ATP ROTTERDAM: CILIC, BERDYCH E GOFFIN AI QUARTI

Avanzano anche Grigor Dimitrov, vittorioso 7-6 6-1 su Denis Istomin, e Dominic Thiem, che ha battuto 6-4 7-6 Gilles Simon

TENNIS – Pronostici rispettati nei match della sessione diurna di oggi del torneo Atp 500 di Rotterdam. Sia Marin Cilic (testa di serie numero 1) che Tomas Berdych (numero 4 del seeding) infatti hanno staccato il passa per i quarti di finale, dopo le rispettive vittorie ai danni di Borna Coric e Richard Gasquet.

BERDYCH

Nella prima sfida in programma sul campo centrale, Tomas Berdych ha superato Gasquet 7-6 6-1, al termine di un match in cui, dopo essere andato subito sotto di un break (per il momentaneo 2-0 in favore del francese), è rientrato in partita sul 3-3 e ha poi portato a casa il parziale al tie-break, vincendolo 7 punti a 4 respingendo il tentativo di rimonta di Gasquet che era risalito dall’1-3 al 4-4. Quindi, messo in tasca il primo set, nel secondo il ceco ha giocato con maggiore scioltezza, ha servito in maniera praticamente perfetta riuscendo ad archiviare tre turni di battuta senza concedere un solo punto al suo avversario e, grazie ad una ottima aggressività nei game di risposta, ha strappato il servizio al francese in tre occasioni, fino al definitivo 6-2 che gli ha consegnato la vittoria. Ora, per un posto in semifinale, Berdych se la vedrà con Martin Klizan.

CILIC

E’ dovuto ricorrere al terzo set invece Marin Cilic, che nel “derby” tutto croato con Borna Coric, vinto 6-1 2-6 6-4, è riuscito a portare a casa la vittoria nonostante un rendimento un po’ altalenante. Dopo un primo parziale dominato in lungo e in largo infatti, nel quale ha avuto anche cinque set-point per il possibile 6-0 sul servizio del suo avversario, nel secondo l’attuale numero 7 del mondo è calato durante i propri turni di battuta e Coric ne ha approfittato per conquistare due break (nel sesto e ottavo game) con i quali ha portato a casa il parziale sul 6-2.

Nel terzo e decisivo set quindi l’equilibrio l’ha fatta da padrone fino al 3-3, quando Cilic, alla seconda opportunità, al termine di un un settimo game combattutissimo che ha visto Coric sprecare ben sei palle per il possibile 4-3, ha conquistato il break che ha indirizzato la partita dalla sua parte. Anche perché da quel momento Cilic ha continuato a servire in maniera molto efficace e ha chiuso i conti rapidamente sul definitivo 6-4 delineando un quarto di finale di alto livello contro Jo-Wilfried Tsonga.

GOFFIN

Si è qualificato per i quarti di finale quindi anche David Goffin, che ha trovato comunque sulla sua strada un Robin Haase in giornata, arresosi solo al terzo set (5-7 6-4 6-4 lo score conclusivo in favore del belga) al termine di un match in cui l’attuale numero 11 del mondo ha dovuto dare fondo a tutte le energie per riuscire a spuntarla

Nel primo set il belga è andato sotto di un break sul 3-1, ma è riuscito a recuperare lo svantaggio strappando il servizio al suo avversario nel settimo game, rientrando poi sul 4-4. Haase però non si è scomposto, ha servito bene nei successivi turni di battuta e nel dodicesimo game ha sfruttato l’unica opportunità concessagli da Goffin (sul 30-40), chiudendo i conti sul 7-5. A quel punto quindi il belga si è trovato con le spalle al muro, e ha iniziato il secondo parziale con una maggiore determinazione, grazie alla quale ha conquistato il break del momentaneo 2-1 in suo favore sul quale poi ha costruito il 6-4 che lo ha rimesso pienamente in partita.

E nel terzo set la musica non è cambiata, visto che pur avendo dovuto salvare una pericolosa palla break nel quarto game, Goffin ne ha avute addirittura quattro (due nel quinto e altrettante nel settimo gioco) prima di riuscire a portare a casa il break del 5-4, e dopo il cambio di campo ha chiuso i conti sul definitivo 6-4 tra gli applausi del pubblico olandese.

DIMITROV

Passando poi alle sfide della sessione serale, Grigor Dimitrov ha continuato la sua corsa superando in due set (7-6 6-1) Denis Istomin, riuscendo a venire a capo di una situazione delicata quando nel tie-break del primo set, poi vinto 9 punti a 7, ha dovuto salvare un set point sul 7-6 in favore dell’uzbeko. Nel secondo parziale invece il bulgaro si è dimostrato nettamente superiore al suo avversario, è salito velocemente sul 3-1 e, dopo aver strappato il servizio al suo avversario anche nel sesto game, ha portato a casa la vittoria sul 6-1.

THIEM

A chiudere il programma odierno quindi ci ha pensato Dominic Thiem, che ha comunque dovuto “sudare” e non poco per avere la meglio di Gilles Simon, sconfitto 6-4 7-6 al termine di un match molto equilibrato. Nel primo set infatti l’austriaco ha dovuto salvare subito tre palle break, ma è stato bravo a sfruttare l’occasione avuta nel settimo gioco che gli ha permesso di conquistare il break con cui ha poi chiuso il parziale sul 6-4. Nel secondo set poi Thiem è andato di nuovo avanti di un break (per il momentaneo 3-1 in suo favore), ma Simon non ha mollato, ha recuperato fino al 4-4 e ha allungato la sfida al tie-break, non riuscendo però a mettere mai in seria difficoltà l’austriaco, che ha chiuso i conti 7 punti a 4.

(Nella foto Marin Cilic – www.zimbio.com)


Nessun Commento per “ATP ROTTERDAM: CILIC, BERDYCH E GOFFIN AI QUARTI”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora