ATP ROTTERDAM, LA PRIMA SEMIFINALE E’ BERDYCH-TSONGA

Il ceco ha liquidato il campione uscente Martin Klizan con un doppio 6-3, il francese invece ha avuto bisogno di due tie-break per avere la meglio su Marin Cilic

TENNIS – Sono Tomas Berdych e Jo-Wilfried Tsonga i primi due semifinalisti del torneo Atp 500 di Rotterdam. Il ceco infatti ha superato Martin Klizan con un doppio 6-3, mentre il francese ha avuto la meglio sulla testa di serie numero 1 Marin Cilic soltanto dopo due tie-break.

BERDYCH

Non ha avuto troppi problemi quindi Tomas Berdych nel primo quarto di finale di giornata giocato contro il campione uscente Martin Klizan. L’attuale numero 13 del mondo infatti non ha concesso alcuna palla break al suo avversario in tutto l’incontro, ed è stato chirurgico ogni volta che ha avuto la possibilità di strappare il servizio a Klizan, che ha ceduto la battuta due volte nel primo set (nel quinto e nel nono game) e un’altra nel secondo (nel quarto gioco) senza mai dare l’impressione di poter mettere in difficoltà un Berdych piuttosto solido e in buone condizioni, che quindi punta a tornare in finale dopo il trionfo del 2014 e quella persa nel 2015 contro Warinka.

TSONGA

E’ stata molto più combattuta invece la sfida tra Jo-Wilfried Tsonga e Marin Cilic, risolta 7-6 7-6 in favore del francese dopo una “battaglia” molto equilibrata e non senza qualche rimpianto per il croato. Nel primo set infatti si sono materializzate soltanto due palle break, entrambe annullate da Tsonga nel terzo e nel nono game, dopodiché gli spettatori del centrale di Rotterdam hanno potuto assistere ad un primo tie-break ricco di spettacolo ed emozioni. Il francese infatti si è procurato tre set point consecutivi salendo sul 6-3, ma Cilic ha rimontato fino al 6-6, grazie anche ad un doppio fallo del suo avversario proprio in occasione della terza opportunità, e poi è stato lui ad avere due chance di portare a casa il parziale, prima sul 7-6 e poi sull’8-7. Tsonga però non ha mollato, ha annullato entrambi i set-point e ha chiuso i conti 10 punti a 8, infilando tre punti consecutivi che lo hanno proiettato avanti nel punteggio.

Nel secondo set poi la musica non è cambiata, visto che l’equilibrio l’ha fatta ancora da padrone, tanto che l’unica palla break del parziale l’ha annullata Cilic nel game di apertura. Dopo un’altra serie di giochi in cui entrambi i giocatori hanno gestito senza troppi problemi i rispettivi turni di battuta quindi, la sfida è approdata ad un altro tie-break, e stavolta Tsonga è stato bravo a concretizzare la prima opportunità avuta con Cilic al servizio sul 6-5, grazie alla quale ha archiviato la vittoria 7 punti a 5 per il definitivo 7-6 che gli ha regalato un posto in semifinale.

(Nella foto Tomas Berdych – www.zimbio.com)


Nessun Commento per “ATP ROTTERDAM, LA PRIMA SEMIFINALE E' BERDYCH-TSONGA”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • ATP ROTTERDAM: CILIC, BERDYCH E GOFFIN AI QUARTI Avanzano anche Grigor Dimitrov, vittorioso 7-6 6-1 su Denis Istomin, e Dominic Thiem, che ha battuto 6-4 7-6 Gilles Simon
  • ATP ROTTERDAM, TSONGA E CILIC AL SECONDO TURNO Il francese ha superato il giovane greco Stefanos Tsitsipas 6-4 7-6, il croato invece ha sconfitto Benoit Paire al terzo. A Memphis subito eliminato Bernard Tomic
  • ROTTERDAM, MURRAY E DEL POTRO FUORI AI QUARTI Inaspettata eliminazione del britannico, che cede in due set a Marin Cilic e saluta la manifestazione olandese ai quarti di finale. Fuori anche l'argentino contro Gulbis, avanti Berdych. […]
  • TSONGA E L’ISTINTO PERDUTO Jo-Wilfred Tsonga non è più lo stesso. La cura Rasheed prima e il duo Escudé-Ascione ora sembrano aver snaturato troppo il suo stile prettamente istintivo di giocare a tennis. E a 28 anni […]
  • ATP TORONTO: BRILLA FEDERER, A PICCO DJOKOVIC E WAWRINKA Nella notte hanno avuto luogo gli incontri di terzo turno della Rogers Cup a Toronto: Djokovic a picco con Tsonga, fuori Wawrinka e Berdych. Brilla Federer, ok le altre teste di serie.
  • RANKING ATP, IN ASCESA FERRER E BERDYCH Lo spagnolo scavalca Juan Martin Del Potro dopo il trionfo a Buenos Aires, il ceco supera Murray grazie alla vittoria di Rotterdam contro Cilic, che invece firma il best week change tra i primi 30.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".