BIEL: ARRIVA IN FINALE LA GIOVANE MARKETA VONDROUSOVA…

Prima finale in carriera per la giovane Marketa Vondrousova che ha battuto la numero 1 del seed, Barbora Strycova. Nella finale di domani, la ceca affronterà la Kontaveit...

Tennis – Sarà Kontaveit vs Vondrousova la finale del torneo di Biel in programma domani. L’estone si è infatti aggiudicata la finale grazie alla vittoria su Aliaksandra Sasnovich 6-4 4-6 7-5, in una battaglia durata quasi 3 ore e corredata da 4 ace, 3 doppi falli e il 74% della prima.

Sono troppo felice, non me l’aspettavo affatto – ha detto la Kontaveit nel post gara. Ho giocato davvero un buon tennis cercando di rimanere concentrata su ogni punto…e ce l’ho fatta!“.

Avversaria della Kontaveit sarà quindi Marketa Vondrousova che ha sconfitto la favorita, e numero 1 del seed, Barbora Strycova 7-6(3) 6-2 riuscendo a raggiungere la sua prima finale WTA in assoluto. “È bellissimo, ho conquistato la mia prima finale. Sono molto fiera di me, ho attaccato molto e ho tentato il tutto per tutto…ora penso a domani, non sarà facile ma sono comunque felice” ha detto la diciassettenne Vondrousova.

 


Nessun Commento per “BIEL: ARRIVA IN FINALE LA GIOVANE MARKETA VONDROUSOVA...”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora