ATP BUENOS AIRES: FOGNINI KO, GIANNESSI SALVA DUE MATCH-POINT E AVANZA

Il ligure ha ceduto 6-4 6-3 a Tommy Robredo, mentre il 26enne di La Spezia ha superato Rogerio Dutra Silva in tre set dopo una battaglia di quasi tre ore

TENNIS – Dopo la splendida vittoria in Coppa Davis con la quale ha regalato all’Italia il punto del 3-2 contro l’Argentina e quindi la qualificazione ai quarti di finale, la terra rossa di Buenos Aires non ha portato bene a Fabio Fognini, uscito sconfitto da Tommy Robredo nel match di primo turno del torneo Atp 250 in corso di svolgimento nella capitale sudamericana.

Il ligure si è arreso in due set (6-4 6-3 il punteggio finale in favore dello spagnolo) in un’ora e tredici minuti di gioco, dopo che in entrambi i parziali si era portato avanti di un break, permettendo però al suo avversario di ottenere l’immediato contro-break in tutti e due i casi. Ma se nel primo parziale, dopo il 3-3, l’azzurro non ha più avuto chance sul servizio dello spagnolo, nel secondo, sul 4-2 in favore di Robredo, Fognini ha avuto tre palle break consecutive (sullo 0-40) per rientrare in partita, ma non è riuscito a sfruttarle, lasciando così strada libera allo spagnolo che ha poi chiuso i conti sul definitivo 6-3, grazie ad una risposta di rovescio steccata da parte dell’azzurro in occasione del match-point.

GIANNESSI

Ma se da una parte Fognini è uscito dal campo con una grande delusione, dall’altra per il tennis italiano c’è stato un ottimo Alessandro Giannessi che, dopo quasi tre ore di battaglia e due match-point salvati, ha conquistato il secondo turno battendo il brasiliano Rogerio Dutra Silva 5-7 7-6 6-4, al termine di una sfida ricca di emozioni e ribaltamenti di fronte.

Dopo aver servito per portare a casa il primo set sul 5-4 infatti, l’azzurro ha accusato un passaggio a vuoto che ha permesso al suo avversario di recuperare lo svantaggio e vincere il parziale 7-5, e anche se Giannessi si è portato avanti di un break pure all’inizio del secondo set, il brasiliano ha recuperato ancora, rimettendosi subito in carreggiata sul 2-2. Sotto 6-5 quindi l’azzurro ha salvato un primo match-point sul proprio servizio, riuscendo a vincere il game e a portarsi sul 6-6, e nel successivo tie-break ne ha salvato un altro quando Dutra Silva è salito sul 6-5, prima di infilare tre punti consecutivi che gli hanno permesso di chiudere i conti 8 punti a 6.

Nel terzo e decisivo set poi Giannessi ha ottenuto subito un break, salendo sul 2-0, ma ha ceduto nuovamente la battuta nel settimo game permettendo al suo avversario di recuperare fino al 4-4. Nel decimo gioco però l’azzurro è stato bravo a piazzare il guizzo decisivo, portando a casa l’ennesimo break di una partita giocata con grande determinazione, che gli ha consentito di conquistare una bellissima vittoria e il passaggio al secondo turno del torneo argentino, dove troverà lo spagnolo Pablo Carreno Busta.

ALTRI RISULTATI BUENOS AIRES

Passando quindi alle altre partite di giornata giocate nella capitale argentina, hanno staccato il pass per il secondo turno Carlos Berloq, che ha battuto Jozef Kovalik 6-4 6-4, Albert Ramos-Vinolas (testa di serie numero 5), uscito vittorioso in tre set (6-7 6-4 7-6) dalla sfida contro Guido Pella, Alexander Dolgopolov (doppio 6-3 a Janko Tipsarevic), e Guido Andreozzi (2-6 6-4 6-4 al connazionale argentino Renzo Olivo).

(Nella foto Fabio Fognini – www.zimbio.com)


Nessun Commento per “ATP BUENOS AIRES: FOGNINI KO, GIANNESSI SALVA DUE MATCH-POINT E AVANZA”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Ottobre 2017

  • Il clone di Serena Anche il suo nome inizia con la "S", anche lei ha la pelle nera, anche lei è americana, anche lei ha vinto gli US Open. Sloane Stephens potrà veramente prendere il posto della Willliams sul Tour e nel cuore degli appassionati?
  • "Next Gen" Shapovalov Diciotto anni, israeliano di sangue russo, Denis ha vissuto un'estate da leone sul circuito collezionando due vittorie da incorniciare su del Potro e Nadal. Tutto lascia pensare che non si tratti di un fuoco di paglia.
  • La Rod Laver Cup svecchia la Davis Ci voleva la formula innovativa del nuovo torneo a squadre, nato sotto la sapiente guida del grande Federer, per convincere la Federazione Internazionale a rivoluzionare l'ormai obsoleta Coppa Davis.