ATP ROTTERDAM, TSONGA E CILIC AL SECONDO TURNO

Il francese ha superato il giovane greco Stefanos Tsitsipas 6-4 7-6, il croato invece ha sconfitto Benoit Paire al terzo. A Memphis subito eliminato Bernard Tomic

TENNIS – E’ stata tutt’altro che una passeggiata, ma alla fine Jo-Wilfried Tsonga è riuscito a superare 6-4 7-6 il 18enne greco Stefanos Tsitsipas (numero 205 del mondo, al primo incontro nel circuito Atp grazie alla wild-card ricevuta dagli organizzatori), conquistando il secondo turno del torneo Atp 500 di Rotterdam, al termine di un match comunque equilibrato e più complicato di quanto si potesse immaginare per il transalpino.

Sul veloce indoor della città olandese infatti, Tsonga è andato subito sotto di un break, è rientrato in partita nel quarto game risalendo fino al 2-2 e solo nel decimo gioco è riuscito a infrangere l’equilibrio portando a casa il break decisivo che gli ha consegnato il primo parziale sul 6-4. E anche se all’inizio del secondo il francese è salito velocemente sul 3-0 lasciando pensare che potesse chiudere i conti con una certa disinvoltura, Tsitsipas ha reagito rimontando prima sul 3-3, e poi fino al 5-5 dopo che Tsonga era andato a servire per il match sul 5-3.

La sfida quindi è approdata al tie-break, e il giovane greco ha sperato di poter allungare l’incontro al terzo set, ma dopo l’iniziale 1-1, l’attuale numero 14 del mondo ha fatto valere il suo maggiore spessore dominando da quel momento in poi l’ultima frazione, piazzando prima un parziale che gli ha permesso di allungare sul 6-1, procurandosi ben cinque match-point consecutivi, e poi archiviando definitivamente la vittoria 7 punti a 2 tra gli applausi del pubblico olandese.

CILIC

E’ dovuto ricorrere al terzo set invece Marin Cilic, testa di serie numero uno a Rotterdam, per avere la meglio nella prima partita della sessione serale su Benoit Paire, battuto 5-7 6-3 6-2. Il croato ha ceduto il primo set 7-5 dopo il break ottenuto dal francese nell’undicesimo game, ma nel secondo è riuscito a rimettere in piedi la partita strappando il servizio al suo avversario nell’ottavo gioco, per poi chiudere i conti sul 6-3 che ha allungato la sfida al terzo e decisivo parziale.

A quel punto Cilic ha spinto ancora sull’acceleratore, e si è portato sul 3-2 e servizio incanalando la sfida dalla sua parte, ma nel combattutissimo sesto gioco ha dovuto salvare ben sei palle del contro-break (le prime due delle quali consecutive sul 15-40) prima di conservare il proprio turno di battuta e salire sul 4-2. Quindi, dopo lo scampato pericolo, l’attuale numero 7 del mondo ha infilato altri due game consecutivi che gli hanno regalato vittoria e passaggio del turno.

ALTRI RISULTATI ROTTERDAM

Passando quindi alle altre partite in programma in questa giornata, si sono qualificati per il secondo turno anche Philipp Kohlschreiber, che ha superato la testa di serie numero 8 Lucas Pouille in due set (7-5 6-2 lo score conclusivo in favore del tedesco), Gilles Muller, protagonista di un netto 6-3 6-2 ai danni del giovane olandese Tallon Griekspoor (classe 1996, numero 317 del ranking mondiale), Gilles Simon, uscito vittorioso in tre set (3-6 6-3 6-4) dal “derby” transalpino con Nicolas Mahut, e Martin Klizan, che ha sconfitto Fernando Verdasco 6-4 0-6 6-1.

MEMPHIS

Spostandoci quindi al torneo Atp 250 di Memphis, Bernard Tomic (testa di serie numero 5 del tabellone statunitense) è uscito subito di scena con un doppio 6-4 per mano di Darian King, il primo giocatore proveniente dalle Barbados (attualmente numero 140 del mondo) a riuscire a conquistare il secondo turno di un torneo Atp.  Si è qualificato per il secondo turno poi anche Ryan Harrison, protagonista anche lui di una vittoria in due set (6-3 7-5) ai danni del russo Konstantin Kravchuk.

(Nella foto Jo-Wilfried Tsonga – www.zimbio.com)


Nessun Commento per “ATP ROTTERDAM, TSONGA E CILIC AL SECONDO TURNO”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Dicembre 2016

  • Andy Murray entra nel 2017 da "number one". Nessun suddito britannico prima di lui era riuscito a salire in vetta alla classifica dell'Era Open, ma lo scozzese ha invece compiuto l'impresa vincendo le Atp Finals proprio davanti al pubblico londinese.
  • L'Argentina sul tetto del mondo. I sudamericani conquistano per la prima volta la Coppa Davis rompendo il "maleficio" che li aveva visti perdere per ben 4 volte in finale. A fare il tifo sugli spalti c'era anche Diego Armando Maradona!
  • Trump e il tennis. Da sempre grande appassionato dello sport della racchetta, il nuovo Presidente degli Stati Uniti non solo è uno spettatore fisso degli US Open, ma da svariati decenni impugna la racchetta con la stessa determinazione che ha mostrato in campagna elettorale.