DAVIS CUP, CORO UNICO: “SFAVORITI MA LOTTEREMO”

Le parole alla viglia del match fra Belgio ed Italia valevole per i quarti di finale di Coppa Davis in partenza oggi

Tennis. Poco prima della sfida che può consegnare agli azzurri il pass per le semifinali di Coppa Davis tre anni dopo quella con i poi campioni svizzeri, hanno parlato il capitano Barazzutti, Seppi e Lorenzi.

Le prime parole sono quelle del navigato selezionatore italiano: “Il campo è veloce ma i nostri sono abituati a giocare su tutte le superfici e in questi giorni di allenamento si sono adattati. Il loro numero due Darcis è un ottimo giocatore da Davis, in questa competizione si esalta e lo ha dimostrato nel turno precedente contro al Germania. Lo stesso vale per Goffin, che è stato capace di entrare nei top ten. Però anche i nostri ragazzi interpretano bene le sfide in Davis, sono molto motivati e daranno il massimo contro un team che solo due anni fa ha raggiunto la finale”.

Passa il tempo ma gioca sempre meglio Lorenzi, punta di diamante vista l’assenza di Fognini: “Sarà un match duro, Darcis in Davis è molto solido. A Francoforte contro la Germania non c’era Goffin e da solo ha praticamente battuto la Germania vincendo i singolari sia con Zverev che con Kohlschreiber. Sto bene e spero di dare sin da subito il mio contributo, sarebbe importante partire con il piede giusto e regalare alla squadra il primo punto. Confermo quando dice Corrado, la superficie è veloce e le palline rimbalzano poco. Un vantaggio per i nostri avversari, ma ci siamo abituati”.

In chiusura l’esperto Seppi: “Sarebbe importante scendere in campo sull’uno a zero a nostro favore, con Goffin ho perso due volte ma è un avversario che ti fa giocare molti scambi. Il Belgio gioca in casa ed è favorito, ma noi ce la giocheremo fino in fondo e non partiamo certo battuti. In Davis ci esaltiamo, ci crediamo e proveremo a vincere come abbiamo già fatto in Argentina.


Nessun Commento per “DAVIS CUP, CORO UNICO: "SFAVORITI MA LOTTEREMO"”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora