DALLA CINA IL FURORE DEGLI ITALIANI: FINALE FABBIANO-BERRETTINI

Il Quanzhou Open vedrà una finale tutta tricolore tra Fabbiano e Berrettini

Tennis. Al Quanzhou Open, che ha vissuto quest’anno la sua prima storica edizione, l’albo d’oro metterà come prima insegna il nome di un italiano. Si tratterà infatti di una finale tutta italiana, che contrapporrà Thomas Fabbiano al giovane Berrettini.

Un Challenger di lusso, visto il montepremi di 50 mila dollari messo in palio. un roster che si presentava piuttosto corposo, con il top 100 Sugita clamorosamente uscito al primo turno ma non solo. Prematuramente eliminati Vanni e Napolitano, i due azzurri si sono issati sino all’atto conclusivo con due semifinali diametralmente opposte per il loro evolversi.

Il tennista di Grottaglie ha giocato appena quattro game, vinti tutti da lui, prima che si ritirasse il bielorusso Ivashka. Per il ventenne azzurro invece una partita tiratissima, vinta in tre set con lo score finale di 6-4, 3-6, 6-4 sul tedesco Marterer.

Un derby in cui la testa di serie n.6 pugliese parte leggermente favorita, se non altro per la maggiore esperienza ed un 2017 importante. Una stagione cominciata alla grande con la qualificazione al primo turno degli Australian Open, perso dignitosamente con Donald Young. 

Per Berrettini invece è la stagione del lancio nei “grandi”, già autore di buonissime prestazioni nei Challenger italiani in particolare. La finale è prevista per questa notte, ore 4 italiane.


Nessun Commento per “DALLA CINA IL FURORE DEGLI ITALIANI: FINALE FABBIANO-BERRETTINI”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora