AUCKLAND E SYDNEY, ANTICAMERE DELL’AUSTRALIAN OPEN

Ad una settimana dall'Australian Open, iniziano i due tornei di avvicinamento al torneo del Grande Slam. Analizziamone le caratteristiche ed i protagonisti.

Tennis. Parte la seconda settimana della stagione 2013 del circuito Atp, ultimo aperitivo prima della portata principale del mese di gennaio, l’Australian Open, primo appuntamento del Grande Slam. Come accade tradizionalmente, la settimana prima di un major non prevede appuntamenti di primissimo livello e generalmente i migliori giocatori del mondo preferiscono riposare, in vista dell’appuntamento importante. Non stupisce perciò, che ai nastri di partenza dei due tornei di questa settimana, ci sia un solo top ten, l’instancabile David Ferrer, chiamato a difendere il titolo ad Auckland conquistato lo scorso anno.

Heineken Open, Auckland (ATP World Tour 250, Hard, $433,400). Il torneo si gioca sul Plexicushion dell’ASB Tennis Centre di Auckland e giunge quest’anno alla 38esima edizione sotto la denominazione di Heineken Open. Il torneo di Auckland in generale invece, si svolge ininterrottamente dal 1956. Il record di affermazioni appartiene al grande Roy Emerson, trionfatore in quattro circostanze, mentre nell’era open il migliore è David Ferrer, il quale ha vinto tre edizioni del torneo neozelandese, tra cui le ultime due. Quest’anno il tabellone non è popolato da grandissimi nomi (la testa di serie numero 2, dietro allo spagnolo è Philippe Kohlschreiber, attuale numero 20 del mondo) ed i potenziali quarti di finale, seguendo l’ordine delle teste di serie, sono Ferrer-Bellucci, Haas-Melzer, Janowicz-Querrey e Klizan-Kohlschreiber. Lo spagnolo è il favorito per la tripletta in questo torneo di preparazione per l’Australian Open. Tra gli outsider, particolare attenzione alla wild card Gael Monfils, che in Nuova Zelanda affronterà una nuova tappa del suo percorso di recupero. Per l’Italia l’unico rappresentante è Paolo Lorenzi, che al primo turno affronta Lukas Lacko.

TABELLONE COMPLETO

Apia International, Sydney (ATP World Tour 250. Hard, $436,630).Torneo dalla grande tradizione: la sua nascita risale al 1885 quando veniva utilizzato per selezionare i membri della squadra di Coppa Davis, e quest’anno giunge all’edizione numero 121. Si gioca sul Plexicushion del NSW Tennis Centre di Sydney ed è un evento combined, visto che contemporaneamente, sugli stessi campi va in scena anche l’evento Wta, di categoria premier. È stato vinto per quattro volte dall’idolo di casa Lleyton Hewitt, il quale detiene anche il record di affermazioni nell’era open, mentre il record assoluto appartiene a Jack Crawford, vincitore di sette edizione a cavallo tra fine anni 20 e inizio anni 30. Campione in carica è il finlandese Jarkko Nieminen che dovrà difendere il titolo da non testa di serie. Quarti di finale potenziali sono: Isner-Stepanek, Verdasco-Chardy, Granollers-Seppi, Mayer-Simon. Per l’Italia, oltre ad Andreas Seppi(3), che esordisce dopo il bye al primo turno contro Tommy Robredo o John Millman, in tabellone anche Fabio Fognini, il quale al primo turno dovrà vedersela con il caldissimo Grigor Dimitrov.

TABELLONE COMPLETO


Nessun Commento per “AUCKLAND E SYDNEY, ANTICAMERE DELL'AUSTRALIAN OPEN”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora