AUGURI JUAN MONACO, LA SFORTUNA DI PICO

Compie 33 anni Juan Monaco, tennista argentino martoriato dagli infortuni. In carriera ha vinto 9 titoli diventando n.10 del mondo nel 2012.

Tennis – Un solo incontro disputato in questo 2017, un unico match ad una sconfitta. E’ la nuova stagione di Juan Monaco (oggi 33 anni), che sfortunatamente si appresta a seguire la scia degli anni passati: l’ex n.10 del ranking è ormai un tennista martoriato dai continui infortuni che ne hanno a dir poco frenato la carriera. Pico, nella sua unica partita stagionale, si è dovuto arrendere al terzo set ad Indian Wells contro Adrian Mannarino.

La sfortuna sembra essersi abbattuta sul nativo di Tandil che a 15 anni decise di voler intraprendere questa lunga strada tortuosa. Da lì a poco il trasferimento a Barcellona per allenarsi, diventare professionista e iniziare a fare le prime apparizioni per i Futures spagnoli. Professionista dal 2002, in pochi anni riesce riesce a scalare il ranking mondiale approdando in top 100 e restando fra i migliori giocatori del circuito per oltre un decennio. Nel 2007 ottiene la vittoria nei tornei di Buenos Aires, Portschach e Kitzbuhel,  toccando il proprio best ranking nel 2012 come n.10 dopo aver vinto in un solo anno a Vina del Mar, Houston, Kuala Lumpur ed il prestigioso titolo di Amburgo (Atp 500) trionfando in finale contro Tommy Haas.

Dopo oltre un quinquennio ad alti livelli, Juan Monaco assiste impotente ad un lento declino a causa anche degli incessanti infortuni che lo perseguitano. L’argentino prova a scalare nuovamente la vetta dopo aver perso molte posizioni nel ranking ma non riesce ad andare oltre la top 30. Poi l’ennesimo infortunio, più grave dei precedenti, con l’articolazione che cede ed il polso che fa “crak”. “Ho sentito un dolore molto forte al polso destro  – spiegò Juan Monaco, che poi ammise di essere da tempo alle prese con questi problemi – Combatto da tre anni con i problemi alla cartilagine del polso, vado avanti con infiltrazioni e molta fisioterapia. Due settimane fa ho intrapreso un viaggio a Dusseldorf per incontrare un medico che mi ha proposto un nuovo trattamento con cellule staminali. Stava andando tutto bene, mi sentivo meglio fino ad oggi quando colpendo una palla normalmente con il rovescio ho provato un dolore immenso che mi ha costretto a ritirarmi”.

Agli sgoccioli di una carriera che lo ha portato a vincere 8 titoli (7 Atp 250 ed un Atp )e a disputare altre 12 finali nel circuito maggiore, Juan Monaco riesce in un acuto che nella passata stagione lo ha visto sollevare il trofeo di Houston per la seconda volta in carriera avendo la meglio sulla terra rossa statunitense contro il padrone di casa Jack Sock. Attualmente l’argentino si trova alla 72° gradino del ranking Atp. La stagione non sembra iniziata nel migliore dei modi, anzi, ma Juan Monaco ci ha dimostrato lungo il corso di una carriera molto difficile, l’indole del guerriero e la voglia di giocare che ancora sono parti integranti di un tennista da ammirare.

Auguri Pico!


Nessun Commento per “AUGURI JUAN MONACO, LA SFORTUNA DI PICO”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora