ADDIO AL BIANCO, IL TENNIS È SEMPRE PIÙ MULTICOLORE E STRAVAGANTE

Negli ultimi Master 1000 Gael Monfils, Grigor Dimitrov, Roberto Bautista Augut, Denis Istomin e altri top player hanno esibito le loro ultime novità in fatto di t-shirt, occhiali e accessori unici

Tennis – Addio al bianco rigoroso delle divise dei giocatori anni 70. E addio anche alle polo a due bottoni in stile Fred Perry, sempre meno anche le Lacoste nelle versioni più sobrie. Il tennis evolve in fretta, parallelamente ai look studiati ad hoc dai professionisti. Ed ecco un vero e proprio proliferare di colori sgargianti e materiali sempre più tecnici, sia in campo maschile che in campo femminile. Spazio anche a magliette smanicate, occhiali di design, cerchietti, bandane d’ordinanza, polsini multicolor, calze e scarpe sempre più personalizzate e variopinte. Eccoci nell’era del tennis 2.0, dove, Wimbledon a parte, molti giocatori danno libero sfogo alla propria fantasia attraverso completi sempre più accattivanti.

Il primo a innescare questa rivoluzione di stile e a rompere gli schemi è stato Andre Agassi negli anni a cavallo tra gli anni 80 e 90. Curioso un aneddoto raccontato nel libro “Open” in cui Jimmy Connors, durante la classica presentazione annuale agli atleti delle nuove linee d’abbigliamento, prese in mano un paio di pantaloncini in jeans. “Chi li vuole questi”? – scherzò Connors con tono palesemente ironico -. “Li prendo io se nessuno li vuole”, rispose un giovane Agassi. Il tutto fu corredato da scaldamuscoli rosa, orecchino, collana d’oro e un bel toupet.

Ma torniamo ai giorni d’oggi, ai recenti Master 1000 americani di Miami e Indian Wells, vetrina ideale per mettere in mostra i propri look ad un pubblico ricercato come quello americano. Ed ecco una breve carrellata delle divise più in voga. Il bulgaro Grigor Dimitrov, uomo del momento e numero 15 del ranking ATP, fidanzato di Maria Sharapova, indossa pantaloncini Nike in stile costume da bagno, caratterizzati da fantasie a quadri e righe colorate. E che dire della divisa giallo fosforescente firmata Lacoste per lo spagnolo Roberto Bautista Agut. Lo stesso Fabio Fognini ha mostrato a Miami una maglia tecnica dell’Adidas color arancio con scollo a V, oltre alle sue scarpe personalizzate con scritta NMM (non mollare mai). Un altro personaggio che ama non passare inosservato è Denis Istomin: occhiali tecnici spesso colorati in stile Mughini, fascia di spugna anni 70, e t-shirt della Lotto che vanno dall’arancione, al giallo, al blu elettrico.

Non mancano gli esibizionisti puri, quelli che oltre a esibire magliette particolari, mostrano, forse fin troppo, le proprie doti muscolari. E non stiamo parlando del solito Rafael Nadal, oramai quasi classico nella sua divisa Nike (una delle più apprezzate anche dai giocatori dilettanti) comprensiva di maniche, ma dell’istrionico parigino Gael Monfils, che abitualmente si presenta con canottiere aderenti dei colori più improbabili, tra cui il viola. Decisamente un modo per mettere in mostra i suoi muscoli definiti e essere ricordati più per le doti atletiche che per quelle tennistiche.

Infine ci sono giocatori che hanno scelto sponsor insoliti per motivi di puro business. Parliamo del recente vincitore dell’ATP Master 1000 di Miami, Novak Djokovic, che indossa il marchio giapponese Uniqlo, essenziale nelle linee, forse troppo. Lo stesso discorso vale per Tomas Berdych, numero 5 del ranking, che ha scelto di indossare un marchio insolito come H&M, che ha creato per il ceco la propria prima linea da tennis.

Chiudiamo con due note. La prima riguarda l’italiana Camila Giorgi, recente mattatrice di Maria Sharapova, che indossa abiti disegnati direttamente dalla madre. Infine un applauso al rinato Roger Federer, che anche in fatto di abbigliamento non sbaglia un colpo.

 


Nessun Commento per “ADDIO AL BIANCO, IL TENNIS È SEMPRE PIÙ MULTICOLORE E STRAVAGANTE”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

  • DAY TWO: I CAMPIONI E TANTA ITALIA TENNIS – Al Roland Garros, dopo l’antipasto domenicale, il programma si infittisce con ben 58 partite in campo. Esordiscono i campioni in carica Nadal e Sharapova, ma anche sei italiani: […]
  • MIAMI, PER DJOKOVIC UN TABELLONE SUL VELLUTO TENNIS – Sorteggiato il main draw di Miami, secondo Master 1000 della stagione. Assenti Nadal e Federer ma i motivi di interesse non mancano. Djokovic facile fino in semifinale, Murray […]
  • LA CRISI DI MONFILS: “NON FUNZIONA NIENTE, DEVO CAMBIARE TUTTO” "Non ho servizio, non riesco a tirare un vincente di dritto, di rovescio finisco fuori campo troppo presto. Devo fare scelte migliori. Devo fare meglio tutto". Così Gael Monfils a Indian […]
  • DA BARCELONA A STOCCARDA, PASSANDO PER MARRAKECH E BUCHAREST TENNIS - Quattro tornei sulla terra questa settimana, due per l'Atp ed altrettanti per Wta. In Romania ci sono Fognini e Seppi, Lorenzi se la gioca in Catalogna dove è già approdato al […]
  • DJOKOVIC IN TRE SU FOGNINI, AVANTI MURRAY TENNIS – A Indian Wells il serbo gioca a tratti, addormentandosi nel secondo set. Non convince Murray, ma il britannico non ha mai avuto un gran feeling con il torneo californiano.
  • RANKING ATP, FERRER SCAVALCA NADAL TENNIS - La prima finale Slam ottenuta in carriera consente a David Ferrer di superare Rafael Nadal - fresco vincitore a Parigi - al quarto posto della Classifica Atp. Haas a un passo […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Ottobre 2017

  • Il clone di Serena Anche il suo nome inizia con la "S", anche lei ha la pelle nera, anche lei è americana, anche lei ha vinto gli US Open. Sloane Stephens potrà veramente prendere il posto della Willliams sul Tour e nel cuore degli appassionati?
  • "Next Gen" Shapovalov Diciotto anni, israeliano di sangue russo, Denis ha vissuto un'estate da leone sul circuito collezionando due vittorie da incorniciare su del Potro e Nadal. Tutto lascia pensare che non si tratti di un fuoco di paglia.
  • La Rod Laver Cup svecchia la Davis Ci voleva la formula innovativa del nuovo torneo a squadre, nato sotto la sapiente guida del grande Federer, per convincere la Federazione Internazionale a rivoluzionare l'ormai obsoleta Coppa Davis.