AZARENKA EXPRESS

La numero uno del mondo annienta in un'ora la Kuznetsova e strappa il pass per gli ottavi a Indian Wells. Avanti Goerges, Kerber e Li. Colpaccio dell'americana McHale: eliminata Petra Kvitova
lunedì, 12 marzo 2012

Indian Wells – La quinta giornata del Wta Premier Mandatory di Indian Wells ($5.536.664 – cemento) prevedeva la disputa degli otto incontri di terzo turno della parte alta del tabellone. La copertina va ad una spaziale Victoria Azarenka, che ha letteralmente spazzato via la malcapitata Svetlana Kuznetsova. Tra le altre, successi agevoli per Julia Goerges e Na Li.

Azarenka show! Su uno Stadium 1 semideserto, la numero uno del mondo era attesa ad una prestazione di spessore dopo l’esordio da brividi contro Mona Barthel. La bielorussa ha iniziato il match come peggio non avrebbe potuto: due doppi falli, un errore di dritto e break regalato subito alla Kuznetsova. La reazione è stata però immediata e, soprattutto, rabbiosa. Vika ha aggiustato presto il mirino diventando ingiocabile per la Svetlana odierna. Il dritto, colpo solitamente meno solido, è stato devastante da ogni angolo del campo mentre il rovescio si è confermato una garanzia. La russa ha finito per fare il tergicristallo e non è più riuscita a fare un game che fosse uno, dominata sul piano tecnico e atletico. La Azarenka ha infilato sei giochi in 25 minuti e ha conquistato il primo set. Sveta ha stoppato l’emorragia soltanto nel primo game della seconda frazione di gioco. Ma l’equilibrio è durato poco, interrotto da una Azarenka talmente centrata e sicura di sé da sperimentare con profitto schemi a lei atipici (smorzate, attacchi in controtempo). La Kuznetsova è stata inerme e, spesso, inerte. E così, dal 2-1 in suo favore, ha subìto un fulmineo parziale di cinque games consecutivi che ha sancito la fine della disfida in un’ora esatta di gioco. Ottima prestazione di Vika, fortino inespugnabile quando deve difendersi ma picchiatrice letale quando è l’ora di contrattaccare. Sorretta da una condizione atletica eccellente, sta cementificando la sua tenuta mentale a suon di vittorie (sono 19, a fronte di zero sconfitte nel 2012). A voler essere pignoli, l’unico neo sarebbe il rendimento al servizio, sebbene sia migliorato rispetto al match contro la Barthel (oggi comunque nessun ace e tre doppi falli). Rimane il fatto che la Kuznetsova è (stata?) sì una grande giocatrice ma quando se ne ricorda: la versione anti-Azarenka non può essere un test probante per la bielorussa, attesa ora ad uno scoglio più duro.

Avanti Goerges e Li. La prossima avversaria di Victoria Azarenka sarà infatti l’avvenente Julia Goerges (14), vincitrice su Anabel Medina Garrigues con il punteggio di 6-3 6-4. Vittoria convincente per la tedesca, nonostante il piccolo black-out accusato all’inizio del secondo set. Dopo aver ottenuto il break nel quarto game, Julia ha a sua volta ceduto la battuta nel settimo gioco a causa di due doppi falli e un errore di rovescio. Un parziale di 8 punti a 0 le ha però regalato il primo parziale. A quel punto è arrivato il passaggio a vuoto, che ha issato la Medina sul 3-0 nel secondo set. La spagnola ha quindi richiesto il medical time out, al termine del quale le è stata applicata una vistosa fasciatura alla coscia destra. Al rientro in campo, la Goerges si è aggiudicata sei games su sette chiudendo la pratica in 1h39m. La 23enne di Bad Oldesloe ha sempre tenuto in mano il pallino del gioco, facendo sfracelli con il dritto inside in; da registrare, invece, la bassa percentuale di prime in campo (45%), colpo con il quale ha però concesso le briciole (4/25). Ancora più agevole è stato il successo di Na Li, che nel derby made in China ha superato la connazionale Jie Zheng in due rapidi set: 6-1 6-3. Match mai in discussione, che ha visto una Li ritrovata dopo che nel turno precedente aveva rischiato l’eliminazione contro Galina Voskoboeva. E dire che la Zheng aveva sempre vinto nelle quattro sfide precedenti. Accede agli ottavi senza neanche giocare Angelique Kerber: la tedesca ha usufruito del ritiro di Vania King (virus).

