ATP DOHA: DJOKOVIC SENZA PROBLEMI, MURRAY FATICA CON MELZER

Mentre Novak Djokovic si lascia alle spalle un primo turno opaco e regola senza troppi patemi Horacio Zeballos, Andy Murray soffre e rischia. Il britannico, che esce indenne da una sfida di due ore e trenta contro Gerald Melzer, raggiunge Nico Almagro. Ok Tsonga e Berdych.

TENNIS – Prosegue senza troppi intoppi la marcia di Novak Djokovic a Doha. Il serbo, reduce da un primo turno piuttosto opaco, abbatte la resistenza di Horacio Zeballos e raggiunge ai quarti di finale Radek Stepanek. Il numero sei d’Argentina, che gioca un incontro molto generoso, paga a caro prezzo due passaggi a vuoto  – che, di fatto, decidono le sorti della partita – e senza mai impensierire l’avversario in risposta si arrende dopo poco più di un’ora e un quarto. Nole, che dal canto suo ricava dal servizio più del 70% dei punti, porta a casa 29 dei 33 punti con la prima palla e senza mai concedere possibilità di break all’avversario archivia facilmente la seconda pratica del suo 2017.

Qualche difficoltà in più ce l’ha Andy Murray, costretto a sudare le proverbiali sette camice per superare il più piccolo dei fratelli Melzer. L’austriaco, che parte meglio e che meglio si comporta per tutta la durata della partita, battezza la partita con un break in apertura dando subito un forte segnale all’avversario. Il numero uno del mondo, che predilige sin dal primo quindici una tattica più attendista, recupera la situazione di svantaggio e si porta sul 4-2. Melzer non ci sta: così colma il gap, annulla due set point e trascina la prima frazione al tie break. Il due volte campione del torneo, che va prima sul 5-0 e poi sul 6-2, spreca ben quattro set point prima di chiudere 8-6. Nella seconda partita l’equilibrio si spezza sul 3-3, quando il britannico inanella una serie di 11-1 e si procura due  match point. Nel momento di massima difficoltà, però, l’austriaco tira fuori dal cilindro gli ultimi colpi e dopo aver annullato due palle match impatta sul 5-5. Il numero uno del mondo non si lascia però distrarre dalla nuova rimonta dell’avversario e nell’undicesimo gioco piazza il break decisivo. Il 7-6(6) 7-5 finale proietta Andy alla sfida contro Nicolas Almagro, giustiziere di Philipp Kohlschreiber in due set.

Thomas Berdych vince il derby ceco contro Jiry Vesely lasciando per strada un set, Fernando Verdasco beffa David Goffin – finalista ad Abu Dhabi – mentre il colpo di giornata lo firma Ivo Karlovic. Il croato mette al tappeto il promettente Karen Khachanov risolvendo con lo stesso punteggio – 7-3 – entrambi i tie break della partita. Tutto facile per Jo-Wilfried Tsonga, che in appena 45 minuti regola Dustin Brown.

ATP DOHA

1-Andy Murray (Great Britain) beat Gerald Melzer (Austria) 7-6(6) 7-5
6-Ivo Karlovic (Croatia) beat Karen Khachanov (Russia) 7-6(3) 7-6(3)
3-Tomas Berdych (Czech Republic) beat Jiri Vesely (Czech Republic) 7-6(5) 1-6 6-1
2-Novak Djokovic (Serbia) beat Horacio Zeballos (Argentina) 6-3 6-4
Nicolas Almagro (Spain) beat 7-Philipp Kohlschreiber (Germany) 7-6(5) 7-6(6)
Fernando Verdasco (Spain) beat 4-David Goffin (Belgium) 6-1 7-6(6)
Radek Stepanek (Czech Republic) beat Arthur De Greef (Belgium) 6-3 6-2
5-Jo-Wilfried Tsonga (France) beat Dustin Brown (Germany) 6-1 6-3

ATP CHENNAI

Dudi Sela (Israel) beat Chung Hyeon (South Korea) 6-2 6-2
Jozef Kovalik (Slovakia) beat 1-Marin Cilic (Croatia) 7-6(5) 5-7 7-5
Daniil Medvedev (Russia) beat 8-Lu Yen-Hsun (Taiwan) 6-4 6-3
3-Albert Ramos (Spain) beat Steve Darcis (Belgium) 6-2 6-0


Nessun Commento per “ATP DOHA: DJOKOVIC SENZA PROBLEMI, MURRAY FATICA CON MELZER”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Marzo 2017

  • Roger guarda sepre più avanti. Dopo l’incredibile traguardo raggiunto a Melbourne, il favoloso Federer non si pone più limiti e guarda al suo 2017 con occhi nuovi. È tornato a pensare che Wimbledon sia un suo terreno di conquista e spera di riuscire a riprendere le chiavi di quel “giardino incantato”.
  • Rafa vuole il Real Madrid. Un giorno vorrebbe diventare il Presidente del famoso club calcistico madrileno, ha ammesso Nadal, che da sempre ha una grande passione per il pallone. Che stia già pensando al ritiro dal circuito della racchetta.
  • Gli azzurri di Davis sognano. Dalla vittoria di primo turno, fatta registrare in Argentina sulla squadra detentrice dell’insalatiera d’argento, riprende la corsa di una nazionale italiana motivata e generosa, capace di riaccendere l’entusiasmo dei suoi tifosi.