AUGURI MAGNUS LARSSON, LO SVEDESE CHE SCONFISSE SAMPRAS

Compie 47 anni Magnus Larsson, lo svedese che sconfisse, nella finale di Monaco 1994 al Grand Slam Cup, Pete Sampras...

Tennis – Tanti auguri a Magnus Larsson, il tennista svedese nato nel 1970 a Olofstrom ed alto 1.93. Larsson raggiunse l’apice della carriera il 17 aprile 1995 quando divenne numero 10 del mondo nel singolare, mentre nel doppio arrivò alla posizione numero 26.

Professionista dal 1989, una delle sue più belle vittorie, quella in cui è davvero ricordato, fu al Grand Slam Cup 1994 di Monaco in cui sconfisse il numero 1 del mondo, Pete Sampras, 7-6(6) 4-6 7-6(5) 6-4.

In totale, Magnus Larsson ha ottenuto 7 titoli ATP: Firenze 1990,Copenaghen 1992, Monaco 1992, Saragozza 1994, Tolosa 1994, Monaco 1994 e Memphis 2000. Nei Grand Slam riuscì ad arrivare alla semifinale del French Open (1994), ai quarti di finale degli US Open (1993, 1997, 1998) e al quarto turno degli Australian Open (1995) e Wimbledon (1998).

In Coppa Davis, Larsson ha fatto parte della squadra svedese dal 1992 al 2003 con un record di 13 vittorie e 6 sconfitte. Conquistò l’insalatiera nel 1994, superando la Russia di  Evgenij Kafel’nikov e Aleksandr Vladimirovič Volkov, e nel 1997, con la vittoria sugli Stati Uniti di Pete Sampras e Michael Chang.

Un tennista alto ed equilibrato che, zitto zitto e giocando il suo tennis, ha raggiunto la Top 10 dando dimostrazione di grande costanza e pazienza..da bravo svedese!

 


Nessun Commento per “AUGURI MAGNUS LARSSON, LO SVEDESE CHE SCONFISSE SAMPRAS”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora