AUGURI EKATERINA MAKAROVA, A CACCIA DELLA CONSACRAZIONE

La giocatrice moscovita, esplosa soltanto negli ultimi mesi, compie 27 anni e prova ad indovinare la svolta della carriera nel pieno della sua maturità. Compleanno nel segno del Roland Garros appena terminato

TENNIS – In un panorama femminile dominato da Serena Williams, che tra pochi mesi spegnerà trentaquattro candeline, il livello della maturità delle sue rivali è destinato ad alzarsi. Tra le protagoniste del circuito che sono pronte a raggiungere la consacrazione c’è anche Ekaterina Makarova, che nella giornata di oggi festeggia i suoi ventisette anni dall’alto della sua presenza, ormai stabile, nella top ten del ranking.

La russa è arrivata ad un punto particolare della sua carriera. Non un talento precoce, ma tanta voglia di emergere, caratteristica che accomuna diversi attori del tennis russo a partire dagli anni ’90. Anche la giocatrice di Mosca rispecchia quella tipologia di giocatori, soprattutto per l’esplosione giunta successivamente all’età delle promesse e dei talenti: una spola tra ottavo e nono posto nella classifica mondiale, dopo tante soddisfazioni raggiunte nel doppio con la connazionale Elena Vesnina. Due prove dello Slam in bacheca, ovvero Roland Garros 2013 e US Open 2014, prima del grande salto nel singolare e i primi mesi ad alto livello, che ormai sembrano aver preso il sopravvento in pianta stabile nelle sue prerogative.

Proprio dal 2014 parte l’assalto alla gloria anche senza la partnership che ha dato dispiaceri, nell’ordine, a Vinci, Errani e Pennetta. Un quarto di finale a Wimbledon, una semifinale a Flushing Meadows e un’altra ancora a Melbourne nel primo Slam di quest’anno. Le vittorie di Eastbourne e Pattaya cominciano a star strette alla Makarova, che cerca in tutti i modi di imporsi al cospetto delle big. Il primo grande titolo continua a sfuggire, ma questi ultimi dodici mesi meritano un seguito dello stesso spessore.

A ventisette anni, nel pieno delle proprie potenzialità atletiche e mentali, la giocatrice moscovita è chiamata a svoltare definitivamente verso la consacrazione che, stando a quello che è emerso nei maggiori tornei del circuito, può dirsi certamente alla portata. L’estate imminente, come tutto il resto della stagione, dovrà servire per lo slancio decisivo. Impossibile rimanere nel limbo.

Auguri Ekaterina, aspettando il gran giorno.


Nessun Commento per “AUGURI EKATERINA MAKAROVA, A CACCIA DELLA CONSACRAZIONE”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2018

  • "King Roger" forever. Ancora, ancora e ancora... a quasi 37 primavere Federer è di nuovo il "number one" del tennis mondiale, quattordici anni dopo la prima volta. Il giusto coronamento di venti stagioni sul Tour condite da venti titoli Slam.
  • Nostalgia Williams. Un inizio 2018 senza le "Black Sisters" protagoniste sul rettangolo di gioco è sembrato sbiadito. Serena ha prolungato il suo "congedo" di maternità, mentre Venus è partita male. Unica apparizione insieme nel doppio di Fed Cup, perso!
  • Evviva il Fognini nazionale. In Coppa Davis il tennista ligure dà sempre il meglio di sé. Decisivo il suo apporto per superare il Giappone al 1° turno, ma nei quarti previsti a Genova dovrà superarsi guidando l'Italia contro i francesi campioni in carica.