BOUCHARD-SUMYK, FINE DELLA COLLABORAZIONE

La canadese, afflitta da un 2015 da dimenticare, si separa dal suo allenatore e dovrà sceglierne un altro in vista di Toronto. Basterà per dare una nuova svolta al suo talento?

TENNIS – Saranno i risultati del 2015 altamente demotivanti, sarà una condizione psicofisica non proprio eccellente dopo gli alti e bassi degli ultimi dodici mesi. Quel che è certo, è che a Genie Bouchard serviva una scossa immediata. E la scossa è arrivata, seppur con un po’ di ritardo rispetto a quanto ci si potesse aspettare. La giovane promessa canadese si è separata dal suo coach Sam Sumyk alla vigilia del torneo di Toronto.

La scelta di affidarsi all’allenatore francese, selezionato per il salto di qualità dopo la scorsa stagione, non ha evidentemente portato i frutti sperati. Un ruolino a dir poco negativo, quello che ha caratterizzato l’annata di Genie, scesa da una top ten con tantissime ambizioni ad un attuale venticinquesimo posto che rischia di veder bruciare il suo talento. Inversione di tendenza totale, soprattutto nelle prove dello Slam, sotto la guida del coach che guidò Vika Azarenka in vetta al ranking femminile.

Comincia a farsi largo, dunque, l’idea che separarsi da Nick Saviano non sia stata quella maggiormente indicata. Con il tecnico statunitense, la Bouchard è arrivata a toccare il numero cinque della classifica WTA, condito da ottime prove da Melbourne a Flushing Meadows. A ventuno anni, quindi, è il momento di riorganizzare le idee e decidere se riprendere la marcia verso una carriera brillante o accontentarsi dell’etichetta di meteora, nonostante diverse qualità che la potrebbero proiettare nell’Olimpo della racchetta rosa.

Dopo il ritiro per un problema addominale a Washington, è tempo di concentrarsi sul delicato appuntamento di Toronto. La canadese si sta allenando con il serbo Marko Dragic, con cui ha praticato in Florida, ma non ci sono ancora indicazioni ufficiali sull’ingaggio di un nuovo coach. Scelta che, probabilmente, verrà resa nota prima degli US Open, a cavallo tra fine agosto ed inizio settembre.


Nessun Commento per “BOUCHARD-SUMYK, FINE DELLA COLLABORAZIONE”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2018

  • "King Roger" forever. Ancora, ancora e ancora... a quasi 37 primavere Federer è di nuovo il "number one" del tennis mondiale, quattordici anni dopo la prima volta. Il giusto coronamento di venti stagioni sul Tour condite da venti titoli Slam.
  • Nostalgia Williams. Un inizio 2018 senza le "Black Sisters" protagoniste sul rettangolo di gioco è sembrato sbiadito. Serena ha prolungato il suo "congedo" di maternità, mentre Venus è partita male. Unica apparizione insieme nel doppio di Fed Cup, perso!
  • Evviva il Fognini nazionale. In Coppa Davis il tennista ligure dà sempre il meglio di sé. Decisivo il suo apporto per superare il Giappone al 1° turno, ma nei quarti previsti a Genova dovrà superarsi guidando l'Italia contro i francesi campioni in carica.