DAVENPORT: ‘KEYS PUO’ VINCERE UNO SLAM’

L'allenatrice della fresca finalista US Open fiduciosa per il futuro

Sono passati otto mesi da quando Madison Keys ha giocato e perso la finale degli US Open contro la sua connazionale Sloane Stephens. 22enne, Keys ha vinto soltanto tre game in quella finale, ma essere arrivata così in fondo è un risultato significativo per l’americana, soprattutto a seguito delle due operazioni al polso. “Sapevo che fosse una grande opportunità, ma non aveva più benzina nel serbatoio. Era sconvolta”, ha detto la sua allenatrice Lindsay Davenport in una recente intervista a ESPN, insistendo però che Keys “è migliorata, cambiata e maturata” da quando è tornata nel circuito durante la stagione su erba. Keys ha vinto anche il titolo di Stanford e raggiunto le semifinali a Cincinnati prima della splendida cavalcata a Flushing Meadows.

“Devo dire che tutti intorno a lei sono molto felici – ha sottolineato Davenport -. Ovviamente, come ho detto a lei, un match non cambia niente. Tutto quello che hai fatto o stai facendo negli ultimi tre mesi ti metterà nella posizione di avere un’altra chance per riuscirci”.

Sono entusiasta per lei e per il suo futuro”.


Nessun Commento per “DAVENPORT: 'KEYS PUO' VINCERE UNO SLAM'”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Maggio 2018

  • Nadal senza limiti. Continua a primeggiare il n.1 del mondo, in barba agli infortuni, al nuovo che avanza e anche ai suoi quasi 32 anni. Un fenomeno che si nutre di "mattone tritato".
  • Gli Internazionali di un tennista romano. Nascere ad un passo dal centrale del Foro Italico, scrutarlo, sognarlo e riusicire a calcarlo da beniamino del pubblico. "Core de Roma" Pistolesi racconta il suo sogno diventato realtà.
  • In America qualcosa si muove. I tornei d'oltreoceano giocati a Indian Wells e Miami hanno mostrato un panorama tennistico in movimento, in cui le certezze dei campionissimi traballanno e cominciano a intravedersi sprazzi di futuro.