AUSTRALIA, È ANCORA GUERRA TRA HEWITT E TOMIC

Il capitano e il tennista si attaccano a vicenda dopo lo spareggio contro la Repubblica Ceca. L'Australia non riesce a godersi l'accesso ai quarti

TENNIS – Che l’Australia non stia vivendo una situazione particolarmente tranquilla in materia di Davis, è una notizia ormai di lungo corso. Quando però non bastano nemmeno le vittorie a placare gli attriti interni al team, il rischio di ripercussioni durante gli scontri diretti accresce ulteriormente la tensione. Protagonisti dell’ultima diatriba del weekend sono Lleyton Hewitt e Bernard Tomic.

Non sono passate molte ore, prima che il capitano della Nazionale e il discusso tennista 24enne cominciassero il face-to-face, quantomeno a livello mediatico. Nonostante le tecniche persuasive del selezionatore australiano, il giocatore ha scelto di non prendere parte al primo turno contro la Repubblica Ceca, poi vinto 4-1. Non solo: aprile è ancora lontano, ma ha già confermato la sua indisponibilità anche per i quarti di finale contro gli Stati Uniti. Una situazione che rischia di sfuggire di mano, ma Hewitt non ha alcuna intenzione di darla vinta a Tomic, che sembra serbare parecchio rancore ricordando la sua risalita nel ranking maschile.

Quando sono rientrato tra i primi 100 e sono riuscito ad entrare in top 20 – spiega Bernard – l’ho fatto soltanto grazie al mio team. Non devo ringraziare nessun altro, se non mio padre e mia sorella”. Un modo come un altro per dire che, senza la Nazionale, la sua mente è rimasta sgombra da qualsiasi malumore e si è concentrato esclusivamente sulla sua scalata. Non è dello stesso avviso il capitano australiano, che invece punta il dito contro il padre: “La sua presenza nella carriera del figlio sta diventando estremamente asfissiante. In questo modo rischia di non far esplodere il suo potenziale, soprattutto in un’età così delicata come tra i 24 e i 25 anni. Può diventare un grande giocatore o rimanere sempre fuori dal circolo elitario”. Poi Lleyton chiude con l’ultima stoccata: “Per quanto mi riguarda, la considerazione che la Nazionale ha di lui non mi pare così positiva. Non mi interessa se questo weekend non fosse a suo agio o se non si sentisse in condizione di giocare, penso sia giusto dar merito al team che ha battuto la Repubblica Ceca. Concentriamoci su questo e sugli Stati Uniti”.

Un nuovo capitolo è in procinto di essere scritto, ma le pagine più avvincenti verranno sicuramente sfogliate a ridosso del prossimo impegno di Coppa Davis. L’Australia ospiterà gli americani e lo farà nell’ormai consueto clima bellicoso all’interno del team. Prevarrà il nervosismo o la Nazionale di Hewitt riuscirà a trarre l’energia necessaria per sbarcare in semifinale?


Nessun Commento per “AUSTRALIA, È ANCORA GUERRA TRA HEWITT E TOMIC”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • AUSTRALIA, DARWIN PER LA DAVIS Il capoluogo del Territorio del Nord per ospitare i quarti di finale contro il Kazakistan, carnefice della nazionale italiana. Appuntamento previsto per il weekend del 17-19 luglio, chi […]
  • RIO 2016, L’AUSTRALIA AVVERTE KYRGIOS E TOMIC Nessuna eccezione per i giochi olimpici brasiliani. Se Kyrgios e Tomic continueranno a comportarsi così, la benevolenza dell'Australia potrebbe venir meno
  • DAVIS, SEMIFINALI: RIFLETTORI SU MURRAY, GOFFIN GUIDA IL BELGIO Gran Bretagna-Australia e Belgio-Argentina in un venerdì di metà settembre. Lo scozzese affronta Kokkinakis, il talento belga ospita Delbonis. Ecco il quadro e la presentazione dei quattro […]
  • DAVIS, SARÀ BELGIO-GRAN BRETAGNA Impresa a Bruxelles, dove i padroni di casa ribaltano lo svantaggio di ieri e portano a casa la qualificazione alla finale. Glasgow spinge i suoi beniamini contro l'Australia, la decide Murray
  • HEWITT, SACRIFICIO PER LA DAVIS L'australiano rende ufficiale un annuncio anomalo: salterà il Roland Garros per prepararsi al meglio alla sfida contro il Kazakistan. Decisione controcorrente rispetto a tanti altri colleghi
  • COPPA DAVIS, NEL WEEKEND LE SEMIFINALI L'Emirates Arena di Glasgow accoglie la Gran Bretagna, attesa dallo scontro con l'Australia. Forest National di Bruxelles per Belgio-Argentina, l'altra sfida del tabellone. In palio i due […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Marzo 2017

  • Roger guarda sepre più avanti. Dopo l’incredibile traguardo raggiunto a Melbourne, il favoloso Federer non si pone più limiti e guarda al suo 2017 con occhi nuovi. È tornato a pensare che Wimbledon sia un suo terreno di conquista e spera di riuscire a riprendere le chiavi di quel “giardino incantato”.
  • Rafa vuole il Real Madrid. Un giorno vorrebbe diventare il Presidente del famoso club calcistico madrileno, ha ammesso Nadal, che da sempre ha una grande passione per il pallone. Che stia già pensando al ritiro dal circuito della racchetta.
  • Gli azzurri di Davis sognano. Dalla vittoria di primo turno, fatta registrare in Argentina sulla squadra detentrice dell’insalatiera d’argento, riprende la corsa di una nazionale italiana motivata e generosa, capace di riaccendere l’entusiasmo dei suoi tifosi.