BYCHKOVA: “WTA, UNA SU DIECI È LESBICA”

Nell'intervista ai microfoni di Eurosport, la tennista russa Ekaterina Bychkova svela i segreti del circuito femminile. Ma anche gli uomini non scherzano...

TENNIS – I segreti che non ti aspetti, o forse sì. Il tennis internazionale non è solo un match al giorno, allenamenti e viaggi sfiancanti da un continente all’altro. Probabilmente sono davvero in pochi che la pensano così. A svelare quello che c’è dietro è la tennista russa Ekaterina Bychkova, che getta via la maschera del circuito maschile e femminile e racconta ciò che a quasi nessuno è concesso sapere.

La 32enne moscovita parte da quello che ha potuto constatare di persona, soprattutto stando a contatto con le colleghe all’interno degli spogliatoi durante alcuni allenamenti: “Nel tennis ci sono un sacco di donne lesbiche, credo che la media possa aggirarsi sul 10%. Non è una cosa che mi infastidisce, sia chiaro, ma mi fanno sentire a disagio quando lanciano occhiate che invadono la privacy. È una cosa che non accetto, sento che viene violato il mio spazio personale e non va bene“. Non mancano i nomi: “Suarez-Navarro, Daniilidou, Dellacqua, Raymond, Stubbs – elenca la giocatrice – se dovessi fare qualche nome così al volo, direi loro“.

In quanto a segreti, però, sembra che anche gli uomini mantengano un certo riserbo su alcune circostanze. La Bychkova racconta: “C’è una larga predisposizione al fumo e all’alcool, se non peggio. Ricordo che Ferrer fumò un’intera confezione di tabacco a 24 ore da un match. Ancora non mi spiego come abbia fatto a scendere in campo il giorno dopo. Oppure c’è Wawrinka, che è un vero e proprio animale da palcoscenico e vita notturna. Io sono russa, e anche se sono di Mosca, le sue avventure a San Pietroburgo sono note a gran parte del circuito“. Ekaterina, poi, tende a giustificare determinati comportamenti: “A volte è necessario trovare un attimo per rilassarsi. Questo può essere un leggero ed isolato eccesso, o una fuga in discoteca. Ognuno la interpreta a modo suo“.

Infine, anche un riferimento alle condizioni che i giocatori hanno trovato in India durante il tour dell’ultimo anno: “È una situazione davvero al limite – conclude la Bychkovaè come fare un viaggio indietro nel tempo. La gente non si lava e dorme per strada, non si può toccare nulla o bere acqua da bottiglie non sigillate. C’è un grave rischio sanitario al quale veniamo sottoposti ogni volta che ci troviamo in zona, è un problema al quale bisogna trovare una soluzione“.

A quanto pare, dunque, la medaglia del tennis internazionale ha due facce ben distinte. Non è tutto impeccabile come la famiglia Federer e non è nemmeno tutto sfavillante come il montepremi degli US Open: c’è anche un lato nascosto da portare alla luce. Chissà se la Bychkova riuscirà a far passare questo messaggio, o se invece verrà considerato un pettegolezzo da smentire.


Nessun Commento per “BYCHKOVA: "WTA, UNA SU DIECI È LESBICA"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Marzo 2017

  • Roger guarda sepre più avanti. Dopo l’incredibile traguardo raggiunto a Melbourne, il favoloso Federer non si pone più limiti e guarda al suo 2017 con occhi nuovi. È tornato a pensare che Wimbledon sia un suo terreno di conquista e spera di riuscire a riprendere le chiavi di quel “giardino incantato”.
  • Rafa vuole il Real Madrid. Un giorno vorrebbe diventare il Presidente del famoso club calcistico madrileno, ha ammesso Nadal, che da sempre ha una grande passione per il pallone. Che stia già pensando al ritiro dal circuito della racchetta.
  • Gli azzurri di Davis sognano. Dalla vittoria di primo turno, fatta registrare in Argentina sulla squadra detentrice dell’insalatiera d’argento, riprende la corsa di una nazionale italiana motivata e generosa, capace di riaccendere l’entusiasmo dei suoi tifosi.