Kvitova eliminata. Che Petra Kvitova non fosse al top della condizione era arcinoto. La numero 3 del mondo era reduce da un mese di stop a causa di un’infiammazione al tendine d’Achille prima e di un virus influenzale poi, problemi che l’avevano costretta a saltare Dubai e Doha. In pratica, a febbraio non è mai scesa in campo. Arrivata ad Indian Wells, aleggiava su di lei l’incognita sullo stato di salute. Così, dopo l’esordio comodo contro la connazionale Zahlavova Strycova, si attendevano avversarie più significative per testarne le reali condizioni. Il test è arrivato e, con essa, la sconfitta. Petra è stata sorpresa da Christina McHale, vincitrice in rimonta con il punteggio di 2-6 6-2 6-3. Dopo una buona partenza, la Kvitova è andata via via spegnendosi dietro ad un servizio che se tanto le aveva dato nel primo set (100% di punti con la prima), tantissimo le ha tolto nei restanti due parziali (7 doppi falli e il 44% di punti con la prima nel terzo set). La speranza più fulgida del tennis Usa (classe ’92), è stata brava ad approfittare del calo di Petra e non ha tremato quando ha servito per il match sul 5-3, chiudendo l’incontro con una splendida smorzata di rovescio. La McHale, accreditata della testa di serie per la prima volta in un Premier Mandatory, conquista anche la sua prima vittoria stagionale contro una top ten (nel 2011 aveva battuto la Wozniacki). Ora sfiderà Angelique Kerber, partita che potrebbe portare a casa. Prosegue anche il sogno della wildcard Jamie Hampton, altra giovane americana (1990) che approda agli ottavi dopo aver regolato in tre set Jarmila Gajdosova. Non è scesa in campo Vera Zvonareva (k.o per un virus influenzale).

Wta Indian Wells – Risultati terzo turno
(1) Victoria Azarenka (BLR) d. (25) Svetlana Kuznetsova (RUS) 61 62
(32) Christina McHale (USA) d. (3) Petra Kvitova (CZE) 26 62 63
(5) Agnieszka Radwanska (POL) d. (27) Flavia Pennetta (ITA) 64 62
(8) Li Na (CHN) d. (31) Zheng Jie (CHN) 61 63
Klara Zakopalova (CZE) d. (9) Vera Zvonareva (RUS) w/o (viral illness)
(14) Julia Goerges (GER) d. (24) Anabel Medina Garrigues (ESP) 63 64
(18) Angelique Kerber (GER) d. Vania King (USA) w/o (GI illness)
(WC) Jamie Hampton (USA) d. Jarmila Gajdosova (AUS) 62 67(1) 62

Be Sociable, Share!

Nessun Commento per “AZARENKA EXPRESS”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

  • ERRANI E VINCI A BRACCETTO Al WTA di Palermo esordio agevole per Sara Errani e Roberta Vinci, rispettivamente su Gallovits e Knapp. Impresa della Camerin contro la Medina Garrigues
  • INDIAN WELLS: IN SEMIFINALE SVETLANA KUZNETSOVA… Vittoria di Svetlana Kuznetsova e Karolina Pliskova che accedono alla semifinale degli Indian Wells dopo aver sconfitto rispettivamente Anastasia Pavlyuchenkova e Garbine Muguruza
  • INDIAN WELLS: ONORE A ELENA VESNINA Ottiene il suo primo torneo Premier, Elena Vesnina, che ha sconfitto la conterranea Kuznetsova in tre set e salendo alla posizione numero 13 del mondo, suo best ranking...
  • CETKOVSKA SORPRENDE AGNESE A Roma la tennista ceca elimina a sorpresa la numero 3 Radwanska. Julia Goerges supera Marion Bartoli. Nessun problema per Li e Kerber. Caroline Wozniacki si ritira contro Anabel Medina Garrigues
  • INDIAN WELLS: FINALE TUTTA RUSSA TRA KUZNETSOVA E VESNINA Accedono alla finale degli Indian Wells due tigri: Svetlana Kuznetsova ed Elena Vesnina, che si affronteranno per la seconda volta in carriera (2009 e 2014) dove regna la parità
  • BENE LI E RADWANSKA, FUORI LA HALEP, DISASTRO GOERGES TENNIS – Aperte le danze al Roland Garros, arrivano già le prime sorprese. Nessun problema per Na Li e Agnieszka Radwanska. La rumena Halep, sorpresa di Roma, già eliminata. Molto male la […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Dicembre 2017

  • Dimitrov e Wozniacki "Maestri". Due veterani del tour ancora in parte inespressi, che a fine stagione hanno saputo cogliere il momento propizio. Nel 2018 sono comunque attesi alla prova del nove, magari un trionfo Slam...
  • Chi è Hyeon? Di cognome fa Chung, è coreano ed è più che coriaceo in campo. Qualità, quest'ultima, che gli è valsa la vittoria alla prima edizione delle "Next Gen" meneghine. Adesso lo aspettano i "grandi".
  • Giochi di squadra. Dopo oltre tre lustri, Francia e Stati Uniti riconquistano rispettivamente la Coppa Davis e la Fed Cup. Onore al merito dei due capitani ex giocatori, Yannick Noah e Kathy Rinaldi, che hanno saputo ricompattare e motivare le loro gloriose compagini.