AUSTRALIAN OPEN, SERENA WILLIAMS: “QUI GRAZIE A VENUS”

Serena Williams e Venus parlano al termine della finale degli Australian Open: le loro dichiarazioni

Tennis. Serena Williams vince il suo Slam n.23 staccando Steffi Graf a 22 ed avvicinandosi ulteriormente al record incredibile di Margaret Court a quota 24. Ad essere vittima di questo grande risultato è la sorella Venus: sono splendide le parole delle due, una per l’altra, a margine della finale Slam giocata a distanza di 8 anni dall’ultima.

Il primo precedente, 19 anni fa, tra le due si giocò proprio a Melbourne. Così ha parlato la vincente Serena: “Ringrazio Venus, è una persona straordinaria. Non sarei a 23 Slam senza di lei, non avrei ottenuto niente senza di lei. E’ l’unico motivo per il quale sono ancora qui, esistono le sorelle Williams perché lei mi ha ispirato. È una grande sensazione averne 23. L’ho inseguito per molto tempo, qui sapevo di avere un’opportunità. Non c’è posto migliore di Melbourne per farlo, e non c’è giocatrice migliore con cui condividere questo successo con Venus. È tutto perfetto. Qual è il numero che voglio raggiungere? Non ne ho mai avuto uno in mente. Quando ho cominciato questo percorso, volevo solo vincere un Grand Slam. Ogni volta che scendo in campo, voglio vincere. Ad inizio torneo avevo detto a Patrick [Mouratoglou], ma se vinco questo torneo divento la numero uno? E lui no no. Poi nella premiazione ho sentito ‘la numero uno’ e mi sono detta ‘davvero’?.  Sentivo che indipendentemente dal risultato finale, oggi non avrei perso. Perché se avessi perso, non si sarebbe trattata di una sconfitta, so quello che Venus ha passato. So quanto lavora duramente. Soprattutto prima di questo torneo ha lavorato molto duramente. Rispetto al passato, oggi in partite così mi sento soddisfatta anche se voglio sempre vincere. na cosa che ho imparato in passato è che bisogna godersi il momento. Questa è il bello del vincere in Australia, hai qualche mese per rilassarti. Se vinci il Roland Garros, subito dopo ce n’è un altro. Dopo l’Australian Open invece puoi riposarti”.

Felice comunque anche Venus per essere tornata a grandi livelli dopo le mille peripezie: “E’ stato bellissimo avere l’opportunità di giocare per il titolo. È questo quello che voglio fare quando gioco uno Slam. Mi sentivo pronta, ho giocato finali Slam per anni e ho esperienza. Mi è mancato giocare finali di questa importanza mentre lei le raggiungeva, e averlo fatto di nuovo è stato bellissimo. All’inizio della partita ci sono stati alcuni errori ma giocavamo in maniera aggressiva. Io ho avuto delle opportunità ma ho sbagliato alcuni colpi di qualche unghia. È un numero importante 23 Slam. So che vorrebbe averne un po’ di più. Chi non lo vorrebbe? È stato un gran momento. Sono molto contenta che sia arrivata a 23. Il mio torneo rimane comunque positivo, tante belle prestazioni. Non ho perso un set fino alla semifinale e ho giocato contro tante giocatrici in forma. È un gran modo per cominciare l’anno e non vedo l’ora dei prossimi tornei. La mia programmazione? Non giocherò la Fed Cup. È stata una settimana dura per me, devo sapermi gestire. Sarà per la prossima volta, magari per le sfide che si giocano vicino alla Florida.”


Nessun Commento per “AUSTRALIAN OPEN, SERENA WILLIAMS: "QUI GRAZIE A VENUS"”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Dicembre 2017

  • Dimitrov e Wozniacki "Maestri". Due veterani del tour ancora in parte inespressi, che a fine stagione hanno saputo cogliere il momento propizio. Nel 2018 sono comunque attesi alla prova del nove, magari un trionfo Slam...
  • Chi è Hyeon? Di cognome fa Chung, è coreano ed è più che coriaceo in campo. Qualità, quest'ultima, che gli è valsa la vittoria alla prima edizione delle "Next Gen" meneghine. Adesso lo aspettano i "grandi".
  • Giochi di squadra. Dopo oltre tre lustri, Francia e Stati Uniti riconquistano rispettivamente la Coppa Davis e la Fed Cup. Onore al merito dei due capitani ex giocatori, Yannick Noah e Kathy Rinaldi, che hanno saputo ricompattare e motivare le loro gloriose compagini.