GARBIN: “GRUPPO IN CRESCITA”. ERRANI: “MAI ENTRATA IN PARTITA”

Delusione comprensibile per Errani e Garbin a margine di un fine settimana nefasto ma positivo sotto alcuni punti di vista

Tennis. Subito dopo la disfatta contro il Belgio in Fed Cup, è toccato a Sara Errani e al capitano Tathiana Garbin presentarsi davanti ai giornalisti per rispondere alle domande relative al weekend appena trascorso.

Le autorità del tennis hanno ignorato le prove della sua condizione, rifiutandosi di fornire un’alternativa.

L’hanno costretta a sottoporsi a questa procedura pur conoscendo la sua situazione e le conseguenze che i prelievi in vena le avrebbero causato. 

Continuando a sottoporre Brengle a questi test, l’hanno obbligata a ritirarsi dai tornei e le hanno causato gonfiori e debolezza al braccio e alla mano dominante”.

Snowball accusò anche pubblicamente la Brengle di essere una bugiarda, affermando di non potersi sottoporre a prelievi in vena, anche durante l’ultimo Australian Open“.

Voglio rendere nota questa vicenda in modo che coloro che controllano lo sport che amo comprendano che i giocatori non sono dei prodotti e che dovremmo essere trattati con dignità e rispetto.

I giocatori dovrebbero essere ascoltati quando vengono coinvolti la loro salute e la loro sicurezza. Il maltrattamento e gli abusi a cui sono stata sottoposta non dovrebbero essere tollerati“.

“Ho intrapreso questa azione perché voglio spingere coloro che controllano lo sport che amo a capire che i giocatori non sono oggetti ma devono essere trattati con dignità e rispetto.

 L’incontrollata autorità degli ufficiali nel sottoporre gli atleti al genere di abusi che ho subito io non può essere tollerata: i giocatori e le giocatrici devono aver modo di esprimersi per quello che riguarda la propria salute”.

“Le autorità del tennis hanno ignorato le prove della sua condizione, diagnostica in modo professionale, e si sono rifiutate di fornire un sistema alternativo per i test o un sostegno medico. 

Hanno continuato a sottoporla a test che l’hanno costretta a ritirarsi dai tornei, e che le hanno causato gonfiore e debolezza permanenti nella mano e nel braccio dominante”.

“Non bisogna prendere in considerazione solo chi gestisce il tennis professionistico, ma anche i giocatori. Il sistema attuale è dominato dalle autorità, senza nessuna considerazione per i tennisti”.

“Non può essere tollerata l’autorità sfrenata dei funzionari di sottoporre i tennisti agli abusi che io ho dovuto sopportare. I giocatori devono avere voce in capitolo su argomenti come salute e sicurezza”.

Brengle, che non è mai stata trovata positiva a nessuna sostanza vietata e non ha mai saltato un singolo test, sia stata ripetutamente soggetto di test del sangue per venipuntura nonostante soffrisse una patologia medica rara (distrofia simpatica riflessandr), di cui tutte le autorità antidoping erano a conoscenza.

Hanno ignorato questo aspetto e rifiutato di fornire modi alternativi per fare i test o di mettere a disposizione un’assistenza medica.

In questo modo Brengle ha dovuto cancellarsi da diversi tornei e ora è alle prese con un’edema al braccio e alla mano destra, oltre a sentire debolezza”.


Nessun Commento per “GARBIN: "GRUPPO IN CRESCITA". ERRANI: "MAI ENTRATA IN PARTITA"”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Maggio 2018

  • Nadal senza limiti. Continua a primeggiare il n.1 del mondo, in barba agli infortuni, al nuovo che avanza e anche ai suoi quasi 32 anni. Un fenomeno che si nutre di "mattone tritato".
  • Gli Internazionali di un tennista romano. Nascere ad un passo dal centrale del Foro Italico, scrutarlo, sognarlo e riusicire a calcarlo da beniamino del pubblico. "Core de Roma" Pistolesi racconta il suo sogno diventato realtà.
  • In America qualcosa si muove. I tornei d'oltreoceano giocati a Indian Wells e Miami hanno mostrato un panorama tennistico in movimento, in cui le certezze dei campionissimi traballanno e cominciano a intravedersi sprazzi di futuro.