AUGURI “GATTO” MECIR: L’ORO COREANO DI UN ESTETA

Compie 53 anni Miroslav Mecir, fantastico interprete del tennis a cavallo fra anni '80 e '90

Tennis. Miroslav Mecir, un nome e cognome che oggi dice ben poco ai fan del tennis, anche se provassimo ad identificarlo col suo celebre soprannome “gatto“. La colpa non è certo di un tennista capace di diventare campione olimpico, raggiungere due finali Slam e toccare la n.4 del mondo: piuttosto, è nato nell’epoca “sbagliata“, quella in cui vincere un torneo, a qualsiasi livello, era davvero un’impresa.

C’erano i vari Edberg, Lendl, Becker, Noah e tantissimi altri: un periodo storico, d’oro per il tennis, lui riuscì ad inserirsi alla grande ottenendo successi precoci ed importanti. Soprannominato “gatto” per quelle sue movenze particolari, graziose e feline, con una capacità unica di coprire il campo ad ampie falcate senza mai perdere coordinazione, tecnica e potenza dei colpi.

A soli 22 anni già centrava la sua prima finale Slam, agli Us Open, nel 1989 la seconda ed ultima a Melbourne: il 1988 è però il suo anno, quello in cui raggiunge la best ranking da n.4 del mondo, ma soprattutto l’annata in cui diventa campione olimpico a Seul battendo Edberg in semifinale. proprio lo svedese, un paio di mesi prima, ne aveva interrotto la rincorsa a Wimbledon al penultimo atto, avanti di due set: forse il più grande rimpianto della sua carriera.

Essere n.4 del mondo in quell’epoca, raggiungere almeno le semifinali in tutti i Major, vincere 11 tornei ed altri 9 in doppio (anche lì n.4 del mondo) voleva dire essere davvero un tennista di livello. oggi, tranquillamente, potrebbe piazzarsi stabilmente tra i primissimi del mondo contendendo Slam su qualsiasi superficie, dove ha sempre giocato almeno una finale. Mecir oggi è capitano della Slovacchia, è ricordato come uno degli interpreti più istrionici della racchetta, per tecnica e originalità. L'”ammazzasvedesi” per eccellenza che ha vissuto in un lustro il meglio di una carriera che ha avuto il solo difetto di essere vissuta in uno dei momenti di maggior splendore ed abbondanza che il tennis dell’Era Open possa ricordare.

Oggi Mecir compie 53 anni, auguri!

 


Nessun Commento per “AUGURI "GATTO" MECIR: L'ORO COREANO DI UN ESTETA”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora