MOURATOGLOU: “KYRGIOS NON VINCERÀ SLAM PER ORA”

Nel corso di una lunga intervista, il coach francese Mouratoglou si è soffermato sull’importanza del duro lavoro per tramutare il talento in vittorie

Tennis. Tra gli allenatori più apprezzati dell’intero universo tennistico figura senza dubbio il nome di Patrick Mouratoglou, attuale coach di Serena Williams e recente protagonista di un’interessante intervista ai microfoni di Sky Sport condivisa sulla sua pagina Facebook.

L’esperto francese si è concentrato soprattutto sulla correlazione fra talento e duro lavoro, ritenuto indispensabile al fine di trasformare il dono di madre natura in uno strumento di successi invece che di sanguinosi rimpianti nel dopo carriera.

Il talento di colpire la palla aiuta soltanto in alcuni punti ma è pericoloso. Quando lavoravo con Dimitrov, gli spiegavo proprio questo, visto che aveva tanto talento. Gli dicevo: “Non ascoltare mai chi dice che hai talento, perchè ciò ti farà pensare che si può avere successo senza lavoro”.

E in effetti, la maggior parte dei giocatori fatica da questo punto di vista. (Nick) Kyrgios ha talento ma ce ne sono tanti come lui. Si basa tutto su quanto lotto durante le partite, quanto do di me stesso.

Questa è la domanda cui devo rispondere per sapere se questo ragazzo sarà numero uno o vincerà Slam.

Per ora, non vincerà Slam, perchè non sta lavorando abbastanza duramente, non è in forma e non lotta per tutto il tempo durante le partite. Oggi (Alexander) Zverev ha forse meno talento di Kyrgios, ma dà il 100 per cento”.

Mouratoglou ha poi esemplificato il concetto in maniera ulteriore riportando un aneddoto relativo ad una precedente esperienza lavorativa, utile ad evidenziare quanto volontà e abnegazione possano svolgere un ruolo fondamentale per il raggiungimento dei propri obiettivi.

“Con Marcos Baghdatis è successo quello che accade a molti giocatori. Tutti hanno un sogno o un’idea: per molti, l’ingresso tra i top-100 è il sogno di una vita.

Poi dicono che vogliono diventare numero 1, ma pochi ci credono per davvero. Desiderare una cosa è un conto, volerla sul serio è diverso.

Tanti giocatori si sentono arrivati quando raggiungono un obiettivo che porta soldi e una certa celebrità, soprattutto nel loro Paese.

Si sentono esattamente dove avrebbero voluto arrivare. Hanno la sensazione che se continuano così, avranno sempre la stessa carriera.

Una carriera sufficiente per guadagnare soldi. Non vogliono rischiare e nemmeno spostare l’asticella verso l’alto. Sono stanchi fisicamente e mentalmente. È quanto successo con Marcos”. 

Non poteva mancare infine l’ennesimo meritato elogio rivolto nei confronti delle leggende Federer e Nadal, fonti di ispirazione per tutti gli appassionati e capaci di migliorarsi nonostante l’età non sia più giovanissima per entrambi. Da questi due fuoriclasse, ha spiegato Mouratoglou, occorre soltanto prendere esempio.


Nessun Commento per “MOURATOGLOU: "KYRGIOS NON VINCERÀ SLAM PER ORA"”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Dicembre 2017

  • Dimitrov e Wozniacki "Maestri". Due veterani del tour ancora in parte inespressi, che a fine stagione hanno saputo cogliere il momento propizio. Nel 2018 sono comunque attesi alla prova del nove, magari un trionfo Slam...
  • Chi è Hyeon? Di cognome fa Chung, è coreano ed è più che coriaceo in campo. Qualità, quest'ultima, che gli è valsa la vittoria alla prima edizione delle "Next Gen" meneghine. Adesso lo aspettano i "grandi".
  • Giochi di squadra. Dopo oltre tre lustri, Francia e Stati Uniti riconquistano rispettivamente la Coppa Davis e la Fed Cup. Onore al merito dei due capitani ex giocatori, Yannick Noah e Kathy Rinaldi, che hanno saputo ricompattare e motivare le loro gloriose compagini.