BIEL: ARRIVA IN FINALE LA GIOVANE MARKETA VONDROUSOVA…

Prima finale in carriera per la giovane Marketa Vondrousova che ha battuto la numero 1 del seed, Barbora Strycova. Nella finale di domani, la ceca affronterà la Kontaveit...

Tennis – Sarà Kontaveit vs Vondrousova la finale del torneo di Biel in programma domani. L’estone si è infatti aggiudicata la finale grazie alla vittoria su Aliaksandra Sasnovich 6-4 4-6 7-5, in una battaglia durata quasi 3 ore e corredata da 4 ace, 3 doppi falli e il 74% della prima.

Sono troppo felice, non me l’aspettavo affatto – ha detto la Kontaveit nel post gara. Ho giocato davvero un buon tennis cercando di rimanere concentrata su ogni punto…e ce l’ho fatta!“.

Avversaria della Kontaveit sarà quindi Marketa Vondrousova che ha sconfitto la favorita, e numero 1 del seed, Barbora Strycova 7-6(3) 6-2 riuscendo a raggiungere la sua prima finale WTA in assoluto. “È bellissimo, ho conquistato la mia prima finale. Sono molto fiera di me, ho attaccato molto e ho tentato il tutto per tutto…ora penso a domani, non sarà facile ma sono comunque felice” ha detto la diciassettenne Vondrousova.

 


Nessun Commento per “BIEL: ARRIVA IN FINALE LA GIOVANE MARKETA VONDROUSOVA...”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Ottobre 2017

  • Il clone di Serena Anche il suo nome inizia con la "S", anche lei ha la pelle nera, anche lei è americana, anche lei ha vinto gli US Open. Sloane Stephens potrà veramente prendere il posto della Willliams sul Tour e nel cuore degli appassionati?
  • "Next Gen" Shapovalov Diciotto anni, israeliano di sangue russo, Denis ha vissuto un'estate da leone sul circuito collezionando due vittorie da incorniciare su del Potro e Nadal. Tutto lascia pensare che non si tratti di un fuoco di paglia.
  • La Rod Laver Cup svecchia la Davis Ci voleva la formula innovativa del nuovo torneo a squadre, nato sotto la sapiente guida del grande Federer, per convincere la Federazione Internazionale a rivoluzionare l'ormai obsoleta Coppa Davis.