AUS OPEN, SHARAPOVA: “FACCIO PROGRESSI”

Masha, dopo il pericolo scampato contro la Panova, si impone nettamente sulla Diyas. Vittorie importanti anche per Bouchard e Halep, protagoniste della mixed-zone con la russa. Le dichiarazioni del day-five

TENNIS – Il weekend di Melbourne si apre con le vittorie schiaccianti delle grandi firme femminili. Dopo il brivido nel secondo turno, Maria Sharapova ritrova il giusto piglio e scaccia i fantasmi dell’incontro precedente. Seguono a ruota altre due affermazioni di gran livello: Eugenie Bouchard e Simona Halep hanno tutte le intenzioni di recitare un ruolo da protagonista anche durante la prossima settimana. Le dichiarazioni del dopogara avvalorano questa tesi. Le rivali sono avvisate.

Proprio Masha, davanti ai microfoni degli Australian Open, si scrolla di dosso la tensione accumulata nel match contro la Panova. Ben diverso il suo stato d’animo, subito dopo la vittoria sulla Diyas: “Devo ammettere di aver superato un grosso ostacolo al secondo turno. Probabilmente ho accumulato maggiore fiducia anche sul piano mentale e oggi sono riuscita a mettere in pratica un tennis diverso, più incisivo e costante sia nella corsa che nell’intensità dei colpi. Sinceramente ho pensato più alla mia condizione e non all’avversaria, che comunque ha dimostrato intraprendenza in diversi scambi. Se le avessi lasciato lo stesso spazio che ha avuto la Panova, avrebbe potuto colpire con più aggressività“. Shuai Peng si opporrà alla siberiana negli ottavi di finale: “Abbiamo disputato sempre partite divertenti – prosegue la Sharapovae la considero un ostacolo temibile. Ha questi colpi a due mani che spesso possono trarre in inganno, ha un impatto secco e devo mantenere alta la concentrazione anche quando detto il ritmo dello scambio. Bella sfida, non vedo l’ora di tornare in campo“.

Un posto agli ottavi anche per Simona Halep, reduce dal successo in due set su Bethanie Mattek-Sands: “Fisicamente sto facendo progressi, mi sentivo meglio rispetto al secondo turno e il risultato conferma i miglioramenti. Il match non è cominciato secondo i miei piani, ho trovato un’avversaria molto aggressiva che mi ha costretto a giocare parecchi scambi da fondocampo. Fortunatamente ho mantenuto la calma e ho cercato di leggere al meglio gli spazi che mi concedeva: era importante non chiudersi all’angolo e provare a rispondere nello stesso modo“. La nuova racchetta è un fattore da tenere in considerazione: “Mi piace molto, riesco a controllare più facilmente l’impatto e ho notato una potenza maggiore nel colpo. Fare affidamento su uno strumento comodo è alla base non solo del repertorio, ma anche della fiducia e della solidità mentale“. Adesso tocca affrontare la Wickmayer: “Yanina mi ha battuto ogni volta – spiega Simona – ma spero di poter invertire la rotta già dal prossimo turno. A prescindere dal fatto che sia stata in top 20, è un’avversaria molto alta, con un’invidiabile percentuale di colpi efficaci. Sarà una sfida molto dura, ma mi sento pronta“.

Chiude la mixed-zone Eugenie Bouchard, che si gode il successo su Caroline Garcia: “Non sono partita con il piede giusto, ho fatto fatica per tutto l’arco del primo set. Mi sentivo come se avessi un blocco, lei ha letto bene la situazione e ha cominciato ad aggredirmi in ogni scambio. Il secondo set è stato più facile, dopo aver vinto il primo mi sono liberata di un peso e ho cominciato a giocare come ho sempre fatto. Probabilmente è dovuto anche al tipo di preparazione che ho seguito durante le ultime settimane: penso di uscire meglio alla distanza, piuttosto che nelle battute iniziali“. Il twirl, quella piroetta su se stessa, è stato un momento di divertimento postpartita: “Inizialmente ero imbarazzata – ammette Genie – ma poi ci ho riso su e l’ho fatto. E’ servito a stemperare la tensione accumulata, un po’ di divertimento è sempre necessario: mi sono messa in gioco anche in questo siparietto, il pubblico ha apprezzato e i miei amici anche“. Tornando al tennis giocato, c’è un ottavo contro Irina Begu: “Non sapevo avesse vinto, non ho seguito il tabellone. Credo che comunque parlerò con il mio staff tecnico perchè voglio migliorare alcuni dettagli, visto che oggi ho accusato qualche difficoltà nel primo set. Adesso il cammino si fa più tortuoso e non si possono commettere tanti errori“.


2 Commenti per “AUS OPEN, SHARAPOVA: "FACCIO PROGRESSI"”


  1. ausano montanari ha detto:

    BRAVAAAAAAAAAAAAAA

  2. ausano montanari ha detto:

    BRAVAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA.


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

  • AUS OPEN, VIA AGLI OTTAVI Quattro incontri per il tabellone maschile e altrettanti per quello femminile. La domenica australiana mette in mostra Nadal e Murray, ma anche il nostro Seppi. Il draw rosa, invece, viene […]
  • AUS OPEN, MASHA: “OCCHIO ALLA MAKAROVA” La Sharapova elimina la Bouchard e si qualifica per le semifinali, dove incontrerà la carnefice della Halep nel derby russo. La siberiana si dice soddisfatta, ma vuole evitare le sorprese. […]
  • AUS OPEN, I PANNI SPORCHI… SI PERDONO A MELBOURNE La lavanderia degli Australian Open scambia il bucato di Caroline Garcia con quello di Daria Gavrilova. A Melbourne problemi anche per Maria Sharapova, mentre gli uomini scelgono soluzioni alternative
  • AO: CICLONE SHARAPOVA, BRIVIDO BOUCHARD Nessun problema per Masha contro Shuai Peng. Ai quarti ritroveà la Bouchard, che cede il primo set del suo torneo contro la Begu. Avanza anche la Makarova, che domina la Goerges e ora […]
  • AUS OPEN, IVANOVIC: “SONO MOLTO DELUSA” Ana è la prima vittima eccellente nel torneo di Melbourne. Visibilmente contrariata la serba, raggiante la sua carnefice Hradecka. Gioia anche per la Gajdosova, ottimo esordio per Eugenie […]
  • AUS OPEN, DAY 3. FEDERER: “DECISIVO IL SECONDO SET” Dolgopolov si arrende a Federer, che raggiunge Djokovic al turno successivo. Avanti anche Serena Williams, Sharapova e Radwanska. Le voci del dopogara

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Ottobre 2017

  • Il clone di Serena Anche il suo nome inizia con la "S", anche lei ha la pelle nera, anche lei è americana, anche lei ha vinto gli US Open. Sloane Stephens potrà veramente prendere il posto della Willliams sul Tour e nel cuore degli appassionati?
  • "Next Gen" Shapovalov Diciotto anni, israeliano di sangue russo, Denis ha vissuto un'estate da leone sul circuito collezionando due vittorie da incorniciare su del Potro e Nadal. Tutto lascia pensare che non si tratti di un fuoco di paglia.
  • La Rod Laver Cup svecchia la Davis Ci voleva la formula innovativa del nuovo torneo a squadre, nato sotto la sapiente guida del grande Federer, per convincere la Federazione Internazionale a rivoluzionare l'ormai obsoleta Coppa Davis.