DJOKOVIC CONQUISTA LA FINALE A ROMA, RAONIC BATTUTO IN RIMONTA

Novak Djokovic batte Milos Raonic nella prima semifinale degli Internazionali Bnl di Roma, il Serbo rimonta al terzo vincendo 6-7 7-6 6-3

Tennis. Al Foro Italico scendono in campo Novak Djokovic e Milos Raonic per la prima semifinale degli Internazionali Bnl di Roma. Il ventitreenne canadese sfida il numero due del ranking che ieri ha avuto la meglio su David Ferrer in un incontro a dir poco esaltante e culminato nel terzo set con la vittoria di Nole per 7-5 4-6 6-3. Raonic con questo risultato entra in top 10 e approda in semifinale dopo aver superato prima Tsonga (7-6 6-4) e poi Chardy (6-3 5-7 6-2) nei quarti di finale. Il canadese non aveva mai vinto un match nel torneo di Roma e si presenta oggi sfidando un Djokovic che punta dritto alla sua 29esima finale in un Master1000 e alla conquista del titolo per tentare il sorpasso ai danni di Nadal. Il numero 2 del mondo è favorito per la maggiore tecnica e la solidità da fondo, ma potrebbe pagare la durissima prova atletica alla quale l’ha sottoposto ieri Ferrer e la non ottima condizione fisica (il problema al polso non è stato risolto del tutto). Raonic da parte sua cercherà di mettere in difficoltà l’avversario con il suo servizio devastante (che raggiunge punte di 240km/h) e l’ottimo dritto.

1 Set- Buono l’approccio al match di Raonic, il canadese è aggressivo e dopo 2 fenomenali dritti a sventagio costringe Djokovic a salvare 2 palle break dal 15-40 nel secondo game. Situazione analoga nel quinto game dove Raonic cala tre aces consecutivi per uscire da una momento complicatissimo. Dopo un agevole turno di servizio, Djokovic spreca una buona opportunità per brekkare Milos dopo il vantaglio di 0-30. Arriva il nono game (il più combattuto del primo set) e  Raonic  deve difendere nuovamente il proprio turno di servizio: Djokovic si porta avanti 15-30 dopo 2 errori gratuiti del canadese, che però rimedia trovando un grandissimo angolo sul rovescio incrociato; dopo l’ennesimo errore con la palla che finisce sulla rete, Raonic offre una palla break che cancella con un ace. Sul 40 pari il neo-top ten prima sbaglia uno smash in arretramento buttando la palla in corridoio e poi ristabilisce la parità con un gran tocco sottorete stoppando la palla di controbalzo. Djokovic per scaricare la sua frustrazione scaglia la racchetta per terra: Raonic quando trova la prima di servizio diventa quasi ingiocabile e portando sempre a casa il game. Il serbo rischia di non tenere il servizio nel decimo gioco dopo una risposta un po’ fortunata del canadese che trova con il rovescio un angolo incredibile conquistando una palla break che però non riesce a trasformare. Si arriva al tiebreak.

Tiebreak– Djokovic va subito avanti dopo 2 errori di Raonic (il primo a rete e l’altro con il dritto da fondo). Il 3-0 arriva dopo una difesa strepitosa del serbo che contiene gli attacchi dell’avversario che non riesce a sfondare con il dritto nonostante la potenza impressa alla palla: Nole infila il passante in cross con il centrale del Foro Italico in piedi ad applaudire. Da qui in poi Nole si spegne, la testa di serie numero 2 commette 2 errori consecutivi, Raonic trova la giusta concentrazione che gli permette di sfoderare altri 2 ottimi servizi: Djokovic serve indietro 3-6 con 3 setpoint per il canadese. Djokovic tiene i 2 servizi ma non contiene la battuta centrale di Raonic che conquista il primo set 7-6 (7-5).

2 Set– Il match è girato nettamente a favore del ventitreenne canadese. Il nativo di Podgorica gioca in scioltezza trovando tutti gli angoli, Djokovic cerca di rispondere come può e solo 2 errori di Raonic permettono a Nole di salvare la palla break in apertura di set. Il serbo appare poco lucido, forse il match di ieri sta incidendo sul rendimento in questa partita e ci sono ancora 2 palle break da salvare per Novak: la prima se ne va con la palla che esce di pochi centimetri dalla riga. La seconda arriva con un devastante rovescio di Raonic che pizzica la riga di fondo ma Djokovic risponde da campione annullando la quinta palla break del match per il canadese con un passante lungolinea di rovescio. Il quarto game del set risulta fatale per Raonic che cede il proprio turno di battuta dopo aver salvato 2 palle break su 3 (6 fin qui). Neanche il tempo di esultare (galeotto fu l’urlo liberatorio di Djokovic dopo il 3-1 di pochi minuti fa), che Raonic prima si  inventa una fantastica smorzata da fondocampo cogliendo impreparato Nole, poi sfodera una formidabile risposta di rovescio che finisce fra i piedi del serbo il quale non controlla buttando la palla out: Controbreak immediato.

Si va al secondo tiebreak  dopo 5  turni di servizio interlocutori. Regna l’equilibrio con la prima semifinale che ci regala spettacolo grazie ad un ammirevole Raonic. Come nel primo set, Djokovic strappa il minibreak all’avversario e si porta 2-1 ma perde subito 2 punti consecutivi al servizio. Il nastro devia fuori dal campo il dritto di Raonic, si gira sul 3-3. Sul  5-4 Djokovic si conquista il set point strappando la battuta a Raonic che nel servizio successivo sbaglia di lunghezza con il dritto: si va al terzo set dopo 2 ore e 20 di gioco.

3 Set- In apertura di set Djokovic va subito avanti di un break sfruttando un’incertezza al servizio di Raonic che non trova la prima e sbaglia nello scambio da fondo. Nel secondo game Nole tiene facilmente il turno di battuta e il match. Sul 2-1 e servizio per la testa di serie numero 2, Raonic prova la reazione andando in vantaggio prima 15-30 e poi ottenendo una chance per il break dopo il doppio fallo di Novak ma lo scambio da fondo  favorisce l’errore di Raonic che manda la palla in corridoio. Il gigante canadese ora gioca di rincorsa, tiene il servizio ma non riesce ad incidere in modo decisivo nello scambio e a volte manca di lucidità, al contrario Djokovic ora sembra calmo e centrato sull’incontro e tiene a zero il turno di battuta andando avanti 5-3. Raonic si arrende nel nono game del terzo set dopo tre ore di gioco: Novak Djokovic si porta sullo 0-40 e realizza la seconda palla break vincendo su Milos Raonic per 6-7 7-6 6-3 e aspetta il vincitore della semifinale che vede opposti Nadal e Dimitrov.

 

Foto di Felice Calabrò


Nessun Commento per “DJOKOVIC CONQUISTA LA FINALE A ROMA, RAONIC BATTUTO IN RIMONTA”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Marzo 2017

  • Roger guarda sepre più avanti. Dopo l’incredibile traguardo raggiunto a Melbourne, il favoloso Federer non si pone più limiti e guarda al suo 2017 con occhi nuovi. È tornato a pensare che Wimbledon sia un suo terreno di conquista e spera di riuscire a riprendere le chiavi di quel “giardino incantato”.
  • Rafa vuole il Real Madrid. Un giorno vorrebbe diventare il Presidente del famoso club calcistico madrileno, ha ammesso Nadal, che da sempre ha una grande passione per il pallone. Che stia già pensando al ritiro dal circuito della racchetta.
  • Gli azzurri di Davis sognano. Dalla vittoria di primo turno, fatta registrare in Argentina sulla squadra detentrice dell’insalatiera d’argento, riprende la corsa di una nazionale italiana motivata e generosa, capace di riaccendere l’entusiasmo dei suoi tifosi.