AUGURI WOODFORDE: DA MCENORE AL DOPPIO WOODIES

Una delle coppie di doppio più forti di tutti i tempi: le origini con McEnroe ed una partnership con la Navratilova nel passato

Tennis. Una delle coppie storiche nel doppio di questo sport, fra le più forti ma soprattutto fra le più vincenti. Compie 51 anni oggi Mark Woodforde, che con il “gemello” australiano Todd Woodbridge ha vinto tutto quello che c’era da vincere.

Medaglia d’oro ad Atlanta ’96, il suo anno d’oro: fu la stagione in cui in singolare Mark ottenne il miglior risultato della sua carriera, la semifinale ovviamente nella sua Australia, a Melbourne. Tre anni dopo avrebbe alzato al cielo la Coppa Davis in una delle tre finali giocate per aggiudicarsi l’insalatiera: erano 13 anni che i canguri non vincevano il trofeo. Alla soglia dei 34 anni arrivò, ovviamente con Woodbridge, anche l’argento alle Olimpiadi di Sydney, a sugellare un rapporto con il proprio Paese letteralmente straordinario.

In doppio le affermazioni agli Australian Open sono state due, ben 6 a Wimbledon, 3 agli Us Open e nel 2000 il completamento del Grande Slam con il trionfo al Roland Garros. I “Woodies” però non esistono da sempre, tanto è che Mark il primo successo Slam in doppio lo ottenne nel 1989 agli Us Open, in compagnia di uno non proprio qualunque: di nome faceva John, cognome McEnroe. Non sarà l’unico partner di prestigio per Woodforde, che nel misto avrebbe diviso il campo anche con la Navratilova, tra l’altro proprio contro il compagno ed amico Todd in una finale (persa) a Wimbledon.

Sono 12 in totale gli Slam vinti da Mark, ma è stato anche un ottimo giocatore in singolare, riuscendo a toccare una best ranking di tutto rispetto come n.19 al mondo. Ha raggiunto gli ottavi in tutti e 4 gli Slam stagionali, giocando nove finali e vincendone 4 sempre su cemento: tre di queste in Australia, ma soprattutto l’Atp 500 di Filadelifa contro Lendl, costretto però al ritiro sul finire del primo set.

Oggi Mark Woodforde è ricordato, in compagnia del “gemello” Todd Woodbridge, quale uno dei migliori e più vincenti interpreti della specialità: auguri!


Nessun Commento per “AUGURI WOODFORDE: DA MCENORE AL DOPPIO WOODIES”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2018

  • "King Roger" forever. Ancora, ancora e ancora... a quasi 37 primavere Federer è di nuovo il "number one" del tennis mondiale, quattordici anni dopo la prima volta. Il giusto coronamento di venti stagioni sul Tour condite da venti titoli Slam.
  • Nostalgia Williams. Un inizio 2018 senza le "Black Sisters" protagoniste sul rettangolo di gioco è sembrato sbiadito. Serena ha prolungato il suo "congedo" di maternità, mentre Venus è partita male. Unica apparizione insieme nel doppio di Fed Cup, perso!
  • Evviva il Fognini nazionale. In Coppa Davis il tennista ligure dà sempre il meglio di sé. Decisivo il suo apporto per superare il Giappone al 1° turno, ma nei quarti previsti a Genova dovrà superarsi guidando l'Italia contro i francesi campioni in carica.