ATP BRISBANE: DIMITROV TRITA RAONIC E RAGGIUNGE NISHIKORI

Sarà tra Grigor Dimitrov e Kei Nishikori la finale del primo torneo della tournée australiana. Per bulgaro, che ha superato in due set Milos Raonic, la possibilità di vincere a Brisbane un titolo scappato di mano nel 2013
sabato, 7 gennaio 2017

Brisbane, contro ogni aspettativa, diventa terra di conquista per Grigor Dimitrov. Il bulgaro, finalista nel 2013, supera in due set Milos Raonic – giustiziere di Rafa Nadal – e raggiunge in finale Kei Nishikori, a valanga su Stan Wawrinka.

Il talento di Haskovo, reduce da un brillante successo ai danni di Dominic Thiem, approfitta di una giornata tutt’altro che positiva del numero tre del mondo e in poco meno di due ore porta sul 3-1 il saldo degli scontri diretti col canadese. Finisce 7-6(7) 6-2. Raonic, poco aiutato dalla prima di servizio specialmente nella seconda frazione, cede sciupando un set point sul 6-5 e poi si scioglie. Dimitrov, che sul 2-2 cambia totalmente marcia, lascia inerme l’avversario e con il doppio dei vincenti vola rapidamente verso la vittoria. Vince in maniera analoga anche Nishikori. Il giapponese, costretto a salvare tre palle break nel primo set, trascina il parziale al tie break, lo vince, strappa immediatamente il servizio a Wawrinka in apertura di secondo set e – non prima di un piccolo passaggio a vuoto – mette in ghiaccio la partita con il terzo break di fila (sul 3-2) che, di fatto, chiude la partita.


Nessun Commento per “ATP BRISBANE: DIMITROV TRITA RAONIC E RAGGIUNGE NISHIKORI”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora