AUGURI EDBERG, 50 ANNI DELLA GRANDE BELLEZZA

Compie la bellezza di 50 anni Edberg: bello come pochi, tennisticamente parlando s'intende. Ma efficace, chiedere a Roger Federer per conferma

Tennis. Quando si narra delle gesta di un grande personaggio si rischia facilmente di sfociare nella retorica. Quando però il personaggio in questione risponde al nome e cognome di Stefan Edberg tutto diventa possibile: persino elogiare l’uomo e lo sportivo senza rischiare di essere mielosi.

Ha concluso recentemente una delle partnership più regali che si siano mai viste nel tennis, con Roger Federer ovviamente: due anni dietro i quali c’è un lavoro evidente, molto meno di facciata rispetto ad altre collaborazioni (ogni riferimento è puramente casuale). Dopo un 2013 tremendo ha riportato l’elvetico ad un livello di competitività quasi impensabile: tre finali Slam, oltre la dozzina di titoli Atp, la Coppa Davis e la n.2 del mondo in pianta stabile, dopo essere sprofondato alla n.7.

Edberg è stato senza ombra di dubbio uno dei giocatori dotati di maggiore eleganza dell’Era Open, se si parla di stile, non si può che citare lo svedese. Non solo con la racchetta, ma anche nei comportamenti: il premio che viene assegnato al giocatore che più si è distinto nel corso dell’anno per professionalità ed atteggiamenti in campo porta il suo nome. In tutto questo, la cosa fondamentale: Edberg è stato un meraviglioso giocatore, con risultati eccellenti.

Se oggi si cita un giocatore come leggenda ed ha vinto 6 Slam, può sembrare quasi un’esagerazione, confrontando tale numero con quelli mostruosi di oggi dei vari Djokovic e Nadal. Il dato è presto spiegato: la concorrenza che c’era all’epoca del biondo scandinavo faceva paura. Versatile e completo, finali in tutti gli Slam, compresa quella di Parigi: ha vinto 2 Major a Melbourne, Wimbledon e Us Open.

4 trionfi in Coppa Davis, svariate medaglie olimpiche in singolo e doppio ed un record, condiviso col solo McEnroe nell’Era Open: la n.1 mondiale in singolo e doppio.

Oggi questo fenomeno compie la bellezza di 50 anni: termine che accostato a Stefan Edberg trova la sua collocazione naturale; auguri!


Nessun Commento per “AUGURI EDBERG, 50 ANNI DELLA GRANDE BELLEZZA”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora