DAVIS CUP, GLI USA GUIDATI DAL NUOVO N.1: C’E’ SOCK

Jack Sock guida la selezione dei quattro top 30 americani pronti a dare lotta all'Australia
giovedì, 6 aprile 2017

Tennis. Una lotta eterna fra le due selezioni più titolate nella storia della Coppa Davis. Il classico del tennis propone la sfida n.47 tra Australia e Stati Uniti. Mai come negli ultimi anni gli americani ci arrivano con un quartetto d’eccezioni, manca la stella ma sono ben quattro gli atleti presenti nella top 30 del Ranking Atp.

Se a scendere è John Isner, fuori dopo anni dalla top 20, sale il nuovo n.1 americano Jack Sock. Merito della semifinale raggiunta ad Indian Wells, persa con Federer e dei quarti a Miami dove invece è stato stoppato da Nadal. Il best ranking è ora la n.15 del mondo, con velleità probabili entro fine anno di top ten della classifica continentale.
Sock sfiderà il meno quotato Thomspon nel match inaugurale di domani: l’australiano però è reduce dalla doppia vittoria in singolare in febbraio contro la Repubblica Ceca, battendo Satral e soprattutto Vesely. Il fattore casa, si gioca sul cemento di Brisbane, è un avversario in più da affrontare per gli Usa.
Il match seguente opporrà Nick Kyrgios ad Isner, non in grande forma quest’ultimo. Per l’aussie la speranza di riportare l’Australia in semifinale. Il sabato proporrà un doppio equilibrato fra Querrey-Johnson e Groth-Peers. Domenica singolari invertiti, da una parte Thompson-Isner ma la giornata si aprirà forse col match decisivo e senza dubbio più interessante tra Sock e Kyrgios.

Nessun Commento per “DAVIS CUP, GLI USA GUIDATI DAL NUOVO N.1: C'E' SOCK”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora