AUSTRALIAN OPEN Q: FABBIANO A UN PASSO DAL MAIN DRAW, OUT PAOLINI

Continua la marcia di Thomas Fabbiano nel tabellone cadetto degli Australian Open: il pugliese, che non si spingeva così in avanti dal 2013, è a un solo match dal Main Draw. Finisce subito l'avventura di Jasmine Paolini
giovedì, 12 gennaio 2017

TENNIS – Thomas Fabbiano, unico superstite insieme a Luca Vanni, rimonta Akira Santillan e agguanta il turno decisivo del tabellone cadetto degli Australian Open. Il pugliese, che non si spingeva così in avanti a Melbourne Park dal 2013, vince 4-6 6-4 6-2 e raggiunge brillantemente il brasiliano Andre Ghem, giocatore con un passato da 118 del mondo, uscito indenne – ma non senza qualche difficolà – dalla sfida con Yuya Kibi. Meno fortunata è la prima volta di Jasmine Paolini. La toscana classe ’96, alla prima esperienza in uno Slam, cede con onore alla testa di serie numero 7, Rebecca Sramkova, numero 118 delle classifiche mondiali, riuscendo a racimolare solamente sette game: 6-3 6-4 il punteggio finale.

Be Sociable, Share!

Nessun Commento per “AUSTRALIAN OPEN Q: FABBIANO A UN PASSO DAL MAIN DRAW, OUT PAOLINI”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Maggio 2018

  • Nadal senza limiti. Continua a primeggiare il n.1 del mondo, in barba agli infortuni, al nuovo che avanza e anche ai suoi quasi 32 anni. Un fenomeno che si nutre di "mattone tritato".
  • Gli Internazionali di un tennista romano. Nascere ad un passo dal centrale del Foro Italico, scrutarlo, sognarlo e riusicire a calcarlo da beniamino del pubblico. "Core de Roma" Pistolesi racconta il suo sogno diventato realtà.
  • In America qualcosa si muove. I tornei d'oltreoceano giocati a Indian Wells e Miami hanno mostrato un panorama tennistico in movimento, in cui le certezze dei campionissimi traballanno e cominciano a intravedersi sprazzi di futuro.