ATP: INDIAN WELLS, LA GRIGLIA DI PARTENZA

Torna uno dei tornei più apprezzati dai tennisti del circuito maschile. La California si prepara alla settimana di Indian Wells, chi la spunterà?

TENNIS – Non è un periodo come tutti gli altri per il circuito maschile, quello che si protrarrà fino a domenica 19 marzo. La racchetta degli uomini sposta il suo epicentro sulla costa ovest degli Stati Uniti, sul suggestivo panorama di Indian Wells per l’edizione 2017 del BNP Paribas Open. Il torneo californiano è uno dei più apprezzati dai protagonisti in campo, tant’è che l’ATP l’ha ripetutamente inserito tra i migliori dell’intera stagione agonistica. Il che, per un Masters 1000, è un certificato d’eccellenza non da poco.

Proprio per queste condizioni ideali a cui andranno incontro i tennisti, è facile attendersi che quelli di vertice rispondano nel miglior modo possibile alle aspettative della vigilia. Mentre le qualificazioni si apprestano a partire nelle prossime ore, l’attenzione è già massima per capire come si evolverà la griglia di partenza nel primo, grande appuntamento dell’anno dopo gli Australian Open. E trattandosi solo di un primo tassello in un puzzle più grande, che comprende anche l’immediato trasferimento a Miami, diventa importante tastare il polso dei big e capire fin dove possono spingersi.

Uno su tutti, Novak Djokovic. In un momento particolarmente delicato, della stagione come anche della sua carriera, l’ex numero uno del mondo può trovare sul cemento di Indian Wells l’occasione del riscatto dopo qualche ombra di troppo sul suo cammino. Il progetto di assaltare rapidamente il primato di Murray sembra andato momentaneamente in fumo, ma l’aria californiana potrebbe giovargli. Tra l’altro, fattore non di poco conto, c’è un tris di titoli da difendere: Nole è il sovrano incontrastato dal 2014 ed una risposta di carattere anche nel 2017 potrebbe essere la panacea degli ultimi mali.

Non staranno certamente a guardare gli altri campioni da tenere sotto controllo. Andy Murray si appresta al suo primo Indian Wells da numero uno del mondo, durante il quale dovrà dimostrare di poter strappare la corona a Djokovic, ma anche la vecchia guardia dovrà rimettersi in riga. Federer e Nadal, Roger più di Rafa: il campione in carica di Melbourne, dopo il ko con Donskoy, è chiamato ad un esame da superare ad ogni costo. Idem il maiorchino, che ha meno di che preoccuparsi nonostate la sconfitta con Querrey, visto che sembra più avanti a livello fisico rispetto al rivale di sempre. La lettura e l’interpretazione della settimana, aspettando anche il sorteggio del main draw, saranno fondamentali nella gestione delle energie e delle risorse a propria disposizione.

E gli altri? Wawrinka si allinea agli stessi principi del connazionale Federer, vista la sconfitta dell’ultima settimana, ma anche Raonic e Nishikori sono costretti a dimostrare qualcosa in più dell’abitudinario per poter eccellere in un torneo così altamente competitivo. Senza dimenticare la truppa francese: da Tsonga a Monfils, passando per Pouille e Gasquet. I ragazzi terribili, poi, non rimarranno a guardare: Kyrgios è a caccia della continuità, ma il vero spauracchio può essere un Dominic Thiem che, se in giornata, può davvero mettere in crisi chiunque.

Con queste premesse, ma anche con tanto altro che verrà poi svelato dal main draw, ci si appresta a vivere una settimana abbondante di grande tennis sui campi del torneo più apprezzato del mondo, per quel che riguarda i Masters 1000. La corsa ad Indian Wells è già aperta.


Nessun Commento per “ATP: INDIAN WELLS, LA GRIGLIA DI PARTENZA”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

  • ATP: INDIAN WELLS, GAIO QUALIFICATO Prosegue il cammino del tabellone preliminare ad Indian Wells. Fuori Novikov, avanti Basilashvili e soprattutto Gaio: la tabella di marcia notturna
  • INDIAN WELLS, DJOKOVIC E ISNER IN SEMIFINALE Vittoria in scioltezza per il numero 2 del mondo, che liquida Benneteau in due set. Avanti anche l'americano dopo due tie-break contro un ostico Gulbis. Stasera i due si contenderanno il […]
  • INDIAN WELLS, FINALE HALEP-JANKOVIC Simona ottiene direttamente il pass per l'atto conclusivo senza scendere in campo, Serena Williams dà forfait per un problema al ginocchio. Jelena rimonta la Lisicki e torna sui livelli di […]
  • MIAMI, FUORI ERRANI E PENNETTA Doppio ko per i colori azzurri. Sony Open amaro per Sarita, eliminata dalla non irresistibile Makarova. La brindisina, reduce dalle fatiche di Indian Wells, cede in due set contro la […]
  • BOLELLI-FOGNINI, NON RIESCE L’IMPRESA Doppio di Indian Wells, i campioni degli Australian Open 2015 si arrendono in finale al cospetto dei vincitori di Wimbledon 2014. Partita durissima, gran rimonta azzurra nel secondo set, […]
  • LJUBICIC DIFENDE RAONIC: “NOIOSO? DIREI DISCIPLINATO” Il croato difende il suo pupillo, in attesa di vederlo ai livelli dei big del circuito maschile: "Si notano progressi in ogni torneo, Milos non deve scusarsi con nessuno per il suo gioco lineare"

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Ottobre 2017

  • Il clone di Serena Anche il suo nome inizia con la "S", anche lei ha la pelle nera, anche lei è americana, anche lei ha vinto gli US Open. Sloane Stephens potrà veramente prendere il posto della Willliams sul Tour e nel cuore degli appassionati?
  • "Next Gen" Shapovalov Diciotto anni, israeliano di sangue russo, Denis ha vissuto un'estate da leone sul circuito collezionando due vittorie da incorniciare su del Potro e Nadal. Tutto lascia pensare che non si tratti di un fuoco di paglia.
  • La Rod Laver Cup svecchia la Davis Ci voleva la formula innovativa del nuovo torneo a squadre, nato sotto la sapiente guida del grande Federer, per convincere la Federazione Internazionale a rivoluzionare l'ormai obsoleta Coppa Davis.