ATP: PASSEGGIATA MURRAY, CHOC WAWRINKA

Vienna è ancora terreno fertile per il cammino di Murray, Zverev sbatte Wawrinka fuori da Basilea. Vince Nishikori, out Delpo

TENNIS – Le due facce della medaglia sul trono dei big. Vienna premia un Andy Murray granitico e fin qui inattaccabile sotto ogni punto di vista, Basilea chiude le porte in faccia a Stan Wawrinka, eliminato a sorpresa nella tornata di incontri che inaugura il weekend austriaco e svizzero.

Il cemento indoor viennese è un autentico toccasana per il giocatore scozzese, che anche nei quarti di finale del venerdì fa bella figura al cospetto non proprio dell’ultimo arrivato. John Isner non è mai in partita e la furia del campione di Wimbledon si abbatte sulle timide ambizioni dell’americano, travolto in soli due set e capace di raggranellare soltanto quattro games. Finisce 6-1 6-3, semifinale conquistata con meno difficoltà del previsto.

Gli altri match del pomeriggio premiano i tre favoriti dai bookmakers. David Ferrer ottiene la qualificazione al penultimo atto grazie alla vittoria in tre set su Victor Troicki, che riesce solo nel recupero parziale prima di cadere sotto i colpi dello spagnolo, più lucido nei momenti di maggior importanza: 6-3 3-6 7-5 per l’accesso alla semifinale. Tre parziali anche per Karlovic, che deve fare i conti con un Khachanov in progressiva ascesa durante gli ultimi mesi. Il russo vince il tie-break del primo set, poi perde quello del secondo ed è costretto a cedere alla lunga al bombardiere croato, che sfrutta l’inerzia a suo favore e piazza il 6-3 che lo proietta al turno successivo. L’impegno più facile è quello di Jo-Wilfried Tsonga, che batte un esausto Albert Ramos 6-2 7-6[5]: per il francese arriva la vittoria più netta dopo quella di Murray.

Clamoroso, invece, lo scivolone di Wawrinka a Basilea, sia per l’avversario sia per il fattore ambientale. Lo svizzero, padrone di casa e tecnicamente sostituto di Federer in quello che sarebbe dovuto essere il suo torneo, esce di scena al terzo set contro Mischa Zverev, che fa suo penultimo il quarto di finale. Stan parte col piede sbagliato, poi prova a rimettersi in carreggiata vincendo 7-5 il secondo set, ma i due break concessi nel terzo lo mettono con le spalle al muro, mentre il tedesco sfrutta l’entusiasmo del momento per mettere a segno il colpaccio di giornata: dopo il 6-2 del primo set, chiude addirittura con il 6-1 del terzo.

Occasione ghiotta, a questo punto, per Kei Nishikori, che praticamente sgombra la strada da due potenziali vincitori. Oltre all’eliminazione dell’elvetico, per il tennista giapponese arriva anche un brillante successo su Juan Martin Del Potro, sconfitto 7-5 6-4 nel match immediatamente precedente. Per il nipponico, adesso, gli avversari da fronteggiare sono ben più comodi: passa il turno il lussemburghese Muller, che elimina Delbonis al terzo set, mentre in serata va in scena l’ultimo incontro di giornata tra Marin Cilic e Marcel Granollers-Pujol. Il croato può essere l’ultimo spauracchio in grado di lottare alla pari.

Domani si torna in campo per le semifinali. A Vienna si parte da Tsonga-Karlovic, poi Murray-Ferrer a seguire. Basilea comincia da Nishikori-Muller, poi la semifinale che verrà decretata tra poche ore.


Nessun Commento per “ATP: PASSEGGIATA MURRAY, CHOC WAWRINKA”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2018

  • "King Roger" forever. Ancora, ancora e ancora... a quasi 37 primavere Federer è di nuovo il "number one" del tennis mondiale, quattordici anni dopo la prima volta. Il giusto coronamento di venti stagioni sul Tour condite da venti titoli Slam.
  • Nostalgia Williams. Un inizio 2018 senza le "Black Sisters" protagoniste sul rettangolo di gioco è sembrato sbiadito. Serena ha prolungato il suo "congedo" di maternità, mentre Venus è partita male. Unica apparizione insieme nel doppio di Fed Cup, perso!
  • Evviva il Fognini nazionale. In Coppa Davis il tennista ligure dà sempre il meglio di sé. Decisivo il suo apporto per superare il Giappone al 1° turno, ma nei quarti previsti a Genova dovrà superarsi guidando l'Italia contro i francesi campioni in carica.