AUGURI A KAROL KUCERA, IL VINCITORE SILENZIOSO…

Karol Kucera è stato un tennista di grande valore: veloce sulla palla e potente sui piedi, ha dato del filo da torcere ai grandi del tennis...

Tennis – Karol Kucera oggi compie 43 anni, il destrimano di Bratislava che ha fatto tremare avversari dal grande calibro quali Pete Sampras, André Agassi ed altri nomignoli…

Nato nel 1974, Kucera divenne professionista nel 1992, anni importanti per la sua formazione e per la nostra povera Italia, ottenendo l’anno dopo la qualificazione al Roland Garros. Quatto quatto, Karol iniziò a farsi strada nel mondo dei big, infatti vinse il suo primo titolo sull’erba olandese di Rosmalen (1995) e si tenne tra i primi 100 al mondo. 

Successivamente, arrivarono le vittorie di Ostrava (1996) e le finali di Nottinghame e Stoccarda che gli valsero un’impennata nella classifica mondiale, quasi senza accorgersene, con la posizione numero 6: infatti, nel 1998, Kucera vinse 53 match guadagnando più di un milione e quattrocentomila dollari.

In totale, Kucera ha ottenuto 6 titoli ATP: Rosmalen 1995, Ostrava 1996, Sydney 1998, New Haven 1998, Basilea 1999, Copenaghen 2003. Nel Grand Slam, raggiunse: semifinale Australian Open 1998, il terzo turno al Roland Garros 1996 e 2000, il quarto turno a Wimbledon 1999 e le qualificazioni agli US Open 1998.

Un ghepardo silenzioso che, nel 2005, portò la sua Slovacchia nella finale di Coppa Davis persa contro la Croazia 3-2. Dopo quella sconfitta, Kucera si ritirò dal mondo del tennis….

 


Nessun Commento per “AUGURI A KAROL KUCERA, IL VINCITORE SILENZIOSO...”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora