CHALLENGER BERGAMO, ALE’ BERRETTINI: GO JANOWICZ

L'ultimo italiano rimasto in gara fa sognare gli spettatori del Challenger di Begamo: avanza anche Janowicz

Tennis. Continua la scalata di Matteo Berrettini, sia alle fasi finali del Challenger di Bergamo che al Ranking Atp. In virtù del risultato sin qui raggiunto è già previsto che a fine torneo potrà guadagnare una quarantina di posizioni, vicino alla n.339 della classifica mondiale. Le prospettive sono però ben più ottimistiche per il romano, che fino a settembre non ha punti da difendere a causa del serio infortunio che ne aveva tamponato la promettente crescita per quasi l’intero 2016.

Il ventenne vendica Vanni ed elimina il tedesco Langer con il punteggio finale di 6-4, 7-5. Il prossimo turno sarà uno dei più complicati che potevano capitare a Matteo, arriva il kazako Golubev. L’ex n.33 del mondo ha battuto con autorità Ivashka per 6-2, 6-1 ed è il favorito alla vittoria finale assieme a Janowicz.

Pronostico rispettato anche per il polacco. L’ex semifinalista di Wimbledon supera Basic in un’ora e venti di gioco, con qualche ansia nel primo set vinto al tie-break. Risultato finale di 7-6(4), 6-2. nei quarti di finale incontrerà a sorpresa il bielorusso Gerasimov che batte l’ex top 50 Lacko dopo una battaglia lunga tre set: punteggio finale di 6-4, 1-6, 6-3.

Il programma odierno si completa con le altre due sfide: Krajinovic-Boutillier ed Hanfmann-Halys. La speranza italian è dunque tutta in Berrettini, atteso da un match difficile ma non impossibile, così da far dimenticare le forte delusione provenienti dai prematuri ko di Vanni, Napolitano, Arnaboldi e soprattutto di Seppi.


Nessun Commento per “CHALLENGER BERGAMO, ALE' BERRETTINI: GO JANOWICZ”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora