ATP DOHA: DJOKOVIC TRA LUCI E OMBRE, FUORI LORENZI

Inizia con una vittoria il 2017 di Novak Djokovic. Il serbo, dopo una partenza choc, carbura e mette al tappeto Struff in due. Subito fuori Paolo Lorenzi, sconfitto da Nicolas Almagro. A Brisbane buona la prima per Grigor Dimitrov, tutto facile per David Ferrer, fuori Bernard Tomic

TENNIS – Da New York a Shanghai, da Parigi-Bercy a Londra. Novak Djokovic ha chiuso il 2016 con un andamento piuttosto preoccupante, ha perso la prima posizione mondiale, ha interrotto un rapporto triennale con Boris Becker. Si è messo nelle mani di Pepe Imaz per provare a sfidare la sorte e anche Andy Murray.  E il suo 2017, come di consueto, è iniziato a Doha. Il campione in carica – che da qui a Miami ha il compito di vincere – ha fatto il suo esordio contro il tedesco Jan-Lennard Struff – che mai aveva incontrato prima di oggi – e per i primi 20 minuti ha combattuto più contro se stesso che contro l’avversario. Prima di scrollarsi di dosso la pressione e chiudere – abbastanza agevolmente – il primo impegno dell’anno in due set, l’ex numero uno del mondo ha dovuto recuperare uno svantaggio di 1-5 nel primo set.

E infatti finisce 7-6(1) 6-3. La partita, nelle prime fasi, ha un solo padrone. Struff parte alla grande, sfrutta nella migliore maniera possibile le difficoltà di Djokovic, in 9 minuti va avanti di due break, con il servizio varia straordinariamente e senza troppe difficoltà si porta quindi sul 4-0. Quando Djokovic muove il punteggio, però, Struff inizia a disunirsi. Il serbo prende in mano il pallino del gioco, recupera uno dei due break, accorcia fino al 4-5 e poi non si volta più indietro. Struff perde totalmente il controllo, senza la prima in campo fatica a tenere lo scambio da fondo campo e per il serbo è sufficiente il minimo sindacale. Vince senza troppe difficoltà il tie break, ottiene il break decisivo nel primo game della seconda frazione, recupera da 0-40 nel game immediatamente successivo e si issa poi rapidamente verso la vittoria sugellando il successo con un break nell’ultimo gioco. Al secondo turno se la vedrà con Horacio Zeballos.

Si ferma, invece, al primo turno il cammino di Paolo Lorenzi a Doha. Nicolas Almagro la spunta al terzo e per la quarta volta nega al numero uno d’Italia di vincere all’esordio. L’azzurro, che nel primo set spreca tre set point, riesce a trascinare la partita al terzo e lo spagnolo – che ha la fortuna  di iniziare a servire per primo – sul 4-3 sfrutta l’unico passaggio a vuoto della partita “Paolino” e archivia la pratica tenendo poi agevolmente il suo turno di battuta.

 

ATP DOHA

Horacio Zeballos (Argentina) beat Florian Mayer (Germany) 6-7(3) 6-4 7-6(9)
Nicolas Almagro (Spain) beat Paolo Lorenzi (Italy) 7-6(2) 4-6 6-3
2-Novak Djokovic (Serbia) beat Jan-Lennard Struff (Germany) 7-6(1) 6-3
Dustin Brown (Germany) beat Facundo Bagnis (Argentina) 6-1 6-7(2) 6-4
Jiri Vesely (Czech Republic) beat Anil Yueksel (Turkey) 6-2 6-3

Inizia con una convincente vittoria la stagione di Grigor Dimitrov. Il bulgaro, che sceglie il 250 di Brisbane, regola senza troppe difficoltà Steve Johnson e raggiunge Nicolas Mahut al secondo turno. Finisce 6-2 6-3 dopo appena 75 minuti di gioco: Dimitrov – a caccia del primo successo in Australia – porta a casa più del 90% dei punti con la prima di servizio e abbatte la resistenza dell’avversario, sconfitto per la quarta volta in altrettanti incontri, con un unico passaggio a vuoto – a inizio secondo set – che non compromette in alcun modo la partita. Parte bene anche David Ferrer. Lo spagnolo si sbarazza senza troppe difficoltà di un Bernard Tomic lontano dalla condizione migliore e, nel tentativo di riscattare un 2016 tutt’altro che positivo, riesce anche a vendicare le due sconfitte consecutive contro l’australiano racimolate nel 2015 tra Indian Wells e Shanghai.

ATP BRISBANE

7-Grigor Dimitrov (Bulgaria) beat Steve Johnson (U.S.) 6-2 6-3
Kyle Edmund (Britain) beat Ernesto Escobedo (U.S.) 7-6(4) 7-6(6)
8-David Ferrer (Spain) beat Bernard Tomic (Australia) 6-3 7-5
Nicolas Mahut (France) beat Stephane Robert (France) 4-6 6-3 6-4

ATP CHENNAI

Chung Hyeon (South Korea) beat 6-Borna Coric (Croatia) 6-3 7-5
Jozef Kovalik (Slovakia) beat Gastao Elias (Portugal) 6-7(5) 6-4 6-2
Daniil Medvedev (Russia) beat Thiago Monteiro (Brazil) 6-3 6-3
Dudi Sela (Israel) beat Damir Dzumhur (Bosnia and Herzegovina) 6-2 6-2
Steve Darcis (Belgium) beat Nikola Mektic (Croatia) 6-2 6-3


Nessun Commento per “ATP DOHA: DJOKOVIC TRA LUCI E OMBRE, FUORI LORENZI”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Dicembre 2016

  • Andy Murray entra nel 2017 da "number one". Nessun suddito britannico prima di lui era riuscito a salire in vetta alla classifica dell'Era Open, ma lo scozzese ha invece compiuto l'impresa vincendo le Atp Finals proprio davanti al pubblico londinese.
  • L'Argentina sul tetto del mondo. I sudamericani conquistano per la prima volta la Coppa Davis rompendo il "maleficio" che li aveva visti perdere per ben 4 volte in finale. A fare il tifo sugli spalti c'era anche Diego Armando Maradona!
  • Trump e il tennis. Da sempre grande appassionato dello sport della racchetta, il nuovo Presidente degli Stati Uniti non solo è uno spettatore fisso degli US Open, ma da svariati decenni impugna la racchetta con la stessa determinazione che ha mostrato in campagna elettorale.