AUGURI WOODFORDE: DA MCENORE AL DOPPIO WOODIES

Una delle coppie di doppio più forti di tutti i tempi: le origini con McEnroe ed una partnership con la Navratilova nel passato

Tennis. Una delle coppie storiche nel doppio di questo sport, fra le più forti ma soprattutto fra le più vincenti. Compie 51 anni oggi Mark Woodforde, che con il “gemello” australiano Todd Woodbridge ha vinto tutto quello che c’era da vincere.

Medaglia d’oro ad Atlanta ’96, il suo anno d’oro: fu la stagione in cui in singolare Mark ottenne il miglior risultato della sua carriera, la semifinale ovviamente nella sua Australia, a Melbourne. Tre anni dopo avrebbe alzato al cielo la Coppa Davis in una delle tre finali giocate per aggiudicarsi l’insalatiera: erano 13 anni che i canguri non vincevano il trofeo. Alla soglia dei 34 anni arrivò, ovviamente con Woodbridge, anche l’argento alle Olimpiadi di Sydney, a sugellare un rapporto con il proprio Paese letteralmente straordinario.

In doppio le affermazioni agli Australian Open sono state due, ben 6 a Wimbledon, 3 agli Us Open e nel 2000 il completamento del Grande Slam con il trionfo al Roland Garros. I “Woodies” però non esistono da sempre, tanto è che Mark il primo successo Slam in doppio lo ottenne nel 1989 agli Us Open, in compagnia di uno non proprio qualunque: di nome faceva John, cognome McEnroe. Non sarà l’unico partner di prestigio per Woodforde, che nel misto avrebbe diviso il campo anche con la Navratilova, tra l’altro proprio contro il compagno ed amico Todd in una finale (persa) a Wimbledon.

Sono 12 in totale gli Slam vinti da Mark, ma è stato anche un ottimo giocatore in singolare, riuscendo a toccare una best ranking di tutto rispetto come n.19 al mondo. Ha raggiunto gli ottavi in tutti e 4 gli Slam stagionali, giocando nove finali e vincendone 4 sempre su cemento: tre di queste in Australia, ma soprattutto l’Atp 500 di Filadelifa contro Lendl, costretto però al ritiro sul finire del primo set.

Oggi Mark Woodforde è ricordato, in compagnia del “gemello” Todd Woodbridge, quale uno dei migliori e più vincenti interpreti della specialità: auguri!


Nessun Commento per “AUGURI WOODFORDE: DA MCENORE AL DOPPIO WOODIES”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

  • MCENROE: “IL ROLAND GARROS E’ DI RAFA E SERENA” TENNIS- Nemmeno il tempo di uscire dal Foro Italico che già siamo proiettati sui Campi del Roland Garros. I tennisti più carichi in questo momento, Rafael Nadal e Serena Williams, sembrano […]
  • AUGURI TRECY AUSTIN, CAMPIONESSA SFORTUNATA Tanti auguri a Trecy Austin, la due volte campionessa Us Open che a soli 21 anni ha dovuto dire addio al grande tennis. Una carriera in rampa di lancio, quella dell'americana, bloccata dai […]
  • BUON COMPLEANNO IVAN LENDL Numero 1 Atp per 270 settimane, 157 delle quali consecutive. Vincitore di almeno un torneo Atp per 14 anni consecutivi con un bilancio di 94 trofei vinti in carriera e unico giocatore […]
  • CINA, CROCE O DELIZIA PER L’AUSTRALIAN OPEN? In Asia lo sport di Federer e Nadal acquisisce via via maggiore successo e può rappresentare una grande opportunità per l’Australian Open a livello di pubblico, partecipazione e anche […]
  • DJOKOVIC RULES: UN 2015 RECORD E NON E’FINITA Djokovic sta ammazzando un record dietro l'altro: due sono in cantina, a Parigi potrebbe arrivare l'ennesimo
  • BUON COMPLEANNO ICEBORG Bjorn Borg, vincitore di sei Roland Garros e cinque Wimbledon, compie 59 anni. Famosa la sua rivalità con John McEnroe definita dalla stampa “Fuoco e Ghiaccio”

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Dicembre 2017

  • Dimitrov e Wozniacki "Maestri". Due veterani del tour ancora in parte inespressi, che a fine stagione hanno saputo cogliere il momento propizio. Nel 2018 sono comunque attesi alla prova del nove, magari un trionfo Slam...
  • Chi è Hyeon? Di cognome fa Chung, è coreano ed è più che coriaceo in campo. Qualità, quest'ultima, che gli è valsa la vittoria alla prima edizione delle "Next Gen" meneghine. Adesso lo aspettano i "grandi".
  • Giochi di squadra. Dopo oltre tre lustri, Francia e Stati Uniti riconquistano rispettivamente la Coppa Davis e la Fed Cup. Onore al merito dei due capitani ex giocatori, Yannick Noah e Kathy Rinaldi, che hanno saputo ricompattare e motivare le loro gloriose compagini.