ATP TORONTO: BRILLA FEDERER, A PICCO DJOKOVIC E WAWRINKA

Nella notte hanno avuto luogo gli incontri di terzo turno della Rogers Cup a Toronto: Djokovic a picco con Tsonga, fuori Wawrinka e Berdych. Brilla Federer, ok le altre teste di serie.

Tennis. Si formano le prime crepe nel tabellone maschile del primo “mille” della stagione su cemento americano. Ad abdicare per primo è il francese Richard Gasquet, che neanche scende in campo contro lo scozzese Andy Murray a causa di un problema addominale, ma il vero colpo di scena è rappresentato dall’eliminazione della testa di serie N.1 del torneo Novak Djokovic che, in poco più di un’ora di gioco, racimola appena 4 games dal francese Jo Wilfried Tsonga, battuto in tutti e 9 gli ultimi precedenti di cui 8 senza perdere neanche un set. Il serbo pare irriconoscibile rispetto alle ultime uscite e non riesce in nessun momento del match a dimostrarsi pericoloso nei confronti del francese, il quale sfrutta con una semplicità assoluta tutte le opportunità concesse dal suo avversario.

Ai saluti anche Stan Wawrinka, N.3 del draw maschile, che dopo aver sofferto oltremodo due giorni fa con il qualificato Benoit Paire deve cedere al sudafricano Kevin Anderson, già giustiziere di Fabio Fognini. Continua il periodo buio anche per Tomas Berdych: il capofila ceco conferma un preoccupante calo atletico e mentale che si porta dietro da Washington D.C., dove aveva ceduta senza lottare a Vasek Pospisil. Dopo aver vinto il primo set inizia una ripidissima salita per lui nell’incontro odierno contro Feliciano Lopez e lo spagnolo non ci pensa due volte a sfruttare tutti i mezzi a propria disposizione per approdare ai quarti di finale.

Nessun problema, o comunque pericolo scampato, per le altre teste di serie “di lusso” impegnate tra pomeriggio e serata in Canada: Roger Federer spegne le candeline e si regala il passaggio del turno sconfiggendo solo per 6-4 al terzo set il gladiatore Marin Cilic, dopo essersi aggiudicati un tie-break a testa, mentre il beniamino di casa Milos Raonic gestisce al meglio le forze in una partita tutto sommato senza grandi emozioni contro l’esperto Julien Benneteau.

Grigor Dimitrov, testa di serie N.7, sembrava nel bel mezzo di una passeggiata di salute contro Tommy Robredo, dopo essersi trovato 7-5 3-0, ma dopo il ritorno dello spagnolo che si è portato a casa il secondo parziale anch’egli per 7 giochi a 5, ha dovuto lottare non poco nel terzo set per strappare la vittoria ed il biglietto per i quarti. Suda sette camice, <<come al solito>> verrebbe da dire, David Ferrer che, dopo un primo set in balia del suo avversario, il N.2 croato Ivan Dodig, riesce a tornare sopra nel punteggio e poi a vincere il match grazie soprattutto ai tanti regali portati dal suo avversario; “Ferru” ringrazia e si prepara ad affrontare Federer nell’ultimo incontro di domani.

Di seguito tutti i risultati:

J.W.Tsonga[13] b. N.Djokovic[1] 6-2 6-2

A.Murray[8] b. R.Gasquet[12] 0-0 Rit.

K.Anderson b. S.Wawrinka[3] 7-6(8) 7-5

G.Dimitrov[7] b. T.Robredo[17] 7-5 5-7 6-4

M.Raonic[6] b. J.Benneteau 6-3 4-6 6-4

F.Lopez b. T.Berdych[4] 3-6 6-3 6-4

D.Ferrer[5] b. I.Dodig 1-6 6-3 6-3

R.Federer[2] b. M.Cilic[15] 7-6(5) 6-7(3) 6-4


Nessun Commento per “ATP TORONTO: BRILLA FEDERER, A PICCO DJOKOVIC E WAWRINKA”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Marzo 2017

  • Roger guarda sepre più avanti. Dopo l’incredibile traguardo raggiunto a Melbourne, il favoloso Federer non si pone più limiti e guarda al suo 2017 con occhi nuovi. È tornato a pensare che Wimbledon sia un suo terreno di conquista e spera di riuscire a riprendere le chiavi di quel “giardino incantato”.
  • Rafa vuole il Real Madrid. Un giorno vorrebbe diventare il Presidente del famoso club calcistico madrileno, ha ammesso Nadal, che da sempre ha una grande passione per il pallone. Che stia già pensando al ritiro dal circuito della racchetta.
  • Gli azzurri di Davis sognano. Dalla vittoria di primo turno, fatta registrare in Argentina sulla squadra detentrice dell’insalatiera d’argento, riprende la corsa di una nazionale italiana motivata e generosa, capace di riaccendere l’entusiasmo dei suoi tifosi.