DAVIS: BERLOCQ BATTE LORENZI, ARGENTINA-ITALIA 2-2

Il vantaggio prima della rimonta, le speranze e la sconfitta al quinto set: Berlocq batte Lorenzi e tiene a galla l'Argentina, è 2-2 a Buenos Aires

TENNIS – Speranze, pioggia, illusione, sconfitta. Continua la brusca serie dell’Italia in Argentina: Carlos Berlocq vince il quarto match del testa a testa in Coppa Davis e porta la sua Nazionale sul 2-2. Il successo del sudamericano fa il paio con quello in doppio nella giornata di ieri: Paolo Lorenzi va ko 4-6 6-4 6-1 3-6 6-3.

Parque Sarmiento confida nella possibilità di rimontare gli azzurri, ma Lorenzi fa subito vedere gli spettri ai padroni di casa. Break nel terzo game del primo set, prima di subire il recupero di Berlocq nell’ottavo. Quando l’inerzia sembra spostarsi a favore del sudamericano, l’italiano piazza il contro-break che gli permette di servire per il 6-4, che si concretizza alla prima di due occasioni a disposizione.

Nel secondo, però, arriva la reazione argentina, ma c’è da soffrire per un fattore servizio che crolla in modo verticale: altri dieci games, ma stavolta il turno di battuta regge in sole tre occasioni. Passaggio a vuoto di entrambi, ma Berlocq trova la forza per conservarne uno in più rispetto al rivale e chiude 6-4 proprio sul servizio di Lorenzi, che invece riesce a tenere soltanto il turno del secondo gioco.

È tutto un gioco di nervi, che al terzo set vede il padrone di casa nettamente in vantaggio. Dall’1-1 in poi, una serie di cinque giochi consecutivi mette al tappeto Lorenzi, che si fa strappare la battuta in due circostanze e lascia scappare Berlocq verso il vantaggio nel computo dei set. L’argentino chiude 6-1 e si prepara a tentare il tutto per tutto nel quarto, in modo da archiviare il prima possibile la pratica.

Gli azzurri hanno talento nello spreco di grandi occasioni, ma anche nella resistenza e nel recupero psico-fisico. Con questa chiave, Lorenzi riesce a rimettersi in carreggiata nonostante lo stop imposto dalla pioggia, che rischia di far saltare nuovamente il banco. Il tennista senese d’adozione va al riposo sul 4-1, prima di tornare in campo dopo l’interruzione e mettere in saccoccia il quarto set con il punteggio di 6-3.

Tutto rinviato, dunque, al parziale decisivo. Le fatiche di pochi minuti prima cominciano a farsi sentire sull’azzurro, che cede a fatica il suo primo turno di battuta, mentre Berlocq regge con maggiore brillantezza l’urto sulla risposta. Anzi, l’argentino trova anche le forze per l’allungo al quarto game, quando sale 3-1 e servizio mettendo in crisi la fiducia di Lorenzi. L’aggressività degli ultimi giochi non basta, il tennista Albiceleste conserva a fatica il vantaggio e chiude 6-3 al quinto set.

L’Argentina si porta così sul punteggio di 2-2, in attesa del singolare tra Andreas Seppi e Guido Pella. Adesso si gioca sul filo dell’equilibrio, con l’auspicio che l’Italia riesca a reagire dopo le due sconfitte a cavallo tra ieri e oggi.


Nessun Commento per “DAVIS: BERLOCQ BATTE LORENZI, ARGENTINA-ITALIA 2-2”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Agosto 2017

  • Arrembaggio US Open L'ultimo Slam della stagione fa gola a molti, sopratutto a chi come Novak Djokovic o Andy Murray deve dimenticare un 2017 "zoppicante". Il prestigioso torneo americano fa però gola più di tutti a Roger Federer, il dio del tennis che vuole il ventesimo titolo Major.
  • Quando il gatto non c'è... i topi ballano. Mai detto fu più appropriato per Venus Williams, che sta sfruttando l'assenza per maternità della fortissima sorella Serena per ottenere ottimi risultati sul circuito e dimenticare guai fisici e gravi vicissitudini personali.
  • Sognate di lavorare per l'Atp? Leggete la nostra intervista a Nicola Arzani, Vice Presidente Media e Marketing dell'Associazione dei Tennisti Professionisti, e scoprite se questo "job" fa davvero per voi.