wtacalendar

CALENDARIO WTA 2014, ECCO I CAMBIAMENTI ALL’ORIZZONTE

Tennis. Tante le novità in programma per il 2014 targato Wta. Il nuovo calendario da poco divulgato ha messo in evidenza i numerosi cambiamenti che vedranno la luce proprio nell’anno che è alle porte. Tra mutamenti di sedi, avvicendamenti, promozioni e declassamenti e, purtroppo, scomparse di tornei storici andiamo a controllare quali saranno le novità più importanti.

La stagione attuale si è conclusa da poco con un altro dominio molto netto della numero uno del mondo Serena Williams agevolato dall’annata non esaltante delle sue principali inseguitrici che hanno, chi per un motivo chi per un altro, rifiatato. La nostra Sara Errani non si muove dalla Top 10 mentre l’altra cichi Roberta Vinci è rimasta sull’uscio dopo aver sfiorato l’entrata più volte. Dall’anno prossimo molti dei punti messi in palio si decideranno in territorio asiatico. La novità più importante infatti è proprio questa: l’Asian swing si arricchirà nel 2014 di due nuove tappe. Nella seconda settimana di settembre ecco che prenderà il via il torneo International di Hong Kong che arricchirà una settimana già molto densa con altri due International a Tashkent ed a Quebec City. Sempre a settembre, ma nella penultima settimana, ci sarà un nuovo evento Premier ospitato dalla città di Wuhan, la più popolosa metropoli della Cina centrale. Continua dunque a crescere la famiglia delle kermesse di stanza in Asia con ben 16 tornei ospitati di cui 5 solo sul suolo cinese.

Ed in Asia si sposterà dal prossimo anno il torneo finale del Wta Championships. La kermesse che conclude la stagione e che vede affrontarsi le migliori otto tenniste del mondo lascia infatti Istanbul dopo 3 anni e parte alla volta di Singapore. Il 20 ottobre prossimo verrà dunque battezzata la struttura avveniristica del Singapore Sports-Hub che fungerà da ritrovo per l’eccellenza del tennis femminile per i prossimo cinque anni (dal 2014 al 2018). Non subirà invece cambiamenti di sede il Tournament of Champions che rimarrà ancora di stanza a Sofia. Per quanto riguarda Istanbul, la capitale turca tornerà ad ospitare un evento International, la Istanbul Cup in programma a metà luglio.

Un’altra macro-area geografica ad arricchire il suo palcoscenico di eventi Wta è il Sud America. Quest’anno abbiamo assistito al debutto della Brazil Tennis Cup di stanza a Florianopolis in Brasile. Dal 2014 la nazione carioca ospiterà una nuova manifestazione sempre International in quel di Rio de Janeiro. L’evento prenderà il posto di Memphis nel calendario ed andrà in scena a metà febbraio. Contando anche Bogota diventano dunque tre gli appuntamenti di livello International in Sud America per il tennis femminile.

Tra le altre novità c’è da annotare la promozione dell’evento di Birmingham a Premier ed il declassamento di Bruxelles ad International. Prendiamo atto purtroppo del fatto che il Wta di Palermo non avrò più luogo, depennato assieme a Carlsbad. Mentre Acapulco e Katowice vedranno un cambiamento di superficie da terra rossa a cemento. Il Porsche Tennis Grand Prix di Stoccarda dunque rimarrà l’unico torneo su terra rossa indoor.


Nessun Commento per “CALENDARIO WTA 2014, ECCO I CAMBIAMENTI ALL'ORIZZONTE”


Inserisci il tuo commento


Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di AGOSTO 2015

  • TUTTI PAZZI PER GARBINE
    Dotata di un diritto travolgente e di un repertorio di colpi estremamente efficaci, Garbiñe Muguruza è la prima spagnola a divenire top-ten dopo 15 anni. In campo gioca da padrona, mentre nel web ha fatto strage di cuori; ecco i suoi segreti.
  • US OPEN: ODORE DI GRAND SLAM
    A Wimbledon 2015 entrambe le gare di singolare sono andate ai leader mondiali, con Novak Djokovic salito a quota 3 trofei dei Championships e Serena Williams a quota 6. Proprio l’americana potrebbe realizzare il Grand Slam a New York, 27 anni dopo Steffi Graf.
  • ODIO E AMORE PER KYRGIOS
    Molto criticato ma altrettanto elogiato, il talentuoso australiano continua a far parlare di sé. E c’è chi pensa che Nick potrà addirittura diventare il più grande campione di tutti i tempi.