SEPPI DOMA KUKUSHKIN

A Parigi Andreas impiega oltre tre ore per avere ragione del kazako Kukushkin e alla fine s'impone con il punteggio di 7-6(5) 6-2, 2-6, 6-1, 6-2

Parigi (Francia) – Per descrivere la partita tra Andreas Seppi e Mikhail Kukushkin la metafora perfetta è quella delle montagne russe: ci sono voluti infatti cinque set (dai volti completamente differenti) e oltre tre ore di gioco per concludere un match dal doppio ritmo.

Quello odierno è primo confronto tra Seppi e Kukushkin e l’avvio del match risulta è piuttosto equilibrato, tendenzialmente di studio. Da segnalare nel terzo game un bel rovescio incrociato di Seppi, che gli regala il momentaneo 30 pari, ma la sorte non è così benevola quando sul 40-30 la palla rimbalza a filo di rete per scivolare poi nella sua  metà campo, fermando il risultato sul 2-1.

Nel quinto gioco l’altoatesino inizia a farsi pericoloso e salendo a rete mette a segno una bella voleé di dritto, grazie alla quale si porta avanti nel punteggio. Il kazako rimonta e alla fine il game si decide ai vantaggi: Seppi si procura una palla break, ma non riesce a sfruttarla mandando oltre la linea di fondo la propria risposta. In seguito, spingendo un dritto a rete, lascia il game al proprio avversario.

Nel primo set nessuno dei due giocatori riesce a rompere l’equilibrio, anche se non mancano i tentativi ambo le parti di portare via il servizio al rispettivo opponente.

Il primo parziale si chiude alla fine con un tie-break: salito subito sul 3-0, Seppi si fa rimontare al 3 pari. Kukushkin avanza, ma l’altoatesino salva il primo match point con un bel dritto incrociato. Non ha fortuna però lo scambio successivo e il gioco si ferma 7-6 in favore del kazako.

Seppi sembra non reagire allo scotto del primo set e in avvio di ripresa si ritrova sotto di un break, ma l’ulteriore pungolatura lo smuove e gli dà la forza di mettere a segno subito il contro break, riportando in parità la situazione.

Nel sesto gioco il tennista italiano ha una doppia opportunità di break: la prima sfuma, ma poi ai vantaggi Seppi riesce a mettere a segno il punto del 4-2. Andreas mantiene senza problemi il turno successivo di battuta e mette a segno un ulteriore break, per chiudere il secondo set con un netto 6-2.

Come nel parziale precedente, Kukushkin riesce a mettere segno un break in avvio e Seppi da parte sua si procura un paio opportunità di rimettere in pari la situazione, ma alla fine il risultato volge favorevolmente al kazako che si porta in questa occasione sul 2-0.

Seppi spreca un altro break nel sesto gioco spendendo la sua risposta oltre la linea di fondo e nel game successivo rimane ‘vittima’ di un’ulteriore rottura che porta il risultato sul 5-2 a favore del kazako.

Kukushkin non si lascia scappare l’opportunità di chiudere la terza frazione e a servizio ferma il punteggio sul 6-2 in suo favore.

La bilancia del match volge nuovamente a favore di Seppi in avvio del quarto parziale, dove l’altoatesino parte bene e si porta subito sul 2-0. Come nel secondo set è lui a dare la direzione del gioco e porta a casa la partita con un netto 6-1.

L’avvio del quinto e ultimo set si apre in maniera ancora bilanciata, ma questa volta è Seppi a trovare il primo break, distacco che replica anche nel settimo game e che gli permette di portarsi a servizio per il match.

L’incontro si chiude quindi dopo 3 ore e 17 minuti con il punteggio finale nel quinto set di 7-6(5) 6-2, 2-6, 6-1, 6-2.

E per saperne di più:


Nessun Commento per “SEPPI DOMA KUKUSHKIN”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora