirittura dal 1998: 15 anni di purgatorio sono sufficienti. Superare il Canada non è impossibile, il confronto è equilibratissimo. Il […]
  • LA PRIMA È DI FEDERER Imponendosi per 6-2 2-6 6-4 su Jo-Wilfried Tsonga, lo svizzero ha inaugurato con un successo la sua decima partecipazione consecutiva alle Atp World Tour Finals. In serata spazio alla sfida Nadal-Fish
  • FOGNINI E BRACCIALI SI ARRENDONO, ORA SI FA DURA TENNIS - Partita eroica del nostro team di doppio che rimette in sesto un match che li vedeva sotto di due set e di un break. Alla fine sono costretti a cedere dopo quasi quattro ore e […]
  • COPPA DAVIS, IL CANADA PER LA STORIA, LA SERBIA PER LA CONFERMA TENNIS - Djokovic contro Raonic, Nestor contro Zimonijc. All'Arena di Belgrado va in scena la semifinale fra il team rivelazione di quest'anno, i canadesi giunti alla prima semifinale […]
  • COPPA DAVIS, IL WORLD GROUP DELLE SORPRESE POSSIBILI Molte delle teste di serie potrebbero capitolare a causa delle numerose assenze. Nestor proverà ad entrare nella storia della Coppa Davis

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Maggio 2018

  • Nadal senza limiti. Continua a primeggiare il n.1 del mondo, in barba agli infortuni, al nuovo che avanza e anche ai suoi quasi 32 anni. Un fenomeno che si nutre di "mattone tritato".
  • Gli Internazionali di un tennista romano. Nascere ad un passo dal centrale del Foro Italico, scrutarlo, sognarlo e riusicire a calcarlo da beniamino del pubblico. "Core de Roma" Pistolesi racconta il suo sogno diventato realtà.
  • In America qualcosa si muove. I tornei d'oltreoceano giocati a Indian Wells e Miami hanno mostrato un panorama tennistico in movimento, in cui le certezze dei campionissimi traballanno e cominciano a intravedersi sprazzi di futuro.