ANDY MURRAY ED I MASTERS 1000: L’ANNO GIUSTO PER INDIAN WELLS?

Numeri e statistiche di Andy Murray nei Masters 1000: il n.1 del mondo cercherà di sfatare il tabù di Indian Wells dopo 11 partecipazioni.

Tennis – Sulla carta, Andy Murray potrebbe finalmente sfatare il tabù di Indian Wells quest’anno. Lo scozzese sta dimostrando una grande continuità di risultati soprattutto nei Master 1000. Murray è a caccia del primo titolo ad Indian Wells e reduce dalla vittoria a Dubai, ottenuta per la prima volta in carriera, segnale rassicurante in vista di questo impegno, eppure Andy è riuscito a vincere a Dubai non essendo al massimo della sua forma e salvandosi al secondo turno contro Kohlschreiber dopo aver annullato sette match point.

Il torneo di Indian Wells compie 30 anni, è un torneo unico,accostato più volte agli Slam ed Andy Murray proverà a rimpinguare il suo bottino di 45 titoli a livello Atp con un titolo che ancora non è nella sua collezione: il Pacific Life Open di Indian Wells.

Qui Murray è arrivato vicino alla vittoria ma avuto anche apparizioni da dimenticare come il 2006, 2011 e 2012, quando è stato eliminato nel secondo turno. “Non ho mai veramente pensato d’aver giocato il mio miglior tennis qui,” ha detto Murray lo scorso anno dopo la sua sconfitta con l’argentino Federico Delbonis. “Ho provato e ha avuto molte preparazioni diverse, abbiamo trascorso un sacco di tempo sui campi … Ovviamente ci vuole tempo per abituarsi alle nuove condizioni indipendentemente da dove ci si trova , ma non ho mai veramente trovato un modo per essere a mio agio qui in tutta la mia carriera. È un peccato.”

Ma questo potrebbe davvero essere l’anno giusto per cambiare questa tendenza negativa e vincere anche l’altro Masters 1000 dove Murray non è mai riuscito a trionfare: Monte-Carlo. Lo scozzese ha vinto gli ultimi due Masters 1000 finendo il 2016 con la sua terza vittoria allo Shanghai Rolex Masters e il suo primo titolo Masters di Parigi .

I partecipanti del torneo: Novak Djokovic sarà chiamato a difendere il titolo contro Murray, Raonic (finalista nella passata edizione) ha annunciato che non parteciperà al torneo e così Juan Martin Del Potro diventerà testa di serie. Da valutare le condizioni di Roger Federer e Rafa Nadal.

Ecco di seguito una tabella indicativa sui tornei Masters 1000:
Giocatore Tornei Titoli totali
Novak Djokovic 8  30
Roger Federer 8  24
Rafael Nadal  7  28
Andy Murray 7  14
Andre Agassi  7  17
Pete Sampras 5 11
Marcelo Rios  5 5

Murray nei Masters 1000 ha vinto in 7 tornei diversi ed in 14 occasioni totali, dovesse vincere ad Indian Wells o a Montecarlo, superererebbe Nadal eguagliando Djokovic e Federer per numero di diversi tornei vinti. Inoltre Murray ha raggiunto la finale in 14 dei suoi ultimi 16 tornei. “E ‘stata una grande corsa. Non ci possiamo lamentare”, ha detto dopo aver vinto Dubai
Ecco di seguito le passate apparizioni di Andy Murray al Pacific Life Open di Indian Wells

2016 Terzo turno
2015 Semifinali
2014 Sedicesimi di finale
2013 Quarti di finale
2012 Secondo turno
2011 Secondo turno
2010 Quarti di finale
2009 Finale
2008 Sedicesimi di finale
2007 Semifinali
2006 Secondo turno


Nessun Commento per “ANDY MURRAY ED I MASTERS 1000: L'ANNO GIUSTO PER INDIAN WELLS?”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Ottobre 2017

  • Il clone di Serena Anche il suo nome inizia con la "S", anche lei ha la pelle nera, anche lei è americana, anche lei ha vinto gli US Open. Sloane Stephens potrà veramente prendere il posto della Willliams sul Tour e nel cuore degli appassionati?
  • "Next Gen" Shapovalov Diciotto anni, israeliano di sangue russo, Denis ha vissuto un'estate da leone sul circuito collezionando due vittorie da incorniciare su del Potro e Nadal. Tutto lascia pensare che non si tratti di un fuoco di paglia.
  • La Rod Laver Cup svecchia la Davis Ci voleva la formula innovativa del nuovo torneo a squadre, nato sotto la sapiente guida del grande Federer, per convincere la Federazione Internazionale a rivoluzionare l'ormai obsoleta Coppa Davis.